INCHIESTA – “Il mio giro del mondo su Tinder (tu vuo’ fa’ l’americana, ma si’ nata in Italì)”

tinderdi ERETIKO (Pagina Facebook “Cara, sei femminista“) – Ce l’avete presente Tinder, sì? L’app usata da mezzo mondo (eccezion fatta per l’Italia, come vedremo) per scopare? Ecco. Con tipo 3 euro al mese ti pigli pure una roba chiamata “Tinder Premium” che ti permette di poterti spostare in ogni buco di culo del globo terracqueo per “conoscere” donne, senza limitazioni geografiche. L’ho fatto. E poi nell’ultimo mese ho intrapreso una sorta di “giro del mondo” al solo fine di verificare usi, costumi e atteggiamenti sessuali delle donne di ogni dove (non avendo infatti intenzione di volare davvero -cazzo ne so- a Portland o Kuala Lumpur per trombare).

E insomma ho girato i principali Stati di tutti i continenti. Ciascuno di essi ha -diciamo così- le sue peculiarità. Una cosa però li accomuna: prendetene uno a caso e sarà, sicuramente, meglio dell’Italia (e delle italiane). Ma alle patrie dolenti note ci arriveremo.

datingGli Stati Uniti e il Canada sono, da questo punto di vista scopereccio, il top. Eccezion fatta per i numerosi freak femministi, “poly”, “queer”, “pansexual” ecc. presenti, Tinder USA/Canada offre davvero delle soddisfazioni inenarrabili. Quale che fosse la (media/grande) città in cui mi posizionavo, i “match” – ovvero le compatibilità per chattare – arrivavano a decine. Ma a decine sul serio, mica per iperbole. L’atteggiamento delle ragazze era spontaneo, rilassato, dicevo loro di essermi da poco trasferito nella città di riferimento e di cercare semplicemente una chiavata in allegria. L’80% ammetteva candidamente di cercare la stessa cosa ed era pronta a organizzare un incontro, un altro 20% ti ringraziava della proposta ma declinava poiché in cerca d’altro. Se fossi stato fisicamente negli Stati Uniti (in una qualunque città) avrei potenzialmente rimediato, stando bassi, 3-4 appuntamenti al giorno. Da uomo che non è un cesso ma nemmeno un’icona di bellezza, eh…

Ma tralasciando questo anglosassone Eden dell fica, più unico che raro, un discorso simile può essere fatto per la maggior parte delle grandi città europee. Ho passato Parigi, Stoccolma, Madrid, Barcellona, Oslo, Varsavia, Berlino, Mosca, Copenaghen, Londra e via dicendo. Ottimi risultati anche lì. Magari i match non arrivavano a manciate come negli USA, ma erano comunque parecchi (punta massima a Stoccolma, punta minima a Parigi e Mosca). Anche in queste città, la stragrande maggioranza delle ragazze mostrava un atteggiamento aperto, saliva un po’ di più il numero di quelle che non ambivano alla sola scopata ma, nel complesso, nessuna pantomima da figa di legno: solo chiarezza e cordialità. Mediamente, un appuntamento al giorno l’avrei rimediato.

the_best_free_dating_sitesUna nota a parte meritano i Paesi africani e dell’estremo oriente. Le africane sono più sospettose, benché attratte dall’europeo. Il lato negativo ma prevedibile è che spesso le loro intenzioni attengono al mercimonio. Cosa frequente anche in Paesi come Thailandia, Malesia e Filippine: vieni assalito da infinite compatibilità (più che negli States) ma la maggior parte di loro vogliono soldi o sono dei ladyboys (nome con cui identificano i trans). Insomma, meglio lasciar perdere, visto che se poi vai da quelle parti, Tinder te lo fai già solo girando per strada.

