STALKER SARAI TU

La riforma di separazioni e affidi sia solo un primo passo verso il futuro

Questo blog ha interrotto le pubblicazioni il 14/09/2020, dopo 4 anni di attività.

Le sue tematiche sono ora sviluppate da una nuova piattaforma:

LA FIONDA

https://www.lafionda.com

<

50907124 - a man and a woman holding a broken heartMettere mano alla disciplina delle separazioni e degli affidi significa andare a modificare uno dei tanti meccanismi che governano le relazioni tra le persone. C’è la tendenza, complice la presenza di una proposta di legge di riforma attualmente in discussione, a concentrarsi solo su quello che in realtà è un aspetto parziale non solo del Diritto di Famiglia, ma di tutto l’ampio spettro relativo alle dinamiche che fanno da premessa e contorno a una situazione relazionale. Intervenire sulla regolamentazione di separazioni e affidi significa mettere mano a una parte soltanto di una questione che in realtà è sistemica. Ed è proprio la mancanza di una visuale di sistema a facilitare i conflitti sul tema specifico. In altre parole, se ci si elevasse in volo sopra la materia e si guardasse il quadro generale, è probabile che magicamente le parti in causa, uomini e donne nei loro ruoli di marito-padre e moglie-madre, si troverebbero a convergere su un punto di vista unico.

Per arrivare a quella felice condizione è però necessario accettare a priori alcuni principi a sostegno dei quali non è nemmeno necessario chiamare in causa chissà quali studi internazionali. Bastano logica e buon senso. E’ nelle cose che, in condizioni normali, un bambino cresca in modo armonico se entra in una relazione equilibrata con entrambi i genitori. Non esistono studi o argomenti che possano logicamente sostenere il contrario. E’ sulla base di ciò che quello della bigenitorialità può essere definito come diritto da riconoscersi al bambino. Ugualmente è indubbio che nel corso del tempo i ruoli dell’uomo e della donna dentro la coppia siano mutati, sulla spinta di cambiamenti storici, culturali, economici e sociali. Lo schema donna = caregiver / uomo = breadwinner, con il connesso carattere affettivo attribuito alla figura materna e quello normativo attribuito a quella paterna, già da molto tempo è stato ampiamente superato per lo meno nella sua versione netta e assoluta.

varie_collaborazioneRestano, e non possono essere cancellate in quanto dettate dalla natura stessa dei due sessi, l’inclinazione empatico-affettivo-protettiva della madre e quella normativo-sfidante-repressiva del padre, ma i due piani hanno ormai da tempo ampie aree di sovrapposizione. L’evoluzione delle relazioni fa sì che entrambe le figure genitoriali, pur mantenendo salda la propria natura primigenia, possano esercitare efficacemente le funzioni che un tempo erano attribuite all’altro quasi in esclusiva. Esistono limiti e confini in questa sovrapposizione, ma va ammesso che c’è: la figura materna ha ormai ampiamente acquisito una buona parte di normatività tipica maschile, sebbene con i suoi normali limiti relativi (tipica l’espressione: “guarda che chiamo papà”, come richiamo a un’autorità regolativa assoluta); così come la figura paterna da tempo si è spalancata, pure con sollievo, ad aspetti di cura emotiva e vicinanza empatica verso la prole, anch’essa però con i suoi limiti relativi (per motivi puramente naturali sarà tendenzialmente sempre la madre a rivestire il ruolo di scrigno prezioso e assoluto dei sentimenti e delle pulsioni filiali; banalizzando: un morente invocherà sempre la mamma).


E’ indubbio che nel corso del tempo i ruoli dell’uomo e della donna dentro la coppia siano mutati.


Un terzo principio che andrebbe accettato in premessa riguarda il ruolo delle leggi. E’ parte di una narrazione distorta tutta contemporanea il fatto che esse debbano inseguire e assecondare umori e tendenze diffuse. Sono le leggi basate sui sondaggi o sui sommovimenti della pancia del popolo, che tanto gioco fanno ai politici che le concepiscono, pur essendo quasi sempre dannosissime. Occorre riconoscere alle leggi il loro ruolo primario, che è quello di posare binari etici in un mondo umano per sua natura portato al comportamento non etico. Le leggi, in altre parole, servono a delineare un modello di comportamento ottimizzante nella società, che viene imposto attraverso incentivi o sanzioni, anche quando quel modello di comportamento confligge con le tendenze popolari o con l’istinto tutto umano di sfuggire ai vincoli di un comportamento corretto. Difficile, credo, dissentire sul fatto che le leggi debbano servire a insegnarci-imporci condotte che altrimenti potremmo essere indotti a non seguire. Accettare questo principio è la terza premessa indispensabile per guardare correttamente al sistema entro cui la disciplina di separazioni e affidi trova attuazione.

abitudini-a-rischio-relazione-di-coppiaSe si accettano come veri gli assunti sopra esposti, appare chiaro come innovare il Diritto di Famiglia solo per la parte delle separazioni e affidi sia un’iniziativa se non minimale, quanto meno parziale rispetto alla realtà delle cose e alle vere necessità. Oggi il sistema fa sì che alla figura materna venga attribuita maggiore rilevanza in termini di cura rispetto al padre già in costanza di una relazione tra i due adulti (sia esso matrimonio o altro tipo di conformazione). Da qui deriva anche lo scivolamento verso la maternal preference quando il legame si scioglie. Ma a ben vedere la negazione del diritto del bambino alla bigenitorialità esiste già a monte. Oltre a essere un dogma dal lato culturale, esso è stabilito per legge, laddove ad esempio la madre gode di congedi parentali infinitamente più ampi di quelli riservati al padre nel primo anno di vita del figlio. Un sistema che lacera da subito quella sovrapposizione di piani di cui si è detto, quell’area dove le funzioni complementari di cura e normative dei due genitori si ibridano. Intervenire solo su ciò che accade ex post, ovvero in sede di separazione e affido dei figli, è dunque parziale. A tale intervento dovrebbe accompagnarsi (o dovrebbe seguire) una perfetta parificazione di madre e padre anche nella fase ex ante, con congedi parentali ampi e uguali per entrambe le figure, non solo durante i primi anni di vita del bambino, ma anche lungo la sua crescita, almeno fino all’adolescenza. Il tutto come possibilità incentivata, se non addirittura come vero e proprio obbligo.

Procedere in questo modo dal lato legislativo, con il necessario accompagnamento di una lenta ma decisa evoluzione anche dal lato culturale del concetto moderno di maternità e paternità, porterebbe con sé conseguenze poderose, proprio in coerenza con la funzione etica della legge. Dal lato maschile-paterno, oltre ad assecondare la metamorfosi che ha trasformato i padri da soli breadwinner che erano a genitori che, pur non perdendo la propria normatività, sono capaci di affettività ed empatie profondissime, una normazione del genere responsabilizzerebbe il lato maschile rispetto all’evento della genitorialità. Ovvero gli uomini che intendessero dedicare anima e corpo al lavoro e alla carriera saprebbero che la nascita di un figlio li impegnerebbe rispetto a un cambiamento dei propri piani professionali, obbligandoli a ottemperare ai doveri di cura e presenza cui il bambino che egli ha voluto concordemente (si auspica) con la propria compagna ha diritto. L’atto procreativo verrebbe così attentamente ponderato, di stretto concerto con la parte materna, andando a rafforzare il legame unitario della famiglia. L’esperienza di anni di ricerche e analisi sull’argomento mi fa dire che la stragrande maggioranza degli uomini accoglierebbe un siffatto tipo di obbligo con immenso favore.


