STALKER SARAI TU

La storia di Alessio (quarta puntata)

Questo blog ha interrotto le pubblicazioni il 14/09/2020, dopo 4 anni di attività.

Le sue tematiche sono ora sviluppate da una nuova piattaforma:

LA FIONDA

https://www.lafionda.com

<

Prima puntata Seconda puntata Terza puntata

“Io non idoneo”? Così pensa insistentemente Mauro quando legge l’atto di accusa con cui Gaia giustifica il fatto di negargli ormai da settimane l’accesso ad Alessio. “Lei è sempre mezza ubriaca e quello non idoneo sono io?”. Non crede ai suoi occhi, dunque prosegue la lettura. Qualche ragione sensata deve pur esserci perché lei lo possa definire così in una denuncia che non è stata archiviata. Gli occhi scorrono rapidi tra le righe scritte in avvocatese, finché l’attenzione non viene attirata dalla formula “coltivazione di marijuana”. La donna lo accusa di far crescere lo stupefacente in casa, di farne uso e smercio. Mauro si volta e guarda con pietà il ficus sempre lì lì per morire, nell’angolo della stanza. E’ l’unica pianta che ha in casa. Presto arriveranno i Carabinieri a controllare e magari chiederà a loro se sanno come accudirlo visto che pare sempre sul punto di seccare.

Se le accuse sono queste, ci vorrà ben poco per smontare tutto e anzi rivoltarle la cosa contro, con qualche bella denuncia per calunnia, pensa Mauro. Prosegue nella lettura e a un certo punto deve rallentare. Non perché non sia chiaro, ma perché fatica a credere a ciò che sta scritto.

Estratto dalla reale denuncia.

No dai non può essere vero, pensa Mauro. Gaia lo stava accusando di essere l’apprendista stregone di Walt Disney. E la polizia giudiziaria non aveva archiviato la denuncia. Incredulo, Mauro chiama il proprio avvocato. “Non so che dire… è folle, ma non l’hanno archiviata, l’hanno mandata avanti”, gli conferma.


Lo stava accusando di essere l’apprendista stregone.


Il giorno dopo insieme stendono un’altra denuncia per calunnia, che sarà la prima di un totale di trentasei. Quanto dichiarato da Gaia per giustificare la mancata consegna di Alessio in violazione del decreto esecutivo del Tribunale dei Minori, è una vera miniera di falsità. Mauro intende fargliele ingoiare una ad una. Non per vendetta, ma perché non intende tollerare barriere alla frequentazione di suo figlio. La cui madre, è evidente, si sta appigliando a tutto, in special modo all’iper-protezione che l’intero sistema riserva alle donne, pur di tenerlo lontano dal bambino. Ma perché lo fa? La domanda tormenta Mauro a lungo. Soldi, vuole sicuramente soldi. Ma c’è anche dell’altro. Per arrivare ad accusarlo di stregoneria, c’è dietro un disagio, forse una forma di invidia ossessiva. Alessio sta bene con lui, molto più di quando sta con lei. E non lo nasconde. Soprattutto questo deve aver scatenato l’invidia distruttiva di Gaia.

Accuse o no, Mauro non demorde, e ogni giorno alle 17.00 in punto si presenta davanti a casa sua, sperando di vederne uscire Alessio. Dal momento della denuncia cerca di non presentarsi mai da solo a quegli appuntamenti. Amici, colleghi, parenti, coinvolge un po’ tutti a tenergli compagnia, mentre aspetta inutilmente. Ogni volta chiama i Carabinieri, che rispondono “appena riusciamo veniamo”, ma poi non vengono mai. Quando proprio non ce la fa più, chiama Gaia, che il più delle volte non risponde. Solo una volta apre la comunicazione, il 24 dicembre. Forse per fargli il regalo di Natale, si degna di rispondere. Mauro si impone la massima calma.


Quanto dichiarato da Gaia è una vera miniera di falsità.