E ora arriviamo al punto più basso della storia: l’Italia, le italiane. Tanto a Milano, quanto a Roma, lo sconforto regna sovrano. Frotte di profili con tette e culi, molto più che nei paesi anglosassoni, vanno poi di pari passo col semi-deserto delle compatibilità. Dove altrove erano 20/30, qui sono 2. Forse. Insomma le italiane mostrano, si scoprono, provocano, infine non ti cagano e non te la danno. Non importa se siano delle normalissime donne, esteticamente. No, loro sono settate su Raoul Bova, al di sotto di quello standard mica si degnano. Quelle rare interazioni che capitano si scontrano poi contro l’insopportabile ipocrisia della risposta: “non cerco niente”. Ma dolce testolina di cazzo, ti sei iscritta a un’ app come Tinder per cercare il Niente? Non potevi allora startene chiusa in baita tua a contemplare l’infinita vanità del tutto, invece che venire ad ammorbarci con la tua arrogantella presenza da puttansuora? Poi oh, qualche scopata la si rimedia pure qua. Ma è un travaglio, una via crucis.

tiraPerché vedete, di fondo, il problema vero della donna italiana contemporanea è uno: aver preso il peggio del liberalismo nordico/anglosassone (le retoriche d’emancipazione, il carrierismo, il progressismo sociale, ma non invece un’autentica naturalezza in ambito sessuale) e il peggio della cultura giudaico-cristiana (il senso di colpa, la peccaminosità della carne, il moralismo bigotto sul sesso). E tutto ciò senza che se ne rendano conto. Vogliono fare le americane ma sono nate in Italì.


bannerpromominiwp

34 commenti

  1. Vi dico solo una cosa: un amico è andato negli USA, ha dato un passaggio ad una ragazza, in auto e quando si è fermata perché arrivata a destinazione, lei gli ha detto chiaramente: o mi dai 100 dollari, oppure comincio ad urlare che stai cercando di stuprarmi. Indovinate come è finita?
    E ovviamente, questo NON fa statistica. Ma accade. Come del resto accade che nel grande raccordo anulare di Roma certi brutti ceffi ti affiancano in auto e provocano incidenti per poi minacciarti e aggredirti (è una truffa, esatto).
    Quanto al discorso delle Italiane: non me ne stupisce MINIMAMENTE.
    Tra l’altro, Roma e Milano sono già molto liberali. Avete presente le donne umbre? Beh, o siete uno straniero o sono xxzzi. Riuscire a mettersi con una compaesana è un’impresa epica, il più delle volte si pigliano uno ‘straniero’, meglio se uno in divisa. E quando scelgono, se tanto tanto hanno più di 20 anni state certi che vi pesano al kg per quanto valete, la bellezza e la gentilezza d’animo sono i loro ultimi pensieri, diciamo che se ci sono non guastano.
    Per cui ripeto, non mi stupisce per nulla questa ricerca, per quanto goliardica che sia. E nemmeno la definizione delle itagliane: ””E ora arriviamo al punto più basso della storia: l’Italia, le italiane…..No, loro sono settate su Raoul Bova, al di sotto di quello standard mica si degnano. Quelle rare interazioni che capitano si scontrano poi contro l’insopportabile ipocrisia della risposta: “non cerco niente”. Ma dolce testolina di cazzo, ti sei iscritta a un’ app come Tinder per cercare il Niente? Non potevi allora startene chiusa in baita tua a contemplare l’infinita vanità del tutto, invece che venire ad ammorbarci con la tua arrogantella presenza da puttansuora? Poi oh, qualche scopata la si rimedia pure qua. Ma è un travaglio, una via crucis.”’
    Ah, a proposito di goliardia: il single (?) più desiderato di Tinder era Sudan, l’ultimo rinoceronte bianco settentrionale. Spero che riescano a clonarlo il prima possibile, dopo 21 anni da Dolly non hanno scuse.

    Mi piace

    1. Grazie per aver confermato la schifosa realta’ USA di cui ero gia’ a conoscenza per mia esperienza quasi diretta. Mio marito lavora da sempre per aziende USA. In una ci fu una crisi, licenziamenti a pioggia, i suoi colleghi americani non entravano piu’ in ascensore perche’ alcune di loro per ricattare l’azienda per una buonuscita migliore avevano cominciato a stracciarsi le vesti e uscire dall’ascensore urlando allo stupro. Volete l’eden della figa? Good luck with that.

      Mi piace

  2. Le femministe hanno sempre negato l’esistenza delle false accuse.
    Perché le donne non mentono mai, non truffano mai, non fanno mai violenza, non puzzano neanche. Le donne non producono scarti volgari: assorbono energia dall’etere e restituiscono ossigeno depurato all’atmosfera. Gli arcobaleni sono il modo della madre Terra per esprimere gratitudine alle sue custodi. Gli unicorni elettrici i loro mezzi di trasporto.
    Se osi negare questo, devi farti qualche domanda su di te.
    Riusciranno sicuro ad azzerare del tutto i numeri delle false accuse spiegandoci, con la tenerezza, che interpretiamo male i dati. Per esempio andranno scorporate dal computo le false accuse di necessità. Se una donna ti vuole fuori dalla tua casa, perché ti ostini a rimanere? O le burle.
    “Quando ha provato a baciarmi mi è venuto un sorriso spontaneo, ma perché ero imbarazzata (…). Sono fatta così”
    https://roma.corriere.it/notizie/cronaca/18_maggio_29/roma-denuncio-collega-pizzaiolo-stupro-indagata-calunnia-5c4c78b2-6325-11e8-9464-44779318d83c.shtml
    E’ fatta così. Ora questa anima candida che sorride alla vita “rischia” una denuncia per calunnia. Nientedimeno.
    I maschi che lo hanno capito lavorano per realizzare alacremente il progetto. E forse saranno salvi.
    A Bologna partirà il ciclo di conferenze organizzato in piazza dal quotidiano La Repubblica. Si inizierà dal #metoo perché non basta mai. E’ importante guardare la mimica facciale del direttore Mario Calabresi mentre spiega al pubblico come sono state trattate le donne durante i recenti processi.
    Pochi secondi a partire dal minuto 31:55 della puntata di ieri della trasmissione Otto e mezzo.
    https://youtu.be/7z_WQttPIoU?t=1915
    La linea difensiva dei quei porci ha osato intimare alle vittime durante il dibattimento: Ma lei come si è comportata? Aveva bevuto un bicchiere? E’ allucinante! Senza neanche attendere la fine del processo, la vittima subiva la violenza maschile delle domande.
    Vedrete che presto non ci saranno più discrepanze tra i dati sulle false accuse.

    Piace a 1 persona

    1. Come spiegare il fatto che ancor oggi un gran numero di denunciati viene assolto come se esistessero tante femmine mentitrici? E’ che siamo ancora lontani dalla vera Società Femminista. Non ci resta che attendere.

      Piace a 1 persona

      1. Perche’ esistono un sacco di donne bugiarde, lo dico da donna che ne ha incontrate da stancarsi, cosi come ho incontrato uomini bugiardi, ma mentono su altri fronti, non su questo.

        Mi piace

  3. 1A) Si sa* che in età classica il pater familias aveva diritto di vita e di morte su moglie e figli. Non tutti i patres ammazzavano moglie e figli, ma tutti i figli e tutte le mogli sapevano che potevano esser ammazzati a discrezione del Padrone. Qual era la condizione degli interessati? Capo chino e strisciare. Tutti sapevano e tutti strisciavano.
    1B) Si sa** che in occidente le FF hanno acquistato il diritto di definire-qualificare a posteriori ogni incontro (come anche di ogni gesto, parola: =stalking). Cioè di trasformare in stupro ogni coito a seconda di quel che riterranno opportuno. A prescindere da quel che è accaduto, dalle intenzioni del maschio, dalla manifestazione o meno del dissenso, dal tipo di relazione preesistente etc. (“stupro colposo” “stupro coniugale” etc.). Qual è la condizione degli interessati? Fingere che non sia così. Negare, negare, negare. E ridere. E sghignazzare.
    .
    1A riconoscere la realtà effettuale
    1B misconoscere la realtà
    .
    2) False denunce per molestie, maltrattamenti e stupri possono verificarsi solo là dove i fatti sono valutati oggettivamente. Dove invece la loro qualificazione è radicalmente soggettiva in quanto dipende dal vissuto (vero o falso) di qualcuno (qui: qualcuna) le false denunce sono impossibili, sono una contraddizione in termini. Utile però ai fini di manipolazione. Poiché la liceità o meno dei gesti e quindi dei coiti dipende dal consenso o meno di F, la sola querela prova la sua contrarietà (anche ricostruita 10 anni dopo) e quindi prova che vi fu, molestia, stalking, stupro.
    A che titolo qualcuno viene assolto dopo esser stato denunciato se è la denuncia stessa a provare la contrarietà femminile? Chiedo: false accuse in che senso?
    .
    *Si sa: ma non si sa se fosse vero, né in quale misura, grado, estensione, luoghi, tempi etc.
    ** Si sa, ma non lo vuol credere nessuno. Bisogna capire. Ho conosciuto uomini finiti in carcere per stupro postdatato i quali mi hanno giurato di non poter credere neppure dopo 4 anni di galera che le cose stiano così. Lo sanno (eccome…) ma non ci credono. Non ci si può credere.

    Piace a 2 people

    1. Ti viene in mente che la contrarietà può essere venuta anche DOPO e poi è stata spacciata per PRIMA?

      O il tuo post è ironico, oppure sei in malafede chiara e netta.

      Mi piace

  4. le donne non sono più sekettive degli uomini e hanno tutto il diritto di esserlo, io con una che non mi piace fisicamente non voglio fare sesso e certamente non mi aspetto che una donna faccia sesso con un uomo che non le piace

    Mi piace

  5. http://xyonline.net/content/false-accusations-rape

    In questo articolo del 2009 (che per contenuto è fuori dal coro dell’argomento sulle false accuse, ma è comunque utile da leggere) è riportato un 8% circa di casi accertati di “false allegation rapes” secondo i dati dell’FBI riportati in uno studio però del 1997.
    La ricerca più recente, riportata da Iris, che segue parametri più stringenti, parla di 5% di casi (i ricercatori stessi però si aspettavano un “drop” nelle percentuali).
    Da notare che nell’articolo che riporto io c’è anche una critica dei criteri usati dagli MRA statunitensi per calcolare i casi di false accuse. Avverto perché qualche MRA che legge non si faccia il sangue cattivo :))) .

    Mi piace

    1. È esattamente quello che riporta l’articolo di De Zutter et al. (2017) citato da Iris. Tabelle 1 e 2 (pag. 3): circa 5000 (~5% del totale) casi all’anno, pari a 13/14 al giorno.

      Mi piace

      1. (e questi naturalmente sono dati tratti dalle fonti ufficiali: considerando il bias di genere della giustizia, non solo americana, per cui ad esempio a parità di reato gli uomini subiscono pene assai più pesanti delle donne, qualche sospetto che si tratti solo di un limite inferiore viene, non so se è questo ciò che viene rilevato dagli altri studi, più pessimistici, citati da iris, che però non sono linkati).

        Mi piace

        1. Quindi una cifra più “antica”, ma vicina al 10%, potrebbe risultare più realistica di quella ricavata dagli studi più recenti.
          Boh, sarebbe un passo indietro più che un passo in avanti.

          Mi piace

          1. Non saprei. A naso, mi aspetto numeri più alti ma non le percentuali catastrofiche riportate da iris (ma non avendo a disposizione gli studi citati, non posso giudicare). È anche vero che il sistema sempre più femminocentrico è criminogeno, perché incoraggia le false accuse. E questo, paradossalmente, in prima battuta rende meno credibili per la persona normale le denunce in genere (in pratica, il femminismo radicale è una profezia che avvera non se stessa, ma il suo contrario), e quindi, in conseguenza a ciò, scoraggerà via via le denunce vere. Eterogenesi dei fini, dicono “gli studiati”: ciclopica idiozia, dico io.

            Mi piace

            1. Buongiorno, vi linko l’articolo che riporta il dato dell’80% di accuse di stupro false elaborato dalla Polizia di Rodenstock http://m.ostsee-zeitung.de/Mecklenburg/Rostock/Acht-von-zehn-Vergewaltigungen-sind-vorgetaeuscht

              Trovate i riferimenti di ulteriori studi e statistiche qui https://en.wikipedia.org/wiki/False_accusation_of_rape

              La differenza principale tra le ultime statistiche di De Zutter e c. basate sui dati dell’FBI che vedono una media del 5,55% di accuse di stupro false in USA nel periodo 2006-2010 e quelle di Kanin del 1994 che rilevo’ un 41% di accuse false e’ che Kanin, seppur limitatamente alla sua giurisdizione, studio’ i fascicoli uno a uno, De Zutter si e’ fermato al livello pre rinvio a giudizio. Essere rinviati a giudizio non equivale a essere colpevoli e se per questo nemmeno essere condannati, vedi p.es. da noi il caso di Enzo Tortora.

              Per falsa accusa di stupro si intende un’accusa dove non c’e’ stato stupro. Es. non c’e’ nemmeno stato rapporto (circa il 50% delle false accuse e’ totalmente inventato) oppure p.es. la donna beccata dal marito fa passare la relazione extraconiugale per stupro, oppure ricusa il consenso dopo il coito millantando, per esempio, uno stato di coma etilico smentito da prove video e testimonianze, ecc.

              Le casistiche sono varie, ma la cosa fondamentale e’ che all’estero SE NE PARLA, mentre da noi questi eventi sono relegati se va bene nella cronaca locale, o meglio insabbiati perche’ vurria mai che passi il concetto che la donna non e’ necessariamente un angelo immacolato, ma puo’ mentire, quali che siano le sue motivazioni principali e secondarie.

              Mi piace

              1. Perdonate, e’ Rostock, non Rodenstock, comunque fate prima a leggere o l’originale in tedesco o l’estratto in inglese nella pagina wiki dedicata alle false accuse di stupro. Potendo contare su una base di volontari piu’ ampia, Wiki inglese e’ generalmente abbastanza ben referenziata

                Mi piace

  6. Le donne si comportano alla stessa maniera ovunque. E su questo non ci piove.

    Però sulla impertinenza, il più potente anti-sistema, sono assolutamente d’accordo con Davide.
    Detto senza scomodare Sloterdijk o Diogene. E’ da coltivare.

    Dunque bravo Eretiko.

    Una riflessione andrebbe fatta anche sulla sua rimozione/condanna oggi.
    Di questi tempi si ‘imbarazzano’ se solo dici che #metoo è un ‘circo’.

    https://www.corriere.it/opinioni/18_maggio_31/scandalo-weinsteinl-imbarazzante-difesadello-scettico-mcewan-ae8154c2-643d-11e8-9b4c-0d37dd8c9cfa.shtml

    A proposito di Weinstein. Valentina Nappi (nota maitre a penser) propone la seguente soluzione: “Datela di più”.

    https://www.iodonna.it/personaggi/interviste-gallery/2018/05/27/valentina-nappi-voglio-dare-dignita-al-porno-e-ci-sto-riuscendo/?intcmp=iod_hpcor_articolo

    Non sbaglia completamente, ma le manca quel pizzico di speculazione in più.
    Le prostitute la danno facile, ma non gratis.

    Sarebbe più appropriato dire che la soluzione al caso Weinstein è darla GRATIS.

    Quale modo migliore per smontare un potente che dargliela gratis?
    Come fa a esercitare il suo potere?

    Ammesso che il potente sia Weinstein.

    Mi piace

  7. Ha assolutamente ragione Davide nel rimarcare il carattere goliardico e totalmente “antiscientifico” della mia ricerca. Oltretutto, ognuno si baserà sulla propria esperienza personale per farsi un’idea, così come ho fatto io (sia virtualmente che realmente). Quanto agli allarmistici rilievi di Iris, mi viene da sorridere. I dati riportati mancano di precisi rimandi; ma anche assumendo che sia vero il dato di 13 false accuse al giorno negli USA, abbiamo presente quanti abitanti vi sono nell’intera nazione? 312.000.000

    Secondo dati OMS (2011), nel mondo vi sono quotidianamente circa 100mln di rapporti sessuali. Gli Stati uniti constano il 4% circa della popolazione mondiale (312mln su 7mld e mezzo).
    Ciò significa che, in via sommaria, nei soli Stati Uniti vi sono qualcosa come 4.000.000 di rapporti sessuali al giorno. Ciò significa altresì che la percentuale complessiva di false accuse giornaliere corrisponde circa allo 0,000003% dei coiti avvenuti. È infinitamente più probabile morire in un incidente d’auto che essere subire una falsa accusa di stupro negli Stati Uniti. Il che, intendiamoci, non rende meno spregevole il fenomeno ma, per favore, non candiamo in deliri paranoici che non hanno nemmeno alcun fondamento statistico.

    Piace a 1 persona

    1. Buongiorno Eretiko, ben volentieri Le fornisco il link dove puo’ scaricare la ricerca di cui ho riportato alcuni dati https://www.researchgate.net/publication/315728247_The_Prevalence_of_False_Allegations_of_Rape_in_the_United_States_from_2006-2010
      Il dato di 13 false accuse di stupro/giorno medio negli USA nel periodo 2006-2010 e’ un banale calcolo basato sulla tabella di dati presentata nella ricerca. E ripeto, si tratta solo delle denunce archiviate dalla polizia in fase di prime indagini. Lo studio di Kanin del 1994 evidenzio’ una percentuale di false accuse nella sua giurisdizione pari al 41%. La polizia di Rodenstock, Germania, paese ben lontano dall’essere tacciato di maschilismo, tocca finora il record dell’80% di false accuse di stupro. Se capisce il tedesco Le giro il link dell’articolo. Non ho dati aggiornati all’era del #metoo, preferisco non pensarci perche’ da donna mi vergogno di
      condividere anche solo con un cromosoma x con certa feccia.
      Anch’io so che ho molte piu’ probabilita’ di morire in un incidente stradale che di essere stuprata dal primo sconosciuto, questo non vuol dire che non mi guardo a destra e sinistra prima di attraversare la strada o che mi posso permettere di non essere prudente nella vita in generale. Se Lei invece preferisce la roulette russa del coito occasionale con la prima sconosciuta, o preferisce minimizzare il problema che mi sono permessa di evidenziare, faccia pure. Del resto il 50% delle false accuse di stupro sono completamente inventate e gente come p.es. Gary Dotson si e’ fatta 11 anni di galera per le false accuse di una ragazzina di 16 anni di cui non conosceva nemmeno l’esistenza. Quindi magari ha ragione Lei a voler vivere la vita come se non ci fosse un domani, ma io da control freak quale sono un minimo ci penserei.

      Piace a 1 persona

  8. Iris
    @@
    Carissimo, in USA le false accuse di stupro sono 5000/anno, 13/giorno (dati dell’FBI) e parliamo solo di quelle archiviate a monte dalla polizia dopo le prime indagini. Non sono incluse le cause di “disputed consent” che vanno a giudizio, i casi in cui il coniuge fedifrago preferisce abbozzare al ricatto della partner occasionale rimorchiata al club o su Tinder per evitare che alla moglie giunga voce delle corna, dei casi in cui il disgraziato non ha i soldi per difendersi, ecc.
    @@

    E’ così.

    Mi piace

  9. Davide Stasi
    @@
    L’app usata da mezzo mondo (eccezion fatta per l’Italia, come vedremo) per scopare?
    @@

    Davide, non prendertela eh, ma se la usa “mezzo mondo” vuol dire che non è solo l’ Italia a fare eccezione, bensì… mezzo mondo!, per l’ appunto.
    Ascolta, Davide, questa storia delle c.d. “straniere” che la darebbero “facilissimamente” mi fa veramente “sorridere”…
    Mi fa sorridere perché io di straniere – soprattutto dell’est e in particolar modo rumene; ma anche russe – ne ho frequentate un bel po’, quando ero più giovane, viaggiavo in uropa (soprattutto dell’est), avevo più soldi in tasca e non mi occupavo della c.d. questione maschile.
    Be’, come ho avuto modo di scrivere altrove in numerose occasioni, le “straniere” non sono affatto migliori delle italiane, tantomeno “più disponibili”.
    Casomai è più facile che si prostituiscano, questo sì, soprattutto se arrivano da paesi più poveri, tipo la Romania.
    Questa è solo una leggenda urbana che nel corso dei miei 47 anni di vita avrò ascoltato “un milione di volte”, e che è tipica di tantissimi italiani, convinti che l’erba del vicino sia sempre più verde.

    ##########
    Davide Stasi
    @@
    Da uomo che non è un cesso ma nemmeno un’icona di bellezza, eh…
    @@

    Nemmeno io mi ritengo un’ “icona di bellezza”, ma specie da giovane non ero niente male…
    Anzi, mi permetto di dire che ero pure bello e fisicamente ben messo (anche perché ero un atleta), ma nonostante ciò dovevo sempre impegnarmi, sia con le italiane che con le straniere, perché niente era, ed è, facile con l’ altro sesso.
    E soprattutto nulla è realmente gratuito, specie se le suddette arrivano da ben precisi luoghi del mondo.

    Mi piace

  10. Un caro saluto.
    Qui siamo completamente fuori strada. Leggendo le esperienze di vita degli “incels” americani, non mi sembra proprio che la situazione sia quella qui descritta; anzi, Tinder è spesso preso come esempio di ricettacolo di “attention whores”, sgualdrine iperselettive pronte a gridare al tentato stupro virtuale se contattate da uomini che non rientrano nel loro “standard” (a meno che l’autore non sia un uomo da 8/10 in su oppure l’esperimento non abbia coinvolto femmine vecchie, ovvero over 30… in tal caso la descrizione sarebbe accurata, MA…).
    Consiglio un bagno di realismo su siti come l’ex “sluthate” (oggi red pill talk), ove sono riportate esperienze per cui basta sostituire la propria foto con quella di un “bel ragazzo” per avere accesso a reazioni ed esperienze completamente differenti, a parità di profilo e comportamento relazionale.
    Roosh V, dopo la folgorazione sulla via per Damasco verso l’antifemminismo, ha spesso puntualizzato come tali siti siano utili solo al boosting della loro self esteem, in quanto nessuna è veramente interessata a relazioni sessuali e tanto meno a vere relazioni sentimentali serie.
    Per il matching con femmine decenti, matrimonio incluso, l’occidente (area NATO) è da escludere a priori per gli uomini normali.

    Un ultimo pensiero a riguardo dell’ipocrisia con qui, QUI si incentiva alla promiscuità sessuale ed al tradimento mentre si combatte contro la poligamia.

    Il commento di IRIS è fuori luogo,

    Mi piace

    1. Grazie per il commento. Credo però che si stia prendendo questa inchiesta un po’ troppo sul serio. È tendenzialmente goliardica, nel metodo e nei toni, e non ambisce certo a essere scientifica. A me ha fatto ridere per i toni volutamente da maschiaccio. Ma è chiaro che la realtà è più complessa di così…

      Mi piace

    2. Saraimegliodifusaro, ma cambia pusher che se il mio commento e’ fuori luogo (e nemmeno argomenti perche’) il tuo non ha ne’ capo ne’ coda

      Mi piace

        1. Bastava non pubblicare il mio commento se era ritenuto una polemica sterile. Evidentemente al di la’ delle parole o non era cosi sterile o non era cosi polemico

          Mi piace

          1. Non mi riferisco ad alcun commento in particolare, ma ai toni generali. Io pubblico tutto i commenti, tranne i troll palesi. Ed esigo che in casa mia si tengano toni anche critici ma sempre rispettosi. Specie su un post goliardico…

            Mi piace

            1. L’apertura mentale Le fa onore. Relativamente al commento diretto inequivocabilmente al mio post e alla sua presunta incongruenza in questo ambito da parte di sonomegliodifusaro, ho trovato strano che che esordisce dando delle “attention whores” pronte a gridare allo stupro virtuale (e anche reale, fidatevi) poi chiuda tacciandomi di essere fuori luogo quando richiamo le migliaia di disgraziati vittime, in parte, di soggetti del genere. Vi assicuro che nessuno di loro riuscirebbe piu’ a trovare goliardici post su questo tema.

              Se lo stupore e l’irritazione che mi hanno generato questa incongruenza nella critica rivoltami da sonomegliodifusaro mi hanno portato a esprimermi in modi non del tutto diplomatici me ne scuso. Mi raccomando solo che se volete fare i goliardi e qualcos’altro con perfette sconosciute lo facciate con telefonino in piena carica e in modalita’ videorecording per provare la consensualita’ del rapporto, come hanno imparato a fare all’estero per evitare di essere incastrati dalla “spiritosona” di turno. Un saluto.

              Mi piace

              1. Mi sono stupito anch’io del commento dell’altro utente, che mi pareva del tutto sulla stessa linea del suo, Iris. Forse c’è stato un misunderstanding nei toni, rischio sempre attivo quando si scrive su internet. Ma niente di grave mi pare. Continuo ad apprezzare il tono da “Amici miei” con cui il mio amico Eretiko ha esposto la sua “inchiesta”. Quel tono da adorabile maschiaccio che fa tanto arrabbiare le valchirie del politicamente corretto mi è piaciuto, mi è parso leggero, come sono leggere le espressioni tipicamente grevi del maschio che fa apposta a essere greve. In un blog dove cerco sempre di scrivere in punta di penna, un po’ di disimpegno stilistico ci stava… Saluti !

                Mi piace

                1. Anch’io mi sono divertita molto leggendo i risultati dell’inchiesta, ma ben sapendo che c’e’ chi potrebbe prenderla sul serio, ho pensato fosse opportuno presentare anche il lato oscuro del presunto “eden della figa” che i miei incauti connazionali potrebbero andare a cercare senza essere debitamente attrezzati, e non mi riferisco alle confezioni di Durex stivati in valigia… 😉

                  Mi piace

  11. Carissimo, in USA le false accuse di stupro sono 5000/anno, 13/giorno (dati dell’FBI) e parliamo solo di quelle archiviate a monte dalla polizia dopo le prime indagini. Non sono incluse le cause di “disputed consent” che vanno a giudizio, i casi in cui il coniuge fedifrago preferisce abbozzare al ricatto della partner occasionale rimorchiata al club o su Tinder per evitare che alla moglie giunga voce delle corna, dei casi in cui il disgraziato non ha i soldi per difendersi, ecc.

    Pensi che tutta questa disinibizione e disponibilita’ all’estero siano un luccichio che nasconde chissa’ che oro? Accomodati, non ti tratterremo. Ma se mia nonna diceva “moglie e buoi dei paesi tuoi” posso assicurarti che vale anche per il sesso occasionale e c’e’ un suo perche’…

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.