STALKER SARAI TU

Frosinone: madre e padre ugualmente colpevoli dell’omicidio di Gabriel

Questo blog ha interrotto le pubblicazioni il 14/09/2020, dopo 4 anni di attività.

Le sue tematiche sono ora sviluppate da una nuova piattaforma:

LA FIONDA

https://www.lafionda.com

<

persone_gabrielferoletoI contorni della vicenda che hanno portato alla terribile morte del piccolo Gabriel Feroleto si chiariscono sempre di più mano a mano che emergono testimonianze e fatti. Il quadro che emerge è di degrado umano assoluto, premessa di un orrore senza fine. Il movente dell’infanticidio era il disturbo che il bambino arrecava ai due amanti, Donatella Di Bona e Nicola Feroleto, al loro bisogno di fare sesso. Gabriel piangeva, la madre l’ha ucciso soffocandolo e l’uomo è rimasto inerte, limitandosi a imprecare. Poi la messinscena dell’investimento e il tentativo del padre di chiamarsi fuori dalla vicenda, costruendosi un alibi che alla fine non ha retto. Parte di esso era forzare la compagna ufficiale Anna Vacca a dire che al momento dell’omicidio del piccolo lui era con lei. Anna però non ha retto e ha ritrattato la testimonianza. Dunque Nicola Feroleto è complice dell’omicidio del piccolo Gabriel. Una mostruosità maturata in un contesto di degrado sociale ed economico profondissimo, coniugati a problemi psichiatrici e devianze molto gravi. Ritengo opportuno scrivere tutto questo perché di recente su questa vicenda ho voluto esprimermi in modo garantista rispetto a Nicola Feroleto, alla luce del fatto che poche erano le evidenze a suo carico e che, nonostante questo, i media già gridassero al mostro, quasi dimenticando che l’assassina materiale è la madre. Ora è doveroso da parte mia correggere il tiro: Nicola Feroleto è complice dell’omicidio volontario commesso da Donatella Di Bona. Sui media continua a esserci più lui che l’esecutrice materiale del delitto, la narrazione non cambia. Ma a questo punto ciò che mi interessa è seguire come verranno trattati i due dal lato giudiziario. Se si aggiungono i futili motivi, il fatto che la vittima fosse un bimbo, figlio di entrambi, dovrebbe garantire a Feroleto e Di Bona un ergastolo senza se e senza ma. Se dunque ammetto senza problemi l’errore di base del mio precedente articolo garantista, rimango comunque all’erta rispetto al trattamento che quei due soggetti sub-umani riceveranno dalla giustizia italiana. Per quanto mi riguarda non devono esserci attenuanti o sconti per nessuno dei due e soprattutto nessun doppio standard.

Questo articolo è il frutto del lavoro volontario e gratuito dell’autore. Se vuoi aiutarlo contribuendo al mantenimento del blog e alla diffusione dei suoi contenuti, fai una donazione tramite bonifico o PayPal. Grazie!


IBAN: IT12D0617501410000001392680


Per essere sempre aggiornato sui nuovi articoli, iscriviti alla newsletter di “Stalker sarai tu”:

Loading

5 thoughts on “Frosinone: madre e padre ugualmente colpevoli dell’omicidio di Gabriel

  1. Scusate, ma nn ho capito perche’ e’ colpevole il padre! Forse ha detto alla madre ammazza tuo figlio ?

  2. Prevedo grosse attenuanti per la signora, l’ergastolo o 30 anni per lei sono da escludere: la signora voleva scopare e non ha potuto.
    Se becca un giudice zerbino potrebbe persino succedere che non vada in galera neanche un giorno, perché non c’è argomentazione più valida di questa per uno zerbino.

    Chi vivrà vedrà.

    1. . . . . ancora peggio una femminista che le darà o i domiciliari o l’obbligo di curarsi in un centro di recupero di malati mentali. Ovvio che all’uomo applicheranno al 100% la nuova legge facendosi l’ergastolo dal primo giorno all’ultimo giorno del trentesimo anno.

      1. Forse, ma l’apice si toccherebbe comunque con un giudice zerbino: l’idea della donna che voleva scopare e non ha potuto farlo stimola la parte più primitiva di un cervello maschile impreparato, e riduce un giudice zerbino a livello di un primate appena sceso dagli alberi, nella savana. Anche il “razionale” nella sentenza sarebbe a quel livello una volta depurato dai termini altisonanti in legalese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: