STALKER SARAI TU

Commissione parlamentare sul femminicidio: le dodici ragioni del NO!

Questo blog ha interrotto le pubblicazioni il 14/09/2020, dopo 4 anni di attività.

Le sue tematiche sono ora sviluppate da una nuova piattaforma:

LA FIONDA

https://www.lafionda.com

<

grafica_noL’ipotesi di reistituire in questa legislatura la Commissione parlamentare sul femminicidio traballa. Forse accade per le mie lettere di agosto, forse per il mio recente video, o forse per altri motivi che non so. In ogni caso ciò che chiedo qui è di dare una spallata e abbattere la menzogna. Serve adesso una mobilitazione generale affinché la Commissione non venga istituita, in nessun caso.

Vi chiedo quindi di inviare un’email ai capi della maggioranza e ai maggiori rappresentanti delle istituzioni (gli indirizzi includono quelli dei loro collaboratori). Va fatto in massa, in modo virale, coinvolgendo tutta la società civile che condivida le ragioni del NO. Che non è un no per puntiglio o ideologico, è argomentato da motivi razionali. Ed è controbilanciato da una proposta ben diversa. Chi è d’accordo, invii l’email. Insieme, come una cosa sola. Perché non è più tempo per atti ostili contro le persone per bene. Adesso basta.


Destinatari:

massimo.perrino@senato.it; claudio.girdeni@senato.it; SegreteriaGabinettoPresidente@senato.it; matteo.salvini@senato.it; andrea.paganella@interno.it; segreteriatecnica.ministro@interno.it; caposegreteria.ministro@interno.it; dimaio_luigi@camera.it; relazioniesterneministro@lavoro.gov.it; segreteriaministro@pec.lavoro.gov.it; presidente@pec.governo.it; massimiliano.romeo@senato.it; stefano.patuanelli@senato.it

Oggetto: NO alla Commissione parlamentare sul femminicidio

Testo: Io mi oppongo alla ricostituzione in questa legislatura della Commissione parlamentare d’inchiesta sul femminicidio. E mi oppongo per le seguenti ragioni:

  1. Non esiste una definizione comunemente accettata e sostenibile di “femminicidio”: essa cambia a seconda di convenienze e ideologie.
  2. Non esistendo una definizione, non esiste un conteggio preciso del fenomeno “femminicidio”: anch’esso varia a seconda delle tesi che si vogliono sostenere.
  3. Quand’anche esistesse, sarebbe un fenomeno che ad oggi riguarda 0,1 donne ogni 100.000 abitanti: un dato sicuramente orribile, ma di fatto fisiologico, al limite dell’irrilevanza.
  4. Gli omicidi di donne sono in calo verticale da decenni, e continuano a diminuire: al contrario restano infinitamente di più gli omicidi di uomini.
  5. Il concetto di femminicidio è sostenuto da statistiche ottenute con metodologie discutibili e che in ogni caso rappresentano stime campionarie, dunque ipotesi non verificabili. E che, se verificate, vengono smentite.
  6. Perché, a riprova della loro sovrastima, le donne che sporgono denuncia per violenza sono in media 50.000 all’anno, e di quelle denunce solo un 6% in media si conclude con una sentenza di colpevolezza, il resto viene archiviato o finisce in assoluzione.
  7. Perché l’ipotesi che moltissime donne non denuncino non ha alcuna prova o evidenza a supporto, esattamente come l’ipotesi opposta. Il che è tipico di fenomeni che non esistono.
  8. Le rilevazioni sull’argomento realizzate dall’Unione Europea collocano l’Italia tra i paesi più sicuri per le donne.
  9. Il numero di ricoverati per violenza subita da terzi sono nella stragrande maggioranza uomini e non donne.
  10. La violenza delle donne sugli uomini è ugualmente ampia e diffusa, sebbene mediaticamente non notiziata: autorevoli ricerche hanno dimostrato che la violenza è connaturata all’essere umano e non al genere, e una ricerca attualmente in corso promette di confermare questo dato.
  11. La Convenzione di Istanbul, spesso invocata su queste tematiche, sul piano del diritto internazionale riveste scarsa rilevanza, essendo stata ratificata a fatica, dopo molto tempo, e non da paesi-chiave sullo scacchiere internazionale.
  12. Perché esistono fenomeni sociali assai più gravi, in termini quantitativi e qualitativi, del “femminicidio”, tali da meritare le risorse di commissioni d’inchiesta parlamentari (ad esempio morti sul lavoro, morti per infezioni post-ricovero, suicidi, i senza fissa dimora).

La mia opposizione però non è fine a se stessa. Essa si accompagna a una proposta. Oggi il livello di tensione tra uomini e donne in Italia, complice il dilagare di posizionamenti ideologici improduttivi e di interessi correlati distruttivi, è altissimo, e coinvolge una molteplicità di materie: dalle separazioni e affidi per i minori, agli accessi all’istruzione e alla sanità, passando per gli incentivi al lavoro o all’imprenditoria e alla narrazione mediatica. Le anomalie correnti e i conflitti che ne seguono colpiscono alla cieca, coinvolgendo tantissimi uomini e donne per bene, e non di rado i minori. Con ciò si ostacolano le vere vittime nell’accesso a sistemi di protezione e a rapidi procedimenti di giustizia, si avvelenano i preziosi pozzi delle relazioni interpersonali, si apre una falla nella costruzione di un futuro concorde.

Per questo motivo, nel confermare la mia opposizione alla Commissione parlamentare d’inchiesta sul femminicidio e ad ogni altra simile iniziativa che vada ulteriormente a erodere il dettato dell’Art.3 della Costituzione, costituendosi come centro di elaborazione di teorie e pratiche discriminatorie, mi dichiaro apertamente a favore della costituzione di una Commissione parlamentare d’inchiesta per la concordia e dialogo tra i generi, composta paritariamente da uomini e donne e con la missione di rasserenare il clima civile nazionale ponendo le basi per un futuro improntato alla giustizia e all’equità tra i generi.

Cordiali saluti.

FIRMA


varie_indagineuomo
Compila il questionario: http://www.sondaggio-online.com/s/7524a20

18 thoughts on “Commissione parlamentare sul femminicidio: le dodici ragioni del NO!

  1. I punti 1, 2 e 5 sono molto importanti. Quando una donna viene uccisa, i mass media parlano di femminicidio solamente quando l’omicida é il fidanzato o il marito e i due erano in fase di separazione e/o divorzio. Non si parla mai di femminicidio nei seguenti casi: 1. Omicidio-suicidio in famiglia dovuto a litigi o per “eutanasia”. 2. Donna uccisa dal figlio o dal fratello. 3. Donna uccisa dalla madre. 4. Donna uccisa da un’altra donna. 5. Donna uccisa per rapina (esempio: la tabaccaia di Asti) 6. Donna uccisa dal padre, specialmente se straniero (esempio: Sana Cheema). 7. Donna italiana uccisa da uomini non parenti, specialmente se stranieri (esempio: Pamela Mastropietro e Sabrina Malipiero). Nonostate ciò, a fine anno, le statistiche sui cosiddetti femminicidi riportano il totale delle donne uccise in Italia, senza indicarne le circostanze e il movente. Ecco alcuni link che mostrano le contraddizioni sulla tematica del femminicidio:
    http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=5049
    http://it.avoiceformen.com/suggerito/i-veri-dati-sul-femminicidio/

  2. Vorrei dare il mio parere sul contenuto , sul tipo di messaggio che viene veicolato e sulle impressioni che emergerebbero nel destinatario della email.
    Nei primi tre punti viene sottolineato che il femminicidio non è ben definito, ha un significato mutevole ed è irrilevante nei numeri: personalmente metterei questi punti in fondo alla lista perché di minore importanza.
    Anche i punti 5, 6 e 7 sono osservazioni di contorno e troppo schierate, poco lucide: le metterei in fondo.
    Il punto 11 evoca la convenzione di Istambul il cui contenuto può essere sconosciuto ai più, io stesso mi sono dovuto leggere la pagina dedicata su wikipedia, e proprio perché di scarsa importanza è bene non dargliene troppa e quindi eliminerei il punto o metterei la citazione in fondo alla lista.
    Restano i punti 4, 8, 9, 10, 12 che sono i punti chiave e che metterei nelle prime posizioni.

