STALKER SARAI TU

Cara Ambra, grazie per il coraggio

Questo blog ha interrotto le pubblicazioni il 14/09/2020, dopo 4 anni di attività.

Le sue tematiche sono ora sviluppate da una nuova piattaforma:

LA FIONDA

https://www.lafionda.com

<

persone_angiolini

Poche donne al concertone del primo maggio a Roma! Anatema, orrore, sessismo! Scoppia puntuale la polemica femminazi per un evento mediatico che, si dice, discrimina le “artiste” di sesso femminile. Si indignano così tanto da organizzare un “contro-concerto” altrove con solo donne, cui probabilmente hanno assistito in venti. Di fronte al polverone si alza una voce ferma e parecchio arrabbiata: Ambra Angiolini, presentatrice del concerto ufficiale sbotta “basta polemiche inutili!”. Parole che centrano perfettamente il bersaglio, soprattutto nel sottolineare l’inutilità di proteste che però hanno nelle fondamenta qualcosa di più di un semplice rompimento di balle. Lo sottolinea la stessa Angiolini: ci sono dei criteri per partecipare al “concertone”, legati essenzialmente alle classifiche, ossia alle vendite, in modo da portare sul palco i cantanti più popolari del momento. Nelle classifiche le “artiste” donne sono già poche, di esse solo due erano disponibili, dunque dove sta il problema? Sta nelle regole, cara Ambra. Hai sbottato contro uno stream ideologico che odia le regole razionali e oggettive. Le odia a prescindere e ancor più se da esse risulta che le donne sono poco performanti rispetto agli uomini. Perché il problema, stabiliti requisiti logici, sta a monte: le cantanti vendono poco, il pubblico non le ascolta volentieri, le loro produzioni non sono apprezzate. Quali che ne siano le cause, la realtà è questa e non se ne esce. A meno che… esattamente, proprio lì tende l’ideologia che si è messa a contestare il contenitore di canzonette del primo maggio: le quote rosa. Il sogno di chi ha contestato il concerto del primo maggio, facendo perdere la pazienza ad Ambra, è che venga invitata a cantare una quota fissa di donne, possibilmente pari, anzi meglio se superiore a quella degli uomini, anche se le loro canzoni non se le fila nessuno. Anzi si potrebbe andare (e si andrà) oltre: obbligare le radio a mandare in numero pari canzoni di uomini e canzoni di donne. Fino al passo ultimo: costringere per legge gli ascoltatori di canzonette a sorbirsi cantanti donne e uomini in egual misura, pena il carcere, anche senza prove, solo per querela spontanea della cantante che si sente discriminata. “Mala tempora currunt” si è detto spesso in questo blog: l’ennesima polemica sul nulla, anzi fondata sul veleno che sta portando alla morte civile della nostra società, lo conferma. Non resta che mandare un plauso ad Ambra per il suo fegato nel contestare la follia femminazista. E’ roba che oggi, in questa realtà virtuale e melmosa in cui viviamo, può anche bruciarti la carriera. Certo poi, mi hanno detto, durante il concerto c’è stato il solito penoso siparietto sul “femminicidio”, ma nessuno è perfetto. Col clima che c’è va già bene così.

9 thoughts on “Cara Ambra, grazie per il coraggio

  1. Ma veramente hanno protestato per il concerto del 1 maggio?.. Io non l’ho mai guardato, e mai lo guarderò… Visto che crea queste polemiche, tanto vale sopprimerlo… Non penso che il popolo del 1 maggio si Straccera’ le vesti per la sua mancanza.. La Festa del 1 maggio ha un senso, se ne trovate uno per il concertone fatemelo sapere….

  2. Ma vogliamo finalmente riconoscere che uomini e donne siamo diversi e meglio trovare in ciò una ricchezza e non una divisione. Ufffa A me pare che le donne che non hanno dote qualsiasi fanno questa lotta stupida perché si sentono esclusi. Mi dispiace per loro e complimenti ad Ambra

  3. Per altro, la maggioranza degli acquirenti, che determinano le classifiche, sono dellE acquirenti donne (e ragazzine), quindi la polemica è ancor più ridicola. Come quando protestarono perché nei vari Master Chef & similia i cuochi erano uomini: peccato che il pubblico di questi programmi è prettamente femminile, dunque erano le donne in realtà a preferire, per qualche motivo, i cuochi (sarebbe come se noi protestassimo perché nei calendari per camionisti ci sono modelle e non modelli).
    Non sono ahimè d’accordo però quando dici che “durante il concerto c’è stato il solito penoso siparietto sul “femminicidio”, ma nessuno è perfetto. Col clima che c’è va già bene così”: non va bene così, perché era esattamente questo il (duplice) scopo della protesta, a loro non frega un beneamato nulla di quante cantanti ci sono al concertone, ma solo incendiare ulteriormente il clima, piantare la loro bandierina ovunque e aumentare il senso di colpa negli uomini, grazie anche al solito spot sul f******cidio (cui Ambra si è dovuta piegare per non essere a sua volta ghigliottinata mediaticamente) in diretta nazionale. Tutto calcolato come sempre, volevano marcare il territorio e l’hanno fatto, missione compiuta.

  4. ot ( se davide lo permette ) pillon ha annunciato che ci sarà sospensione per ddl pillon fino a dopo le elezioni: colpo di spugna???

    1. No, non ancora per lo meno. Semplicemente un amo gettato ai fessi perché abbocchino e votino Lega alla cieca alle europee…

      1. dobbiamo cambiare strategia, niente più diretti riferimenti politici ne giuridici, dobbiamo puntare all’economia

  5. tralasciando che le femministe si sarebbero lo stesso lagnate se ci fossero state 30 donne su 77 cantanti , nei fatti 4 donne cantanti e 73 maschi è una palese discriminazione.

    1. A parte che semmai sono 4 donne cantanti e 73 UOMINI (non maschi), non vedo dove stia la discriminazione se il criterio è la presenza nella classifica delle vendite… Evidentemente le donne vendono meno, piacciono meno, e dunque?

    2. Si scrive “4 femmine e 73 uomini”.
      Le cantanti femmine hanno generalmente testi molto più limitati e melensi.
      Mi piacevano Donatella e la Bertè, per il resto in genere le cantanti femmine sono una noia mortale, ti fanno venire sonno.
      Niente a che fare con Donatella che urla a squarciagola in “Adrenalina” (il suo vero capolavoro, insieme a “Kamikaze Rock’n Roll Suicide”).

      Voi invece siete noiose, noiose, noiose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: