Un maschio morto non vale niente

suicidio-1Recupero una preziosa segnalazione fatta da A Voice for Men Italia. A Niscemi, provincia di Caltanissetta, un giovanissimo di ventitre anni litiga con il rivale in amore. La gelosia gli fa perdere il lume della ragione e cerca di ucciderlo a colpi di pistola, riuscendo però solo a ferirlo a un piede. Fatto ciò, scappa, si rintana e si toglie la vita sparandosi in testa. Un fatto tragico, che assomma un concatenamento di fattispecie drammatiche: il tentato omicidio e il suicidio, il tutto reso più grave dalla giovanissima età dei protagonisti.

E’ inevitabile per me, quando accadono questi fatti, reinterpretare i ruoli e provare a immaginare cosa sarebbe accaduto se uno dei protagonisti fosse stata una donna. Ha senso farlo perché ciò che ha mosso il giovane a impugnare l’arma e a usarla è stata la stessa pulsione che spinge molti uomini a commettere violenza e talvolta uccidere una donna, ovvero la gelosia. Ebbene, proviamo a fare una simulazione, partendo dal dato di fatto che di quanto accaduto a Niscemi non ha parlato alcun media mainstream, fatto salvo qualche miserrimo trafiletto, come quello che ho linkato.

donna-pazza-di-orrore-che-grida-72830710Se a sparare e poi suicidarsi fosse stata una donna, si sarebbe sicuramente parlato di legittima difesa o di una temporanea incapacità di intendere e di volere. Negli ultimi tempi con quest’ultima motivazione molte omicide (di uomini) sono andate assolte e, come se non bastasse, a riprova della sistematicità dei due pesi e due misure, di recente a Roma un ragazzo è stato trovato morto, con una scritta sul petto fatta col rossetto. La fidanzata è stata indagata per omicidio colposo. A parti invertite, il fidanzato sarebbe già appeso per le palle in pubblica piazza, altro che colposo… Dunque anche nel fattaccio di Niscemi, a conferma del trend, se la mano armata fosse stata femminile di certo istituzioni e media si sarebbero sperticati a trovare alibi, spiegazioni, giustificazioni e assoluzioni preventive.

Tutto all’inverso se a prendersi la pallottola, anche solo al piede, fosse stata una fanciulla. I media si sarebbero scatenati, la caccia all’aggressore sarebbe stata seguita in diretta TV, e la scoperta del susseguente suicidio avrebbe aperto le cateratte della maldicenza e della demonizzazione verso il maschio, incapace di accettare il rifiuto, dedito al nuovo sport della caccia alla femmina, da esercitarsi in modo irresponsabile (data la fuga nel suicidio). Qualcuno ne avrebbe subito cinicamente approfittato per farsi un po’ di réclame, come ha fatto Telefono Rosa a seguito di un fatto di cronaca avvenuto a Sapri:

tr

Non esiste numero da chiamare, in Italia, però, per gli uomini che, con lo stesso movente, si ammazzano tra di loro. E chissà (vale la pena chiederselo) qual è stata la condotta della giovane contesa per far arrivare uno dei due corteggiatori a questo limite estremo. Ma sono domande che non si possono fare, altrimenti si è nazi-fascio-maschilisti patriarcali. Di fatto l’essere donna rende immune, oltre che da una serie di altre accuse, anche da quella di induzione al suicidio, dunque non c’è nulla che valga la pena chiedersi. Resta il fatto che se l’aggredita fosse stata una donna, dal punto di vista delle istituzioni e dei media l’evento avrebbe avuto una risonanza eccezionale.

27060Cosa se ne può concludere? Che in Italia le vittime di omicidi, tentati omicidi, o suicidi che abbiano come movente la passionalità o la gelosia si dividono in due categorie: quelle di serie A e quelle di serie B. Per rientrare nella prima categoria occorre essere di sesso femminile e rientrare nella minore quota statistica tra le cause di morte (le donne uccise sono una netta minoranza rispetto agli uomini sul totale degli omicidi, se poi si restringe il campo al cosiddetto “femminicidio” si arriva allo zerovirgolazero). Con questi requisiti si hanno piena visbilità, solidarietà, retorica, assoluzioni, giustificazioni a pioggia. Per rientrare nella serie B occorre essere uomini, nient’altro. E ritenersi fortunati se, dopo essere stati uccisi o essersi uccisi, non si finisce pure nel tritacarne mediatico votato alla damnatio memoriae del maschio in quanto tale.


bannerpromominiwp

3 commenti

  1. Sono dell’idea che al giorno d’oggi ciò che conta è l’audience, la vendita di un prodotto, i media si sono ridotti alla semplice ricerca di tematiche che non servono ad altro che ad aumentare l’auditel e le vendite: una donna morta fa più notizia di un uomo morto, un ricco morto fa più notizia di un povero morto ecc… televisioni e giornali sono in crisi e quindi nessuno si assume rischi per dire qualche cosa di diverso, di andare controcorrente o per lo meno di metter in dubbio certe cose che vengono date per certe, e naturalmente in questo marasma c’è sempre chi strumentalizza e ci guadagna.
    Il pubblico, che dovrebbe essere informato, viene invece trattato come un semplice cliente (nemmeno troppo intelligente), i programmi oggi si rivolgono ad un pubblico esclusivamente femminile e i risultati sono sotto gli occhi di tutti: trasmissioni autoreferenziali (come dice Angelo) in cui ci si esalta di se stesse parlando dei propri pregi e dei difetti altrui. Chi si adatta è dentro chi non si adatta è fuori.
    Il resto non esiste, non sono clienti: in fondo, quale muratore o operaio guarda un salotto televisivo pomeridiano? Ed infatti certe categorie sono praticamente sparite dai mezzi di comunicazione come se non ci fossero proprio, basti pensare agli adolescenti che non guardano la televisione non leggono i giornali e quindi in quanto non clienti negli ultimi anni in Italia vengono descritti come neanche la camorra è stata mai descritta.
    C’è solo da sperare che l’audience continui a scendere e che i giornali vendano sempre meno, solo allora, forse, ci si renderà conto che è il caso di tornare a parlare di persone e non di donne e di uomini.

    Mi piace

  2. A proposito del povero ragazzo con il petto scritto a rossetto. Ti segnalo il servizio del tg di radio di ieri 3 maggio ore 7.30 dove una incredibile Carla Frogheri Commenta testualmente: “forse sconvolta dal malore del giovane. Probabilmente non abbastanza lucida. Ne da chiamare i soccorsi ne da scrivere quel messaggio disperato sul corpo del fidanzato…” lei nega via Twitter considerazioni personali. Impietrito.

    Mi piace

  3. Rispetto al recente passato, ora gli uffici stampa sono strapieni di donne e quindi è cambiato il tipo e la qualità delle informazioni.
    Le notizie ora sono a immagine di donna che di sa è autoreferenziale.
    L’uomo ha sempre fatto informazione diversa, il focus è la notizia nella sua essenza naturale, la donna invece è imparziale rispetto al concetto di notizia importante neutra.
    Seleziona notizie soprattutto di tipo gender, anche se poco importanti rispetto ad altre, e soprattutto quelle dove c’è da colpevolizzare un uomo e santificare una donna.
    Basta ricordare come era l’informazione 30 anni fa, quasi completamente immune al concetto di guerra tra i sessi.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...