STALKER SARAI TU

Svitata quanto basta per essere assolta

Questo blog ha interrotto le pubblicazioni il 14/09/2020, dopo 4 anni di attività.

Le sue tematiche sono ora sviluppate da una nuova piattaforma:

LA FIONDA

https://www.lafionda.com

<

di Fabio Nestola – Dunque, vediamo … una persona ne accusa un’altra di reati gravissimi – sequestro di persona e violenza sessuale – e la risposta istituzionale è inflessibile, risoluta, veloce: arresto immediato per il terribile orco stupratore. Magari un tantino troppo veloce, diciamo abbastanza affrettata, si offende qualcuno? Infatti il giudice non convalida l’arresto: molte cose non quadrano, l’accusatrice racconta bufale al PM, sostiene di non aver più avuto contatti con lo stupratore invece a una veloce verifica risulta che si siano sentiti regolarmente e frequentati più volte dopo il presunto sequestro, anche trascorrendo notti in albergo sia a Ventimiglia che a Sanremo.

Ma il terrore della povera vittima nei confronti del proprio aguzzino, che fine ha fatto? Quindi l’orco non è affatto tale, la ragazza ha inventato tutto e finisce a processo per calunnia e false dichiarazioni al PM. Intanto però le manette all’innocente falsamente accusato le hanno messe, poi “scusi tanto, ci siamo sbagliati”, una pacca sulla spalla e avanti verso il prossimo innocente da arrestare. Il processo alla ragazza termina con un nulla di fatto, resta impunita perché allora era depressa, anzi no, non era temporaneamente depressa solo all’epoca della denuncia, ma proprio non ci sta con la testa, assoluzione per totale vizio di mente.


“La donna non è imputabile in quanto affetta da un vizio totale di mente”.


Tuttavia è impossibile non notare come del completo disturbo mentale dell’accusatrice non si sia accorto nessuno al momento di crederle ciecamente e precipitarsi ad arrestare un innocente. Salta fuori, curiosamente, solo quando sulla graticola c’è lei. Per mettere nei guai un uomo basta la dichiarazione della prima millantatrice che passa, anche se si presenta con lo scolapasta in testa, senza bisogno di cercare un minimo di riscontro alle accuse. L’ha detto, quindi è vero. Sorella, io ti credo. Ogni donna che denuncia deve essere creduta, che motivo avrebbe di mentire?

Poi l’innocente arrestato avrà il suo daffare e i suoi costi – economici, ma soprattutto emotivi – per dimostrare di essere vittima di una squilibrata, o di una mitomane, o di una stalker, o di una odiatrice seriale, o di una vendetta, o di una truffa, o comunque di una manovra ostile come decine e decine di casi testimoniano solo nell’ultimo mese. Un articolo  di saremonews.it scrive testualmente che “per la donna era stato lo stesso PM Enrico Cinnella Della Porta a chiedere l’assoluzione poiché la donna non è imputabile per i fatti presumibilmente commessi in quanto affetta da un vizio totale di mente”. I  fatti presumibilmente commessi. Come “presumibilmente”?


Sovvertito l’onere della prova.


manetteNo, non c’è nulla di presumibile nelle false accuse: è certo che siano state fatte, sono state verbalizzate dai Carabinieri, hanno portato a effetti estremamente concreti come l’arresto dell’accusato, infine sono state configurate come calunnia. Poi la calunniatrice ne esce indenne perché ha la capoccia che sfarfalla, dicono, ma resta il fatto che le false accuse siano estremamente concrete, altro che presumibili.

Non ho la presunzione di sperare che questo caso e tanti altri simili, decisamente troppi, servano da lezione per capire la china forcaiola, ansiogena e colpevolista nella quale è scivolato il nostro sistema giudiziario. La prima scappata di casa che vuole farti del male ti denuncia di nefandezze mai accadute, e ti ritrovi le manette, o i domiciliari, o le misure cautelari di allontanamento, o come minimo indiziato di reato e devi affrontare spese legali per difenderti in tribunale. Sovvertito l’onere della prova: lei dice di aver subito violenza, a te il compito di dimostrare che non è vero. C’è chi può farlo a piede libero e chi è costretto a farlo da detenuto. Succede nel 2020 in Italia, la culla del Diritto.


NO AI LOCALI GRATUITI ALLA CASA DELLA DONNA DI MILANO

(firma la petizione su change.org)

 


Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale di “Stalker sarai tu”:

Loading

 

9 thoughts on “Svitata quanto basta per essere assolta

  1. A molti magistrati piace essere presi per i fondelli dalle signore, per questo le assolvono.
    Anche lo spreco di risorse delle forze dell’ordine: lo fanno volentieri per le signore, è cavalleria.

    La suddetta è l’unica spiegazione possibile: uno che non fosse stato contento di essere preso per i fondelli non l’avrebbe assolta, perché le possibilità di condannarla c’erano, e in abbondanza.

    Speriamo che il prossimo falsamente accusato sia lui.

  2. Torno a riscriverlo: dico agli uomini, come me, evitate qualunque approccio, relazione con le donne, eccetto chi, proprio non può farne a meno.

    1. Niente può evitare che una svitata dall’altro lato d’Italia, di cui non sei a conoscenza nemmeno della sua esistenza, ti accusi di reati sessuali. La protezione assoluta contro questa piaga non esiste.

      Con il sistema attuale, ogni donna ha di fatto la possibilità di sguinzagliarti addosso i cani da caccia per qualsivoglia motivo le faccia più comodo. Anche se la falsità dell’accusa salta fuori, le manette te le hanno messe comunque.

    2. …e per completare il commento di Sebastiano (che saluto e condivido) personalmente
      consiglio immensa attenzione anche nell’approccio telematico, dato che ormai
      il mondo virtuale è parallelo a quello reale (tanto quasi da sostituirlo in certe situazioni).

      occhio ai messaggi troppo insistenti, ai botta e ai risposta, alle infinite
      discussioni e ripicche senza alcun approdo concreto …
      non sia mai che qualche “mattoide” prenda carta e penna e denunci per stalking.

      per fortuna è ora possibile cancellare molto rapidamente il messaggio whats app
      per mittente e ricevente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: