STALKER SARAI TU

Donne, cosa state facendo? Ora BASTA!

Questo blog ha interrotto le pubblicazioni il 14/09/2020, dopo 4 anni di attività.

Le sue tematiche sono ora sviluppate da una nuova piattaforma:

LA FIONDA

https://www.lafionda.com

<

varie_neonatopiange

Ok, ci ho scherzato e ironizzato finora perché pensavo fosse davvero un caso il fatto che il conteggio infame stesse inseguendo con grande successo il calendario dell’anno. Fino a sabato eravamo statisticamente a più di una donna al giorno che si manifestava come abusante, violenta o omicida nei confronti di minori o anziani. Ieri non è capitato nulla, la statistica si era abbassata un pelo e oggi… “Madre getta a terra e uccide neonata, arrestata“. Il conteggio sale di nuovo e siamo a una donna abusante o assassina al giorno da inizio anno.

Non sto nemmeno più a ironizzare facendo confronti con i numeri inesistenti del “femminicidio”, con la presenza di una commissione parlamentare sul femminicidio, né mi soffermo sulla solita fuffa spacciata dai media per cui “la crisi post-partum”, “il momento di buio” e stupidaggini del genere. Non sono quelli argomenti che giustifichino i numeri di una donna abusante al giorno, da considerarsi per altro come punta dell’iceberg. Le questioni vere e urgenti ora sono queste e, diversamente dal mio solito, voglio gridarle.

  1. Donne, cosa cazzo state facendo?

  2. Ora BASTA.

  3. Qualcuno faccia qualcosa, per l’amor del cielo.

Tutto questo è anche il risultato di una cultura affermata ossessivamente dove i bambini sono proprietà materna, di una conseguente tendenza giudiziaria a trovare giustificazioni quando accadono cose come quelle di oggi, della complicità di psicologi, psichiatri, assistenti sociali nell’affermazione di un’equazione che NON STA IN PIEDI perché un termine viene costantemente escluso e demonizzato: il padre, l’uomo, il maschio, in quanto portatore di “mascolinità tossica”.

Di cosa parlo? Parlo del fatto che un uomo che noti nella moglie segni di mancanza di equilibrio che strumenti ha per evitare il peggio? Va dagli assistenti sociali? Va da un medico? Va dai Carabinieri? Con quale serietà verrebbe presa la sua segnalazione? Sicuramente non la stessa con cui verrebbe presa una segnalazione opposta, quella di una moglie preoccupata perché il marito non sembra equilibrato. In quel caso scatterebbe un cordone di sicurezza straordinario, anche in assenza di prove. L’uomo, il padre, è invece disarmato di fronte a una donna che decide per il peggio e che ha il privilegio, quando mette in atto il peggio, di avere mille scusanti sul piano socio-culturale e un milione di attenuanti sul piano giudiziario. A forza di criminalizzarlo, l’uomo oggi è inerme. E un altro neonato è morto per mano di donna.

TUTTO QUESTO DEVE FINIRE.

Il conteggio infame che tengo su questo blog deve interrompersi.

ORA!

Questo articolo è il frutto del lavoro volontario e gratuito dell’autore. Se vuoi aiutarlo contribuendo al mantenimento del blog e alla diffusione dei suoi contenuti, fai una donazione tramite bonifico o PayPal. Grazie!


IBAN: IT12D0617501410000001392680


Per essere sempre aggiornato sui nuovi articoli, iscriviti alla newsletter di “Stalker sarai tu”:

Loading

footer_sst

15 thoughts on “Donne, cosa state facendo? Ora BASTA!

  1. A proposito di pubblicità…

    Ho sempre avuto idee di sinistra riguardo l’economia, ma dico:

    Sia benedetto il mercato!
    E siano benedetti gli orologi Egard!
    Il mio prossimo regalo per me e per mio figlio!

    https://youtu.be/x_HL0wiK4Zc

    Questi fanno notare che gli uomini sono il 93% dei morti sul lavoro, e TUTTO il resto!

  2. “Con quale serietà verrebbe presa la sua segnalazione? Sicuramente non la stessa con cui verrebbe presa una segnalazione opposta, quella di una moglie preoccupata perché il marito non sembra equilibrato”

    e invece la serietà è proprio la stessa; lo provano le donne uccise dagli ex mariti nonostante si siano rivolte alle autorità. C’è una sottovalutazione generale dei casi di violenza all’interno delle famiglia a prescindere da quale membro della famiglia faccia violenza.

    1. Le donne uccise dagli ex mariti nel 2018 sono state 32. Sai in quanti di quei casi le vittime si erano rivolte alle autorità? Se ricordo bene si tratta di due casi, ma potrei sbagliarmi (non ho voglia di controllare). Mi metti poi in relazione il dato con il numero di denunce, ammonimenti, allontanamenti, carcerazioni preventive di uomini su segnalazione femminile? E su quante di queste sono poi risultate infondate?
      Ned, per favore… vai a prenderti un caffè che è meglio.

    2. Non mi voglio dilugare con risposte lunghossime: donne = “codice rosso”
      Uomini = niente!
      E spero di essere stato sufficientemente chiaro e sintetico.

  3. Meno male che quel ributtante zerbino di Magalli ne I Fatti Vostri continui a far propaganda misandrica sugli uomini femminicidi e cattivi… ma di queste cose relative alla violenza muliebre non ne parlerebbe mai.
    Raidue è la rete tv più femminista di Italia, anche più del Primo e del Terzo.

      1. L’omicidio di Brescia è stato incluso nella lista solo per non rimanere a zero. Altrimenti…

        Davide, comunque, contando anche i f…cidi commessi dopo il 25 novembre, siamo ancora lontani da 40 (36 credo).

        1. Ah sì, l’hanno incluso? Hanno veramente la faccia come il culo…
          Bah, caro Marco, se si parla di “femminicidio” siamo lontani da qualunque cosa abbia a che fare col buon senso…

          1. ti spiego caro Davide . Io invece sto usando in rete il termine “femminicidio” per indicare l’omicidio di Crotti Stefania
            (è ovvio che si tratta di un omicidio comune aggravato da varie circostanze, ma voglio chiamarlo così per vedere
            fin dove arrivano le femministe e il loro mainstream …subito ricollocatosi furbescamente per togliere valenza alla
            spaventosa notizia).

            Mi serve per dire che anche una donna può eseguire un efferato “femminicidio” con soppressione di cadavere…

            Puntuale come le zanzare in estate, è arrivato il pregone di fikasicula, alias eretica, alias la gasnost, alias eccetera
            che infatti (INFATTI ) senza che manco sia passata una sola giornata dalla orribile confessione di Alessandri Chiara,
            ci dice urbi et orbi che quello del bresciano NON è UN FEMMINICIDIO.
            Curioso, eh! il trucchetto semantico serve per dimostrare che “loro” non possono commettere femminicidi,
            che sarebbe un prodotto di fabbrica del “patriarcato”.
            E solo le femminarde possono dirci cosa è omicidio e cosa non è . Hanno il monopolio del glossario criminale.

            https://www.giornaledibrescia.it/sebino-e-franciacorta/il-punto-sull-omicidio-di-stefania-crotti-1.3332991

            1. Pochi si sono accorti della finezza, Giannetto, ma ho sempre scritto quella parola con le virgolette: “femminicidio”, tranne che nel pezzo di domenica, dove l’ho usato senza. Perché quello è l’unico vero femminicidio mai capitato in Italia.
              E onestamente io una che si fa chiamare “fikasicula” non me la sento di prenderla nemmeno in considerazione…

              1. hai perfettamente ragione. ma la glasnost, fikasicula, eretica ed altre trasfigurazioni via web del suo poliedrico mondo femminardo riceve una indebita considerazione da Gomez e compagnia cantante beat-click del FQ,

                https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/01/21/donna-carbonizzata-a-brescia-se-a-uccidere-e-unaltra-donna-si-tratta-di-femminicidio/4910843/
                E’ ovvio che penalmente il femminicidio non esiste, così come non esiste il “femicidio”

                è un prodotto inventato dal comandante Garofano ex ris per venderci un libro, che io tra l’altro possiedo
                e che è uscito guarda caso quando uscì la legge 1.10.2012 che puniva il “femminicidio” che altro
                non è che l’uxoricidio aggravato: pena prevista, l’ergastolo.
                Quella che si merita, per altri versi, la assassina di Stefania Crotti, che non solo lo ha
                premeditato per giorni (usando un uomo di 62 anni), ma ha pure distrutto il cadavere in un campo .
                Naturalmente le femministe, tacciano su questa questione, l’unica pazza è la eretica …
                che nella sua notoria mala fede ha ben capito che questo socialmente, giornalisticamente sarebbe un femminicidio e della peggior specie, peraltro commesso da una donna (che ha pure confessato,
                diversamente dalla Panarello Veronica che ha gettato il bambino in un pozzo).

                buona serata !

                  1. esagerata.
                    C’è pur sempre il libro di barzellette di Totti ????

                    cosa ne pensi di Garofano? Senza scherzi .
                    Da poco ha fatto una conferenza qui da noi sulla violenza di genere.
                    Ovviamente non ci sono andato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: