STALKER SARAI TU

Orrore pedofilia: minori stuprati, torturati e uccisi

Questo blog ha interrotto le pubblicazioni il 14/09/2020, dopo 4 anni di attività.

Le sue tematiche sono ora sviluppate da una nuova piattaforma:

LA FIONDA

https://www.lafionda.com

<

[NdR: pubblichiamo qui con piacere un articolo che Antonietta Gianola si è vista inspiegabilmente respingere da “Il Primato Nazionale”. Proprio il quotidiano online che, cedendo a pressioni esterne, ha cancellato un articolo relativo alla condanna per lesioni a danno dell’ex fidanzato dell’attivista antiviolenza Eleonora De Nardis. Anche in quel caso l’articolo era firmato da Antonietta Gianola, che alla luce di tutto ciò ha deciso di interrompere la sua collaborazione con “Il Primato Nazionale”. SI ha così la prova di ciò che già sapevamo, ossia che il conformismo e il servilismo verso la narrazione femminista-LGBT sono trasversalmente presenti a destra come a sinistra. L’effetto positivo è che questo consentirà a noi di ospitare i futuri contributi di Antonietta Gianola, cui tutto il team di Stalker Sarai Tu dà un caloroso benvenuto].

di Antonietta Gianola. Lasciamo ad educatori, psichiatri, psicologi, sociologi e sacerdoti il compito di spiegare perché, sempre più persone (purtroppo anche giovanissime) vengono attratte dalla visione di raccapriccianti filmati che riprendono stupri e uccisioni di bambini e neonati, come riportano le cronache degli ultimi giorni. A noi il compito di mettere in fila gli ultimi fatti e provare a capire quel che sta succedendo.

È di pochi giorni fa la notizia relativa alla scoperta, da parte dei Carabinieri di Siena, di siti criptati dove si può assistere a torture e uccisioni in diretta. Una news che segue quella della maxi retata del 4 luglio che ha sgominato una rete di pedofili italiani i quali, su una piattaforma di messaggistica, scambiavano materiale pedopornografico, portando all’arresto oltre 50 persone e 15 regioni italiane coinvolte. Ancora, giorni fa uno dei pedofili più pericolosi al mondo, è stato assicurato alla giustizia dalla Polizia di Bordeaux. L’uomo è sospettato di gestire diversi siti del darknet che consentivano a migliaia di internauti nel mondo di avere accesso a foto e video di carattere pedopornografico. In Germania poche ore prima, è stata smascherata una rete di pedofili che si incontravano nei forum online, per scambiarsi foto, informazioni e ‘consigli’ su come adescare i bambini e su come renderli “accomodanti”. Coinvolti circa 30 mila utenti, indagati sia per possesso di materiale pedopornografico, sia per abusi.


Distruggere la rete composta da pedofili.


Donald e Melania Trump

Quasi contestualmente l’opinione pubblica tedesca è stata sconvolta dalla Bibbiano tedesca, con migliaia di minori, orfani, assegnati a genitori condannati per pedofilia e abusi. Una pratica che andava avanti dal 1969 emersa dopo numerose denunce e un’inchiesta. Aggiungiamo la notizia dell’arresto di Ghislaine Maxwsell, socia di Jeffrey Epstein, accusato di aver stuprato e ferito bambini e di aver gestito un giro di pedofilia: la donna svolgeva il ruolo di procuratrice di minorenni impiegate come schiave sessuali a disposizione di facoltosi uomini, politici e personalità del Jet-Set internazionale. E infine il messaggio veicolato attraverso un abito indossato da Melania Trump, della Maison di Alexandre McQueen, stilista abusato durante l’infanzia, impegnato per anni a raccontare il suo drammatico vissuto.

Insomma, quello a cui stiamo assistendo, in queste settimane, è un vortice di notizie e scandali, messaggi e avvenimenti, che squarciano il velo sul mostruoso fenomeno, quello dei bambini violati, uccisi e sacrificati, di cui è essenziale iniziare a parlare apertamente. Per distruggere la rete composta da pedofili, mercanti di esseri umani e innocenti è stata costituita una task force, composta da investigatori nazionali ed internazionali, che sta portando avanti azioni e operazioni di intelligence coordinate, con il compito di stroncare il traffico di bambini usati per scopi sessuali e oggetto di nuovi progetti sociali.


Il mercato dei bambini avviene con il benestare di molti.


Robert David Steele

Secondo Telefono Azzurro, in Italia, nel 2019 le denunce di scomparsa di minori sono state 8.331, di cui 5.376 stranieri e 2.955 italiani. La fascia d’età più a rischio è quelle compresa fra gli 11 e i 18 anni. I casi nel nostro paese sono raddoppiati rispetto al 2018. Il fenomeno ha proporzioni allarmanti: nel Regno Unito si registrano circa 80 mila casi di scomparsa, in Russia oltre 45.000, in India oltre 111.000, negli Stati Uniti oltre 421.000. Secondo l’ex ufficiale operativo della CIA, Robert David Steele, oggi a capo della Commissione d’inchiesta istituita dal governo Trump, finalizzata a stroncare il traffico di minori, questo è in fenomeno che coinvolge, nel mondo diversi milioni di bambini (negli States tra i 600.000 e gli 800.000 all’anno) che vanno da pochi mesi di vita fino all’adolescenza.

“Migliaia di bambini ogni anno vengono rapiti, abusati, torturati, uccisi e sacrificati per ragioni di potere e di denaro”, racconta Steele. L’ex agente CIA, che collabora con la National Security Agency (NSA) e altre agenzie investigative sparse per il mondo, ha addestrato più di 8000 collaboratori provenienti da oltre 60 Paesi, preparati a riconoscere prede/bimbi e predatori/fruttatori ed intercettare, in ogni provincia e Stato del mondo, i canali con cui avvengono le comunicazioni fra i trafficanti di esseri umani. “Il mercato dei bambini avviene con il benestare di molti poliziotti, giudici, capi di polizia, editori, attori, uomini di cultura, politici corrotti o ricattati, tutti consapevoli che se violeranno l’omertà al riguardo della pedofilia potranno anche essere uccisi”, dichiara Steele.


È assolutamente essenziale che si inizi a parlarne apertamente.


abusiUna società viene giudicata da come tratta l’essere più debole e i fatti di cronaca suscitano un grande motivo di allarme. Ci sono diversi motivi di preoccupazione, prosegue Steele: “Al di là del fatto stesso della pedofilia e della sua esistenza, andata avanti per secoli, siamo arrivati ad un punto tale di abominio che i bambini non solo vengono rapiti ma nascono per essere venduti. Succede anche negli Stati Uniti d’America. Il mercato dei minori non alimenta solo l’industria della pornografia ma anche il traffico di snuff movie mentre ai vertici della nostra società attraverso il sesso, in particolare con minori, i potenti del mondo reclutano e controllano molte persone che vengono messe a svolgere importanti ruoli. Possono essere politici, rappresentanti istituzionali, persone a capo di grosse aziende nazionali ed internazionali.

Queste persone, introdotte negli ambienti che contano, vengono corrotte (offrendo loro soldi e sesso facile filmato e documentato) affinché all’interno delle istituzioni consentano le operazioni sporche che avvengono a certi livelli del potere”, spiega l’ex CIA. “È assolutamente necessario cominciare a parlare di quello che succede”, conclude Steele, “e spingere la gente ad osservare come e in che modo i governi proteggono i nostri figli, quali leggi vengono approvate, quali i progetti che coinvolgono direttamente o indirettamente i bambini, quali le ideologie che stanno alla base dei programmi pensati per il membro più debole della comunità. È assolutamente essenziale che si inizi a parlarne apertamente”.


9 thoughts on “Orrore pedofilia: minori stuprati, torturati e uccisi

  1. Siamo sicuri che solo negli stati uniti ci siano più di 400.000 minorenni scomparsi all’anno? A me sembra un numero esagerato, più di mille minorenni al giorno scomparsi!!!

  2. Avevo letto con piacere l’articolo di Antonietta Gianola sul Primato Nazionale e trovo francamente inquietante che sia stato ritirato. Nell’articolo, come nel post di questo blog a cui si faceva riferimento, non si citavano voci non confermate o interpretazioni malevole, ma un fatto: la sentenza di un tribunale dello Stato italiano. E’ possibile sapere con più precisione chi ha voluto la rimozione dell’articolo e magari con quali motivazioni? E’ stato qualcuno del PN o forze esterne hanno fatto pressione su di esso? Leggo che il PN nasce come rivista legata a Casa Pound, quindi direi che non c’è nessun pericolo di compiacenza verso le femministe di sinistra vicine a Eleonora de Nardis. Inoltre basta una scorsa agli articoli per rendersi conto che sulle questioni razziali e lgbt, la rivista non esita a prendere posizioni fortemente anti-mainstream, se mi passate la parola. Perché allora tutto questo riguardo verso una donna che ha tirato 11 coltellate al compagno?

  3. Che orrore !!!
    Quello che manca però nell’articolo é
    Il termine pedofilia anche al femminile….
    Purtroppo ci sono ancora persone che credono non esista !!!

    1. stavolta ritengo sia poco importante… mi chiedo invece quanti siano i reali pedofili, i reali abusatori, i pervertiti di questo genere in Italia… perché personalmente non conosco questa realtà, e sono sincero, non voglio valutare la situazione pedofilia in Italia sulla base della realtà Americana ad esempio… mi piacerebbe avere una statistica, sperando sia poco inquinata dalle false denunce come il caso di Tonio Moglie o il marito di Laura Massaro che ovviamente è stato assolto, ma chissa quanti magari non sono stati cosi fortunati (vedi val d enza)

    2. mi correggo, ho sbagliato a dire che è poco importante far capire che esiste anche quella… solo che spero che la magistratura conosca gia la differenza ma abbiamo visto che anche in questi casi le valutazioni sono giustamente di condanna verso l uomo abusante e invece addirittura mancanza di condanna o valutazioni approssimative verso l abuso da parte di donne… un pedofilo è un pedofilo, e credo che anche una donna pedofila possa ricorrere alla penetrazione… cmq sia va rinchiusa per me sta gente, almeno in reparti psichiatrici appositi

  4. Altro che femminicidio, …. altro che violenza di genere, ….. omofobia, ….. diritti LGBT, ….. tutte bazzecole in confronto.
    Bene ha fatto la signora Gianola a denunciare questi dati veramente allarmanti e angoscianti che denotano un fenomeno assai diffuso evidentemente e, ancor più grave, sottaciuto da tutti i media e dall’attuale governo intriso di femminismo criminale.
    Sì, …. proprio criminale, perché tutti coloro che hanno ostacolato la riforma del diritto di famiglia si sono direttamente macchiati di questi orrendi reati sui minori. Ostacolando il nuovo disegno di legge di DDL 735, di fatto hanno favorito questo infanticidio di massa. ——- Quindi ritengo che sulla loro coscienza gravano direttamente e/o indirettamente tutti questi crimini. ——- Finché non si riforma il diritto di famiglia per garantire ai piccoli un’esistenza certa, con dei veri genitori, e non un paio di surrogati, il fenomeno continuerà ad avere piena libertà d’azione. —— Il nostro diritto di famiglia oramai è totalmente alla deriva e quindi favorisce il fenomeno. ——- Vedasi Bibbiano, vedasi uteri in affitto, vedasi la continua pressione LGBT sull’affido. —— I bambini devono avere sin dalla nascita sempre e comunque due genitori per garantire loro una doppia sicurezza e una crescita serena e naturale. ——
    Questo articolo mi ha scosso perché assai allarmante, ma soprattutto mi ha colto di sorpresa perché ero convinto che questo fenomeno criminale fosse circoscritto nel mondo ecclesiastico e in altri pochi schifosi depravati che vanno in giro a soddisfare la loro “esigenza di genere”. —- Se continuiamo così, prima o poi anche questi inizieranno a reclamare il loro diritto di genere.
    Tanto oramai basta identificarsi ufficialmente come persone appartenenti a un genere e ….. tutto deve essere concesso.
    Si, …. perché se tanto mi dà tanto, oggi con l’avanzamento di ideologie contorte e perverse si è favorito questo tipo di ragionamento e quindi tutti i “geneticamente-diversi” vanno alla ricerca di approvazione del loro status esistenziale.
    Il trend è questo e lo schifo che provo è tanto. —-
    Quasi mi viene da proporre l’utilizzo di dispositivi GPS da far indossare a quei bambini che potrebbero essere a rischio: orfani e/o bambini già abusati dal sistema amministrativo e condannati ad una mono-genitorialità, bimbi che non godono di una famiglia naturale e numerosa, …. ect.
    Un braccialetto che praticamente invia un’allarme quando avverte sofferenza e/o condizioni anomale.
    Quindi facilmente rintracciabile per le verifiche del caso.
    Può sembrare sconcertante ed esagerato ma dai numeri che ho letto in questo articolo, sarebbe più che giustificato. Inoltre, come ulteriore deterrente, credo che sia necessario agire con un’inasprimento delle pene assai piu pesanti.
    Le pene previste oggi sono ridicole per questo tipo di reato e l’effetto detenzione è certamente vano al recupero della patologia che affligge questi soggetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: