Dati sullo stalking: trovato il trucco e svelato l’inganno!

11377Ultimamente i media sono tornati a scatenarsi sullo stalking, avvitandosi attorno ai “nuovi dati ISTAT” aggiornati al 2016. Qui un esempio tratto da L’Espresso. Noi eravamo rimasti ai dati del 2014, gli stessi in effetti ancora scaricabili dal sito dell’Istituto, dove non c’è traccia di aggiornamento al 2016, se non in un documento di 25 pagine a carattere metodologico, chiamato “ultimissimo” e scaricabile qui. Il documento è datato effettivamente 2016, ma sotto il titolo riporta bello grosso “dati 2014”. Vabbè dai, dettagli… Di quel documento i media hanno in ogni caso preso le prime pagine, ignorando o fingendo di ignorare il resto, e su di esse hanno titolato o commentato sostenendo che più di tre milioni di italiane hanno subito atti persecutori da ex partner o da sconosciuti. Urca se sono tante… Sembra impossibile.

Bene, abbiamo una specie di scoop. NON E’ VERO! Ok, è uno scoop del piffero, lo sanno tutti che sono cifre gonfiate e strumentalizzate ma… finora nessuno ne ha trovato la prova. Strano perché è piuttosto semplice. Basta leggere l’intero e “ultimissimo” documento dell’ISTAT (che più di tanto, per il suo ruolo, non può permettersi di manipolare i dati, anche se spesso ci prova). Ed è così che si scopre che la cifra dei “tre milioni di donne” non salta fuori da numeri o da rilevazioni reali. A sostenere che così tante siano le donne vittime di stalking in Italia è questo signore qua, che potete vedere bene in faccia in questa foto:

formula stime

Questa è la formula statistico-matematica usata dall’ISTAT per stimare (ossia ipotizzare) il numero di donne vittime di stalking. Per fare delle stime servono comunque dei dati reali di partenza, che suggeriscano una “tendenza”. Ecco, quelli ci sono, il documento ISTAT li riporta in modo esplicito. Sono state intervistate, togliendo coloro che hanno rifiutato di rispondere, la bellezza di 20.774 donne, pari allo 0,06% sul totale della popolazione femminile italiana. Non esattamente un campione rappresentativo, per quanto io mi ricordi dai lontani studi di statistica… Bene, attraverso il formuloneTrilussa_15 geroglifico di cui sopra, lo 0,06% (20 mila donne in rapporto ai 30 milioni di donne residenti in Italia secondo l’ultimo censimento) diventa il 10% (3 milioni in rapporto sempre ai 30 milioni).

Magico eh? Trilussa avrebbe un orgasmo davanti a questa cosa, se fosse ancora tra noi…

Ah, per la cronaca, i dati sbandierati dai media vengono spacciati per aggiornati al 2016, ma sono gli stessi del 2014, per di più “aggiustati”, in parte col trucco dellle approssimazioni, in parte con diverse omissioni, come abbiamo già notato.

Viva l’Italia.

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.