    Il nuovo ordine che propongo sarebbe quindi il seguente, mentre per ogni punto proporrei di aggiungere un link alle fonti di supporto per poter approfondire e convalidare l’argomentazione:

    1- Le rilevazioni sull’argomento realizzate dall’Unione Europea collocano l’Italia tra i paesi più sicuri per le donne.
    2- Gli omicidi di donne sono in calo verticale da decenni, e continuano a diminuire: al contrario restano infinitamente di più gli omicidi di uomini.
    3- Il numero di ricoverati per violenza subita da terzi sono nella stragrande maggioranza uomini e non donne.
    4- La violenza delle donne sugli uomini è ugualmente ampia e diffusa, sebbene mediaticamente non notiziata: autorevoli ricerche hanno dimostrato che la violenza è connaturata all’essere umano e non al genere, e una ricerca attualmente in corso promette di confermare questo dato.
    5- Perché esistono fenomeni sociali assai più gravi, in termini quantitativi e qualitativi, del “femminicidio”, tali da meritare le risorse di commissioni d’inchiesta parlamentari (ad esempio morti sul lavoro, morti per infezioni post-ricovero, suicidi, i senza fissa dimora).

    Note a supporto
    6- Non esiste una definizione comunemente accettata e sostenibile di “femminicidio”: essa cambia a seconda di convenienze e ideologie.
    7- Non esistendo una definizione, non esiste un conteggio preciso del fenomeno “femminicidio”: anch’esso varia a seconda delle tesi che si vogliono sostenere.
    8- Quand’anche esistesse, sarebbe un fenomeno che ad oggi riguarda 0,1 donne ogni 100.000 abitanti: un dato sicuramente orribile, ma di fatto fisiologico, al limite dell’irrilevanza.
    9- Il concetto di femminicidio è sostenuto da statistiche ottenute con metodologie discutibili e che in ogni caso rappresentano stime campionarie, dunque ipotesi non verificabili. E che, se verificate, vengono smentite.
    10- Perché, a riprova della loro sovrastima, le donne che sporgono denuncia per violenza sono in media 50.000 all’anno, e di quelle denunce solo un 6% in media si conclude con una sentenza di colpevolezza, il resto viene archiviato o finisce in assoluzione.
    11- Perché l’ipotesi che moltissime donne non denuncino non ha alcuna prova o evidenza a supporto, esattamente come l’ipotesi opposta. Il che è tipico di fenomeni che non esistono.
    12- La Convenzione di Istanbul, spesso invocata su queste tematiche, sul piano del diritto internazionale riveste scarsa rilevanza, essendo stata ratificata a fatica, dopo molto tempo, e non da paesi-chiave sullo scacchiere internazionale.

  3. Fatto. Non sono del tutto convinto dell’utilità dell commissione d’inchiesta proposta (per la concordia tra i sessi), un po’ perché tradizionalmente le commissioni d’inchiesta parlamentari in Italia fanno più confusione che chiarezza (cosa che va bene a chi marcia sul conflitto, ovviamente, un po’ meno a noialtri), un po’ perché c’è sempre il rischio che sia dirottata da Rosa Nostra, sempre molto potente, e (ri)diventare la commissione d’inchiesta sul cosiddetto femminicidio sotto falso nome, con in più la beffa di averci formalmente accontentato. Comunque, dopo una riflessione, mi sono unito anche a questa richiesta per non apparire solo distruttivo ma anche propositivo.
    Vediamo cosa ne esce fuori.

    1. Sono dettagli che non hanno ha la minima importanza, vista la situazione qualsiasi iniziativa non può che avere effetti migliorativi. Prendi il caso del DDL Pillon, il più clamoroso: la mediazione obbligatoria non piace a nessuno, e credo che nessuno sia così scemo da non vedere che Pillon ha un conflitto d’interessi circa la mediazione, ma non è quello il succo, il succo sono i tempi paritari e il mantenimento diretto, nonché la parte sulla alienazione.
      Qui è diverso, la richiesta di una simile commissione non fa neppure danno, può essere una cosa che non piace ma è un di più. E’ come se a te piace la torta panna e meringhe ma non le ciliegie candite, e ti regalano una torta panna e meringhe per 12 persone con una singola ciliegia candita sopra: la prendi e la ciliegia la fai mangiare a qualcuno a cui piace.

  4. Io ho firmato, però la proposta di istituire quella commissione composta in maniera paritetica da uomini e donne non mi convince: metti caso che tra alcune di quelle donne ci sono femministe? Saremmo punto e a capo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: