STALKER SARAI TU

False accuse di stalking: ecco un caso da manuale!

Questo blog ha interrotto le pubblicazioni il 14/09/2020, dopo 4 anni di attività.

Le sue tematiche sono ora sviluppate da una nuova piattaforma:

LA FIONDA

https://www.lafionda.com

<

arresto-donnaNella musica jazz esistono quelli che vengono chiamati “standard”: sono brani, temi o passaggi melodici talmente noti e utilizzati da poter essere infilati in ogni jam-session per rendere il discorso musicale riconoscibile e gradito agli ascoltatori. Non sei un vero jazzista, insomma, se non conosci o riconosci i principali “standard”. E’ così anche per le false accuse di stalking, anche lì ci sono degli standard constatando i quali si può già essere certi che si è in presenza di una strumentalizzazione. Esempio? Denunciare qualcuno per nascondere una magagna che ci riguarda direttamente. La denuncia tappa la bocca a quel qualcuno e può farci apparire all’esterno come vittime innocenti. E’ uno standard, ad esempio, l’ex moglie che denuncia per persecuzione l’ex marito che chiama per sentire i figli, e che lei vuole alienare. O la ex fidanzata che si è comportata in modo vergognoso e vuole sottrarsi, priva com’è di dignità, all’ultimo faccia-a-faccia chiarificatore con l’uomo che ha ingannato. Queste sono casistiche veramente tipiche delle denunce per stalking, quelle tante che saturano i tribunali, che ostacolano le vere vittime e che in gran parte finiscono vivaddio archiviate. Quelle che non vanno archiviate, finiscono in procedimento e, in genere in assoluzione per l’accusato. Così è capitato in questa vicenda avvenuta a Chieti: lui è un compagno dedito, puntuale pagatore delle esigenze di lei, anche quando relative ai figli “di primo letto”, mai violento. Lei è una donna scorretta, sleale, incompleta come tante (sempre troppe). Dandola via a chiunque capiti a tiro sbaglia i calcoli e resta incinta di un altro. Una carognata difficile da ammettere, dunque lascia il compagno e lui, come ogni uomo che si rispetti, chiede di parlarle un ultima volta per vederci chiaro. BAM! Le sue richieste vengono fatte passare per persecuzioni. La fanciulla dabbene monta una serie di accuse non provate (aiutata da un centro antiviolenza? Chissà…) che il tribunale accetta senza batter ciglio, ci mancherebbe (i giudici ancora non conoscono gli “standard” dello stalking…). Anni di procedimento, spese giudiziarie, vergogna sociale per lui e alla fine… tutto smontato e l’uomo assolto con formula piena. Anzi quasi il giudice si complimenta con lui per la sua condotta. Udite udite: invece la donna viene incriminata per calunnia. Miracolo! Segnatevi nei taccuini il nome del PM Giuseppe Falasca, veneratelo e pregatelo tutte le sere prima di dormire, auspicando che di magistrati come lui ce ne siano sempre di più. Perché, a differenza degli “standard” del jazz, che si ascoltano sempre con piacere, di questo andazzo sudicio e rovinoso non se ne può davvero più. In attesa di cancellare l’articolo 612 bis del Codice Penale, per sostituirlo con qualcosa di più sensato, ci pensino dunque i giudici a educare queste innumerevoli e fantasiose donne “vittime di violenza virtuale”.

Questo articolo è il frutto del lavoro volontario e gratuito dell’autore. Se vuoi aiutarlo contribuendo al mantenimento del blog e alla diffusione dei suoi contenuti, fai una donazione tramite bonifico o PayPal. Grazie!


IBAN: IT12D0617501410000001392680


Per essere sempre aggiornato sui nuovi articoli, iscriviti alla newsletter di “Stalker sarai tu”:

Loading

footer_sst

8 thoughts on “False accuse di stalking: ecco un caso da manuale!

  1. Il dott. Giuseppe Falasca non molto tempo fa chiese, in qualità di PM, una condanna di 2 anni e sei mesi per un tale che tentò di baciare una donna.
    Escluderei quindi che possa trattarsi di persona schierata ideologicamente su queste tematiche.
    Anche se il rinvio a giudizio per calunnia dovrebbe rappresentare a mio avviso la prassi, questa circostanza la rende ineccepibile ed inattaccabile.

  2. Davide per un qualche motivo la notizia archiviata e’ incompleta. vedo solo il titolo. Solo io ho questo problema?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: