STALKER SARAI TU

Come ti plagio le forze dell’ordine

Questo blog ha interrotto le pubblicazioni il 14/09/2020, dopo 4 anni di attività.

Le sue tematiche sono ora sviluppate da una nuova piattaforma:

LA FIONDA

https://www.lafionda.com

<

varie_formazionepsMi capita sotto gli occhi questo articolo di una testata giornalistica locale di Ravenna. Parla di un corso di aggiornamento per le forze di Polizia relativamente ai temi della “violenza domestica e di genere”. Un’iniziativa sicuramente finanziata da quel fiume di soldi pubblici destinati a una tematica venduta come emergenza all’opinione pubblica, ma in ogni caso, se proprio vogliamo essere indulgenti, anche utile e meritoria. Se non fosse che subito mi assale il tipico dubbio dell’esperto malpensante: chi tiene il corso? Cioè chi sono i docenti e con quale approccio si insegna agli operatori di Polizia ad affrontare la tematica in oggetto? L’articoletto è molto vago e già questo insospettisce. “Le lezioni hanno avuto quali docenti il personale della Divisione Anticrimine e della Squadra Mobile della Questura di Ravenna”, si dice, così in parte tranquillizzandomi. Sembrerebbe formazione interna. Però poi si legge: “oltre che della psicologa dr.ssa Cinzia Sintini”. Ahia, mi dico. Una strizzacervelli di cui si dice solo nome e cognome senz’altra qualifica. I miei timori vengono confermati da una breve ricerca sul web, dove reperisco il suo curriculum: nella sua vita professionale la dottoressa praticamente non ha fatto altro che occuparsi di antiviolenza in salsa rosa, il core business di quest’epoca oscura. Con un CV del genere avrà insegnato ai nostri poliziotti come riconoscere una falsa accusatrice? A smascherare una che intende utilizzare la denuncia penale come pallottola d’argento contro l’ex marito per poter fare poi l’asso pigliatutto durante la separazione giudiziale? A disincentivare qualcuna delle 36 mila denunce che vengono presentate ogni anno da donne contro uomini e che nel 90% dei casi finiscono archiviate o in assoluzione? Non credo proprio. Ho la certezza che le “lezioni” saranno servite a mettere un seme malato in più nel cuore stesso della sicurezza pubblica, permettendo ai tentacoli di Ro$a No$tra di penetrare sempre più profondamente nei gangli delle istituzioni, al grido di “believe women”, “hermana yo te créo”, “credi alle donne”. Un modo sicuro per garantire che leggi infami come il codice rosso, apparentemente valide per entrambi i generi, a monte del processo vengano applicate solo per uno di essi. Indovinate quale? Fatemi sapere, cari amici uomini ravennati, quante volte vi si riderà in faccia alla vostra richiesta di codice rosso, e avremo la risposta a questa mia domanda retorica.

Questo articolo è il frutto del lavoro volontario e gratuito dell’autore. Se vuoi aiutarlo contribuendo al mantenimento del blog e alla diffusione dei suoi contenuti, fai una donazione tramite bonifico o PayPal. Grazie!


IBAN: IT12D0617501410000001392680


Per essere sempre aggiornato sui nuovi articoli, iscriviti alla newsletter di “Stalker sarai tu”:

Loading

footer_sst

7 thoughts on “Come ti plagio le forze dell’ordine

  1. la tipa invitata al convegno è la solita professionista abusologa, ha formato tutta la sua carriera su quel settore,
    logico che dopo tanti convegni, libri, pubblicazioni e curriculum vari debba anche guadagnare qualcosa
    dalla P.S.
    Mi piacerebbe sapere chi ha realmente salvato, chi ha aiutato, quale vittima ha ricevuto sostegno da lei.
    quanti casi clinici veri ha seguito e che statistiche ha .

  2. Sarebbe interessante creare un centro di monitoraggio delle denuncie maschili e femminili sul territorio, con tanto di registrazioni audio. Si potrebbe tenere il polso di questa situazione e avere dei dati certi da contrapporre alla narrativa astratta della propaganda donnista.

  3. Sembra scritto per me Stasi. Qui in questura sembra che l’induvidindi questo tipo di reato, per molti operatori sia l’unica ragione di vita (non sto esagerando)
    Come proverbiale è la loro vrkocvel nel far decadere QUALUNQUE reato, con una modalità di “archiviazione preventiva” disarmante, laddove il colpevole fosse donna.
    Senza tomoredi esagerare, Ravenna e proprio una roccaforte italiota del nazifemminismo.
    Ottimo articolo, as usual.

    1. Una volta le forze dell’ordine venivano addestrate per odiare “le zecche”. Ora per odiare gli uomini in generale. E’ una grande tristezza. E un grande pericolo. La tua testimonianza è angosciante…

      1. Di questo passo arriveranno a dare la galera preventiva agli uomini in quanto tali solamente sulla base di un’accusa. Qualsiasi accusa, specialmente se a farla è una donna.

        Il femminismo si è macchiato di innumerevoli crimini contro l’umanità e continuerà ad aggiungerne sempre di più finchè risulterà una pratica redditizia per il portafoglio, sia cartaceo che elettorale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: