L’immonda narrazione mediatica

0GR79RUP-0006-kJLH-U43280768162333YC-593x443@Corriere-Web-SezioniUn utente che ci ha scritto in privato, e di cui pubblicheremo la storia in futuro, ci segnala, tra le altre cose, di aver mandato una versione ridotta della sua vicenda alla rubrica “Ditelo al Direttore” del Corriere della Sera. Lì, ogni venerdì pubblicano una lettera o una vicenda “d’amore”, andata male o bene, indistintamente.
La sua è una delle tante di uno stalker-non stalker, finito nelle mani di una donna sporca, senza scrupoli e in malafede. Dopo aver inviato il suo contributo, per un mese gli hanno chiesto di correggerla perché “troppo lunga”. Alla fine la redazione si è rassegnata e ha acquisito il suo testo. Ma si guarda molto bene dal pubblicarla. Sono due mesi e mezzo che l’invio è stato fatto e ancora non c’è traccia della sua lettera. Forse perché “non in linea”? In compenso vengono pubblicate o lettere stucchevoli o, peggio ancora, articoli che glorificano la scorrettezza femminile. Spazzatura immonda tipo questa.

Viva l’informazione italiana.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.