Corpo degli Alpini e querele: dove sono le associazioni?

ResizedImage600490-alpino-tra-le-macerieHo dato ieri notizia dell’intenzione del Corpo degli Alpini di presentare querele e denunce contro il movimento #nonunadimeno per le accuse e le notizie diffamanti diffuse sul recente raduno di Trento. Stando alle cronache, le cacciatrici di privilegi hanno basato le loro calunnie a mezzo stampa e web su alcune testimonianze riportate in forma anonima. E che, secondo il loro Dio, andavano prese per buone, a prescindere, in quanto detentrici di organo genitale femminile, senza necessità di portare ulteriori prove né procedendo a denunce formali presso gli organi competenti. Metodo #MeToo insomma: sputtanamento sulla parola senza alcuno strascico giudiziario.

Proprio per stroncare questo metodo infame con cui una lobby priva di scrupoli sta arrivando a influenzare tutta intera la vita pubblica, la politica, l’economia, l’informazione e la cultura, ho esortato con forza il Corpo degli Alpini a non cedere alla galanteria, alla cavalleria o ad altri buoni e misericordiosi sentimenti, quelli che si usano in genere verso i malati di mente che straparlano, e a procedere senza indugio con tutte le querele del caso, nonostante le suppliche penose e complici di tutta la galassia di Rosa Nostra. La mia esortazione è diventata virale, per fortuna, e prego che arrivi ai vertici militari del Corpo, insieme a tutte le proposte annesse: querela, costituzione come parte civile ed eventuale donazione del risarcimento a cause votate alla vera parità.

erinni-1In questo senso mi chiedo: dove sono le associazioni? Mi riferisco a quelle dei padri separati, a quelle (molte anche se minoritarie) che si battono per una reale parità, per il tramonto di questo clima di caccia alle streghe per inaugurare un alba di dialogo e confronto positivo? Sappiamo tutti che, tentando di applicare il metodo #MeToo agli Alpini, Rosa Nostra sta solo cercando di ampliare il proprio raggio d’azione: dalla sistematicità delle false accuse verso i poveri cristi, si è arrivati ad attaccare singoli in posizioni di rilievo. Visto che nessuno alza la voce, tranne pochi, si sono sentite di poter osare di più, attaccando un intero corpo militare, glorioso, stimato, amato. Obiettivo: distruggere un totem a loro dire “maschile”, ignare che gli Alpini intervengono per difendere il territorio nazionale, dunque donne e uomini indistintamente, così come quando c’è da tirare fuori qualcuno dalle macerie (quando in genere si dà priorità a donne e bambini…).

L’iniziativa infame di #nonunadimeno non è che la sublimazione di ciò che accade tutti i giorni nei tribunali civili e penali italiani, nel 95% dei casi in cui una denuncia viene presentata da una donna contro un uomo, specie se ex marito o compagno. Per questo mi stupisce l’assenza delle associazioni che si occupano da questo lato della tutela dell’equità e della giustizia. Dove siete? Vi serve riunire comitati e assemblee per decidere se dichiararvi unitariamente solidali con il Corpo degli Alpini, esprimere loro solidarietà e il massimo appoggio in caso di querela? Avete dubbi a unirvi all’iniziativa perché non l’avete partorita voi? Cosa vi frena dal fare una rapida Skype call da Trento a Palermo e decidere di far uscire un comunicato stampa unitario? Potrebbe essere questo il momento per dimostrare che non vi muove una volontà di protagonismo fine a se stesso, ma un vero senso di appartenenza e di mobilitazione verso una causa sacrosanta. Che giorno dopo giorno prende mazzate dall’audacia priva di scrupoli del movimento femminazista nazionale.

alpiniDunque, mentre i singoli, per propria non coordinata volontà, inondano il web di condivisioni, like, commenti a sostegno del Corpo degli Alpini, e indirettamente in difesa dello Stato di Diritto, io personalmente attendo di vedere una presa di posizione netta dell’associazionismo. Sperando di non dover attendere invano. La vostra parola, altamente rappresentativa, potrebbe contribuire a sciogliere i dubbi che forse ora aleggiano nel Corpo degli Alpini: querelare davvero o no? Sono solo donne con un po’ di problemi, lasciamo stare dai… No! No, amati veci, forse non ve ne accorgete (eppure di padri separati e massacrati con la penna nera in casa ce ne saranno…), ma è qualcosa di più, molto di più. E’, come sempre nella vostra storia, l’occasione di difendere una Patria che è sotto attacco, nella sua piena capacità di rappresentare uomini e donne, padri e madri, per bene. E’ un’invasione di malafede e affarismo improprio che avvelena il presente e sterilizza il futuro. In quest’ottica, la vostra reazione è attesa con trepidazione.

In attesa che anche le associazioni ve lo dicano, mi permetto di ribadirlo anche io a voi, con rispetto e deferenza, ma con determinazione: #querelateletutte .


bannerpromominiwp

16 commenti

  1. Sembrerebbe, purtroppo, che la tua giusta e coraggiosa proposta, stia ricevendo titubanze e scarso interesse. ed è proprio questa diffidenza ad estraniare pubblicamente le proprie rimostranze verso un sistema oltraggioso e perversamente misandrico, il fallimento -attuale- della questione maschile. Un vero peccato, hanno perso una buona occasione, non soltanto per sopperire ad una mancanza di rispetto, ma per compiere una buona azione a favore della collettività (maschile e non), spero che chi di dovere, possa ravvedersi.
    In ogni caso: ieri, oggi e domani, w gli alpini!

    Mi piace

    1. Mi colpisce invece, per contrasto, l’animosità travolgente con cui è stato attaccato il giornalista Carmelo Abbate per il suo libro “Gli uomini sono bastardi”. Intendiamoci, critiche sacrosante, ma mi ha colpito la massa che si è mossa spontaneamente. Mi fa pensare a coloro che dicono: gli uomini si muovono solo se c’è da andare contro altri uomini. Se c’è da andare contro le donne si sparpagliano e confondono. Il che è molto molto sconforntante.
      P.S.: viva gli Alpini sempre!

      Mi piace

      1. >>>>>
        .Mi fa pensare a coloro che dicono: gli uomini si muovono solo se c’è da andare contro altri uomini. Se c’è da andare contro le donne si sparpagliano e confondono. Il che è molto molto sconforntante.
        >>>>>

        Purtroppo è la realtà, un dato di fatto peraltro evidenziato più volte ai tempi di uomini3000.
        Gli uomini non percepiscono né considerano le donne delle “avversarie da combattere”, ed oltretutto non hanno argomenti validi per controbattere le vaginate femminil/femministe (questo accade anche e soprattutto perché gli uomini, di norma, non sono interessati a certe questioni), al contrario di quanto accade con “gli altri uomini”, che invece vengono regolarmente percepiti e considerati dei “nemici” (non avversari…) da combattere” e possibilmente da annientare.

        Mi piace

        1. Non generalizzerei così sai? Non si spiegherebbe perché ho insaccato allegramente Paola Concia su Twitter, facendole fare la figura di ciò che davvero è… Basta crederci, basta volerlo, e l’avversario resta avversario a prescindere dal genere.

          Mi piace

            1. In merito aggiungo che se la massa maschile fosse veramente consapevole e compatta, blog come il tuo, o siti e forum come uomini3000 in passato, non esisterebbero né sarebbero mai esistiti, perché non ce ne sarebbe stato bisogno.

              Mi piace

  2. Concordo. Queste nazisessiste NON mi rappresentano. Difendente anche noi donne di buon senso con la vostra denuncia, difendete i nostri padri, fratelli, mariti, congiunti e amici di qualsiasi sesso denunciando la violazione dello stato di diritto perchè la prossima volta alla gogna potrebbe esserci anche una donna, denunciata p.es. per dispetto dalla vicina di averle molestato i figli

    Mi piace

  3. Concordo. Queste streghe invasate NON mi rappresentano, difendete anche le donne di buon senso come noi con la vostra denuncia, difendete i nostri padri, fratelli, mariti, figli, congiunti e amici.

    Mi piace

    1. Come previsto, sto ricevendo titubanze e resistenze dalle associazioni. Peccato. Io, come singolo, e tanti altri come me, non mancheranno mai di dare sostegno a madri, padri, uomini, donne e famiglie per bene, contro questa isteria priva di senso.

      Mi piace

      1. Scusa, ma perché dovrebbero essere titubanti e resistenti? Non l’hanno ancora capito che l’unico modo per fermarle è unirsi? Oppure si tratta di associazioni “finte”, tipo gatekeeper?

        Mi piace

        1. Non credo siano finte, Emanuela. Da quello che ho riscontrato finora, difettano di senso di appartenenza a una “causa”, che è poi quella che ha portato alla loro formazione. Tendono cioè all’autoreferenzialità: il fare per fare, non per uno scopo. Anche perché raggiungere lo scopo significa sciogliere la propria organizzazione, in quanto poi inutile. E per molti, purtroppo, l’associazionismo è strumento di visibilità personale o, più frequentemente, strumento significativo della propria esistenza. Il paradosso del sindacato, insomma. Ed è un peccato perché, se unite e coordinate, sarebbero una potenza.
          Per un Telefono Rosa che si mobilita per evitare la querela a #nonunadimeno dovrebbe esserci un moloch organizzato che spinge in direzione ostinata e contraria. Sarebbe tutta un’altra storia… Invece c’è molta apatia. E non sai quanto mi spiace.

          Mi piace

          1. Mah, resto abbastanza basita. Con tutti padri separati che si suicidano, gli ex mariti che finiscono in carcere per false accuse, e questi sono apatici? E inoltre per raggiungere il loro scopo ci vorranno anni, quindi non è che l’associaizone la dovranno sciogliere dopodomani. Comunque quello che dici spiega come mai queste associazioni finora non abbiano ottenuto nulla. E’ vero che non hanno i soldi che hanno le altre, però a quanto pare non hanno neanche il desiderio di fare giustizia.

            Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...