“Gaia, sono tre mesi che Alessio non mi vede, c’è un decreto esecutivo, stai commettendo un rea…”. “Alessio è malato, sta molto male, ha la febbre a 39”, lo interrompe lei. “Non può assolutamente uscire di casa”. Lei gli manda via WhatsApp un certificato medico. Mauro lo guarda, tace per qualche secondo, poi: “va bene, fammici parlare…”. Ne nasce subito un battibecco, che capitombola in breve nel tut-tut della telefonata interrotta. Mauro rientra in auto, ringhia, bestemmia, esasperato. Pensa ad Alessio, in quella casa oscura, puzzolente, sporca, senza amore e si sente male. Resiste a stento all’impulso di andare, sfondare l’uscio e portarselo via. Sa che sarebbe un errore fatale, quindi sgomma e si dirige verso il centro, riascoltando la telefonata. Perché già da tempo registra in audio e video tutto quanto. Non si fida e fa bene. In breve capirà che tutte le sue registrazioni gli verranno molto utili.

Ha ancora alcuni regali da acquistare per i suoi parenti, dunque parcheggia ed entra in un negozio di roba tecnologica. Mentre guarda la vetrina vede passare lentamente l’auto di Gaia. La riconosce alla guida. Si sporge oltre l’accesso del negozio mentre piano piano transita alla ricerca di un parcheggio. Sul sedile dietro c’è Alessio che gioca tranquillamente. Per Mauro è un attimo, non c’è riflessione nella sua reazione, che è pienamente spontanea. Scende in strada e grida: “ehi!”. Gaia lo vede, accelera all’istante e si allontana. Mauro raggiunge la sua auto, mette in modo e la segue.


“Sono tre mesi Alessio non mi vede”.


“E rispondi!”, dice in ansia mentre digita sul vivavoce cercando di chiamare la madre di suo figlio alla guida dell’auto che ha davanti. Che pare scappare più che viaggiare. Mauro vorrebbe chiederle dove stia andando col bambino, se davvero è febbricitante e quasi in fin di vita, come gli ha detto al telefono. O molto più probabilmente era una scusa per negarglielo per l’ennesima volta. Ma niente, Gaia non risponde, anzi accelera. Mauro la segue per qualche chilometro, poi lascia perdere. Sempre mezza bevuta com’è, vedendosi seguita potrebbe prendere velocità e uscire di strada con Alessio dietro. Rallenta allora, con una mano che gli arpiona lo stomaco. Fa inversione a U e se ne torna a casa, dove Gianna l’aspetta, intristita e paziente come sempre.

E’ il 27 dicembre quando il cellulare lo avverte di una chiamata anonima in arrivo. “Pronto?”. “Buon giorno, polizia giudiziaria”, risponde una voce spiccia e perentoria. Deve presentarsi il giorno dopo in Procura per comunicazioni. Mauro riattacca immaginando che Gaia se ne sia inventata un’altra delle sue, e non sbaglia. Il brigadiere gli sventolerà sotto il naso cinque pagine pinzate ai lati. E’ una denuncia di Gaia per atti persecutori, il cosiddetto “stalking”. Nelle pagine in fondo ci sono le foto di lui che attende davanti a casa, i tabulati delle chiamate del 24 dicembre e la dichiarazione di un’amica di Gaia secondo cui Mauro aveva inseguito la madre di Alessio mettendole ansia e paura. “Con ‘sta roba”, gli dice il brigadiere in tono severo, “il rinvio a giudizio è sicuro”.

Lo tratta già da criminale, in barba alla presunzione d’innocenza. Un altro processo da affrontare. Per non sbagliare, con il suo avvocato stende e deposita la trentaseiesima querela per calunnia. Quando accade, non vede Alessio ormai da quattro mesi. Il gioco si è fatto duro. Ed è solo all’inizio.

[continua sabato prossimo]


ACQUISTA IL LIBROACQUISTA L’E-BOOK

Anche su IBS, Amazon, Feltrinelli e Mondadori

grafica_ingranaggibanner

ACQUISTA IL LIBROACQUISTA L’E-BOOK

Anche su IBS, Amazon, Feltrinelli e Mondadori

Per essere sempre aggiornato sui nuovi articoli, iscriviti alla newsletter di “Stalker sarai tu”:

Loading

 

2 thoughts on “La storia di Alessio (quarta puntata)

  1. Questo è il sistema collaudato.
    In tutta Italia è così !!
    A me è accaduta la stessa cosa con delle dinamiche identiche e con delle aggravanti aggiuntive.
    Lo schifo oramai è ben collaudato e i giudici del diritto di famiglia sono i principali attori del sistema.
    L’abuso sistematico di un diritto così delicato e importante viene reiterato sistematicamente affinché si inneschi una reazione a catena che rapidamente volge sul piano penale e l’aspetto civile diventa secondario o nullo. La strategia è quella della provocazione di stato mediante l’abuso, quindi la divisione forzata figli / padri. Questo è il primo passo amministrativo che, inevitabilmente, innesca tutto il resto. Quando il rumore si fa forte, i giudici sono già preparati e consapevoli, quindi non vedono, fingono di non capire, temporeggiano con procedure assurde e annose, poi non vogliono vedere dov’è il vero problema e tagliano corto invece di approfondire certe dinamiche delinquenziali, generalizzano: in sostanza, una volta fatto il danno iniziale, fanno di tutto per far si che il tempo peggiori le cose e il loro sistema si ingrana a dovere.
    Questa nefandezza amministrativa è VOLUTA e PREORDINATA, e genera PARCELLE e CARRIERE a non finire.
    In piu di un’occasione questa accusa l’ho rivolta agli addetti ai lavori e la risposta è sempre unanime e retorica : …. “” lei è prevenuto e non accetta che ci possa essere qualche svista anche nel nostro settore “” ….. !!!!! ?

    Oggi io, nella mia disperazione e con l’illusione di poter restituire alla piccola il suo papà, anche se l’infanzia oramai è del tutto bruciata e distrutta, mi ritrovo a dover pagare quattro avvocati ( due civili e due penali ) ed un CPT psicologo.
    Le due CTU le ho già pagate. Sono già volati decine di migliaia di euro e della mia piccola figlia non c’è piu traccia.
    Totalmente inghiottita dalle fogne di stato.
    L’irresponsabilità della madre è relativa: questa è affetta da ossessioni assurde, quindi è patologicamente compromessa e sforna cattiveria a volontà. Si è lasciata andare senza ritegno con azioni criminali indicibili ben consapevole di essere iper protetta da quei signori/signore che tutti noi paghiamo profumatamente.
    Oramai è totalmente posseduta dalla volontà dei suoi legali e dalla sua psicologa ; questi, naturalmente, per garantire a tutto il comparto il proseguo del business, la istigano e le forniscono tutti i suggerimenti su come delinquere senza eccedere nel clamore.
    Quindi questa povera pazza non fa altro che eseguire le istruzioni ricevute.
    I giudici del collegio, PM inclusi, non vedono e non sentono in quella direzione, quindi ….. avanti tutta senza timore.
    Ed ecco che lo stivale, TUTTO, si riempie di storie come quella di Alessio e Mauro e come quella mia che è quasi identica.
    Pertanto, cari signori / signore lo schifo nasce proprio in quel posto strutturato unicamente per ripristinare il diritto leso. Invece, come ben si può rilevare, il diritto non solo non viene ripristinato ma, in quelle aule, vi è il massimo impegno affinché ne vangano intaccati e distrutti altri, di natura diversa fino al raggiungimento di un livello coercitivo assai elevato.
    Tutto previsto, pianificato e collaudato da anni.
    Un giro di miliardi e interessi di varia natura ben camuffato in una sorta di automatismo divenuto prassi comune.
    C’è qualche rara eccezione, ma sono talmente rare che non intaccano assolutamente l’andazzo generale.
    In assenza di legge specifica ben strutturata, questi hanno potuto abusare di ampia discrezionalità che poi è sfociata in procedure criminali definite dalla casta …. “RITUALI” …. e tutti zitti.

    Per sistemare questa mafia sono convinto che debba tornare, per qualche mese, un signore con i baffi e due palle mostruose, capace di mettere le mani nel marcio senza timore e con pieni poteri per risolvere la questione là dove la democrazia ha dimostrato un totale fallimento per decenni.

    A breve darò vita ad un’associazione che si chiamerà: F D P V D S ( Figli – Deportati – Per – Volere – Di – Stato )
    Sono in attesa che le mie risorse economiche rientrino nella normalità.

    Mi sento ancora Italiano, ma inizio ad avere una certa vergogna, soprattutto quando incontro cittadini stranieri.
    Saluti …..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: