Libertà, giustizia e legalità ad Oristano

bimbascarpeDella vicenda della piccola sottratta proditoriamente dalla madre e portata a forza in provincia di Oristano, sebbene affidata al padre residente a Viterbo, ho parlato poco tempo fa, prendendomela (ovviamente) con i media e il loro modo infame di trattare la notizia. Per modo infame intendo: giudici cattivi che togliete la figlia alla madre, Carabinieri cattivi che gliela strappate dalle braccia, padre cattivo che la vuole tutta per sé. Ma naturalmente anche: madre buona, linda e incolpevole, trattata così inquantodonna e dunque oggetto di supporto da parte di “tutta Oristano”, oltre che dei media servi.

Ebbene, fa piacere per una volta dare una buona notizia: libertà per la bimba dalle grinfie di una donna astuta e cattiva, che ha provato a usare false accuse per privare l’ex marito dell’affido, e su questo clamorosamente spernacchiata dal giudice (un encomio grande per costei, Dr.ssa Fiorella Scarpato, non dimentichiamo il suo nome!). Giustizia è fatta, PER UNA VOLTA, in modo chiaro e oggettivo, senza pregiudizi o strabismi di genere: non si sradica una bambina, se non è veramente indispensabile, dal proprio contesto di nascita e crescita. Non per un capriccio da femmina instabile che si crede privilegiata proprio perché donna. Soprattutto non è vero che gli uomini non hanno potenzialità accudenti. E questa è giustizia. Legalità, infine: la legge c’è, va rispettata, e si viene sanzionati se non la si rispetta, ad esempio sottraendo un minore. Così come non si viene sanzionati per una falsa accusa.

shaving_mirror-copiaUna bella pagina per la giustizia familiare e la società italiana. Speriamo la prima di molte molte altre. Certo la battaglia non è finita: ci si stanno mettendo di mezzo consigliere comunali e garantesse per l’infanzia, propaggini istituzionali di cieco femminismo, ma sarà dura contrastare una sentenza. Incrociamo le dita. E dopo la soddisfazione, se volete c’è anche il divertimento: già la Nuova Sardegna non titola “figlia RESTITUITA al padre”, ma “figlia TOLTA alla madre”. Ma il bello sarà su La Stampa con l’aggiornamento sulla vicenda, se lo pubblicheranno, probabilmente a firma Nicola Pinna (che, a quanto pare, ce l’ha di vizietto di dar voce e difendere donne indifendibili…). Sarà uno spettacolo vedere che foto usano, dopo la bimba con le scarpette rosse, e leggere il giornalista mentre si arrampica ovunque, con qualunque mezzo, pur di far passare per ingiustizia ciò che ingiustizia assolutamente non è. Esercizi di stile: attendiamo con ansia!


bannerpromominiwp

6 commenti

    1. Se questo non significa darla in esclusiva alla madre, ma garantire alla piccola la serena e PARITARIA frequentazione di due genitori equilibrati, sono d’accordo con il Garante sardo. Diversamente, il garante del Lazio dovrebbe rispondere picche al cubo.

      Mi piace

  1. Se vuoi ti passo via email le foto della pagina della Nuova (gruppo L’Espresso, quindi si immagini l’obiettività) in cui:
    1) è riportata la notizia con toni totalmente pro- madre
    2) è riportata una seconda notizia a sua volta per niente favorevole alla lei coinvolta. Su entrambi i casi aleggia lo spettro di presunti casi di maltrattamento e stalking che evidentemente (il giornale si dimentica di dirlo) si don dimostrati privi di fondamento. Last but not least, il giudice viterbese che ha disposto per l’affidamento al padre è una donna.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.