ACQUISTA IL LIBROACQUISTA L’E-BOOK

grafica_ingranaggibanner

ACQUISTA IL LIBROACQUISTA L’E-BOOK


donna_carrieraI cambiamenti dal lato materno sarebbero ugualmente dirompenti, profondi e, in buona misura anche critici. Le donne si troverebbero a dover condividere fin dal principio un ruolo tradizionalmente (si può dire ormai: anticamente) ad esse attribuito, e qui più che mai la maturazione culturale giocherebbe un ruolo cruciale. Superato l’ostacolo, però, esse avrebbero davanti a sé le opportunità che reclamano da tempo: quelle di poter contemperare genitorialità e lavoro. Con un marito-padre al proprio fianco assieme al quale l’atto procreativo è stato ponderato, e che garantisce una presenza di cura pratica e affettiva efficacemente surrogante rispetto a quella materna, ogni donna avrebbe aperte davanti a sé strade di evoluzione professionale prima precluse. E’ solo in un’ottica familiare, ovvero di collaborazione paritaria in costanza di relazione, che si supera la dicotomia tra maternità e lavoro o carriera e si pongono le basi per una normalizzazione successiva, in caso di separazione, imperniata sul diritto del minore alla bigenitorialità. Anche in questo caso si può prevedere che il mondo femminile vedrebbe con favore un’opportunità di questo tipo.

Vero è che uno schema di questo genere, dove la bigenitorialità viene imposta già ex ante, fin dalla nascita del figlio, farebbe emergere contraddizioni potenti per la parte femminile. Le stesse contraddizioni su cui oggi l’ideologismo femminista impernia buona parte delle proprie recriminazioni. Perché sapendo fin dal principio di non essere “condannate” a una vita professionale di medio-basso livello, con conseguenti svantaggi reddituali, a causa della futura maternità (se desiderata, ovviamente…), le donne sarebbero chiamate ad assumere scelte radicalmente diverse da quelle assunte finora. Questo perché, è chiaro, l’obiezione a un sistema come quello sopra prefigurato è: “le donne hanno stipendi più bassi, quindi il marito periodicamente a casa a badare al figlio mentre la moglie lavora rappresenterebbe un impoverimento della famiglia”. Un’obiezione corretta fin tanto che si fa riferimento al sistema vigente, che induce le donne a scelte di vita sacrificanti dal lato professionale. Con l’obbligo di cura paritario per padre e madre, il mondo femminile sarebbe invece chiamato a cambiare le proprie scelte individuali nel percorso di studi che precede l’attività professionale e nella gestione della stessa.

grafica_nopaygapIl divario salariale, si sa, non esiste nei termini con cui viene propagandato. Esso deriva da scelte al ribasso in termini formativi da parte delle donne e, una volta avuto accesso al mondo del lavoro, a scelte poco redditizie nella gestione del proprio lavoro (opzione del part-time, indisponibilità a lavori più rischiosi e meglio pagati, o a straordinari, o a reperibilità oltre l’orario di lavoro, eccetera). Scelte in genere dettate proprio dalla programmazione o realizzazione di un progetto genitoriale la cui gestione un sistema antico mette impropriamente su spalle soprattutto femminili. Una riforma a monte, oltre che a valle, del Diritto di Famiglia metterebbe le donne sul banco di prova, dunque. Mentre infatti generazioni di uomini da tempo si sono adattate e sono desiderose e pronte ad assumersi la responsabilità di quell’area ibrida che li chiama ad essere normativi ma anche soggetti di cura ed empatia (nonostante il sistema frustri terribilmente tale aspirazione), c’è da capire quanto le donne siano davvero pronte a un sistema che promuova a tutti gli effetti la loro emancipazione inducendole a scelte di vita diverse da quelle tradizionalmente assunte.


Il sistema vigente induce le donne a scelte di vita sacrificanti dal lato professionale.


Solo in un quadro del genere, dove uomini-padri e donne-madri sono parificati fin dall’inizio dell’evento genitoriale, prenderebbero senso gli incentivi alle studentesse che si iscrivono a facoltà universitarie scientifiche o all’imprenditorialità femminile o all’assunzione di personale femminile che, con il sistema attuale, sono invece meri privilegi. Solo in un quadro del genere le vere cause del divario salariale di genere complessivo (ossia quello improprio usualmente utilizzato a fini propagandistici) verrebbero affrontate e risolte, ponendo le basi non solo di un’effettiva attuazione del principio sacrosanto del mantenimento diretto in caso di separazione, ma addirittura cancellando il termine dal lessico separativo. Perché cambiamenti come quelli delineati nei paragrafi precedenti delineano la realizzazione di famiglie costituite da genitori parimenti realizzati dal lato professionale, dunque auspicabilmente con redditi paragonabili, e parimenti impegnati nella gestione della prole fin dal principio, rendendo del tutto normale se non automatico il rispetto del diritto del minore ad avere sempre due genitori, sia che essi stiano assieme, sia che si separino.

varie_famigliaNon è forse questa elaborazione un punto d’incontro sensato tra le forze che ora si contrappongono rispetto all’ipotesi di una riforma delle separazioni e degli affidi? Io credo di sì. Certo implicherebbe significativi investimenti dello Stato nel welfare familiare, ma le risorse ci sono: basta sottrarle a tutto l’apparato attualmente costruito attorno alla necessità di fomentare il conflitto di coppia per alimentare un mercato non di rado dell’orrore o privo di fondamento (case-famiglia, affidi, centri antiviolenza). Non ci sarebbe migliore destinazione dei molti soldi appannaggio del capitolo “pari opportunità” che quella per il sostegno alla bigenitorialità in costanza di relazione di coppia. Non ci sarebbe reazione più razionale ed efficace agli eventi di “Bibbiano”. Non meno importante, in questo modo il tanto parlare che si fa di “politiche per la famiglia” troverebbe così una concretizzazione reale.

In questo senso, credo che proseguire sulla strada della riforma non sia sbagliato. Come detto, è un intervento parziale, ma non errato. Diventa deleterio se lasciato da solo, se rimane un intervento isolato e se non lo si inscrive in un piano organico di revisione generale della materia che dovrebbe intervenire a impostare sul piano delle leggi la nuova conformazione familiare del futuro. Una conformazione che nei fatti esiste già da tempo, sebbene frustrata da un sistema complessivo arretrato, e che va regolamentato nella sua totalità, in un’ottica di concordia tra uomini e donne orientata al futuro. I tentativi di riformare il Diritto di Famiglia oggi sono dunque ottimali perché rompono gli indugi su una materia che non può più attendere. Essi segnano la via ma, per non diventare materia di inutile scontro ideologico sulla pelle dei bambini, devono provvedere affinché, come spesso capita, non si resti in mezzo al guado.


ACQUISTA IL LIBROACQUISTA L’E-BOOK

grafica_ingranaggibanner

ACQUISTA IL LIBROACQUISTA L’E-BOOK


Per essere sempre aggiornato sui nuovi articoli, iscriviti alla newsletter di “Stalker sarai tu”:

Loading

 

16 thoughts on “La riforma di separazioni e affidi sia solo un primo passo verso il futuro

  1. “Lo schema donna = caregiver / uomo = breadwinner, con il connesso carattere affettivo attribuito alla figura materna e quello normativo attribuito a quella paterna, già da molto tempo è stato ampiamente superato per lo meno nella sua versione netta e assoluta.”

    Questo è purtroppo irrilevante per la controparte: hanno infatti spostato la critica dal vecchio schema (donna casalinga, uomo che lavora full time) a “le donne fanno più lavoro di cura” e si applica anche nei casi in cui si lavora entrambi full time. Ti faccio un esempio di situazione non degna di parità genitoriale per chi è anti-DDL 735, quella che era la mia:
    Lei impegnata 36 ore + massimo 2 ore spostamenti per lavoro, totale 38 settimana, straordinari inesistenti.
    Lui impegnato 38 ore + 5-6 ore spostamenti + 3-6 ore straordinario a settimana, totale circa 48 ore.
    Tempo libero più o meno equamente diviso nella cura di casa e figli, ma di fatto lei fa 10 ore in più la settimana, che sono quelle che risparmia sul lavoro. Ovviamente quando lui è a casa l’autista di famiglia è sempre e solo lui (2 ore in più per lui, minimo, in media a settimana – il gap si riduce a 8). E ovviamente l’80% delle spese le fa/decide lei.
    Significa anche che capita una o due volte la settimana che sia lui a fare da mangiare per tutta la famiglia.
    La suddetta situazione non sarebbe degna di tempi paritari per la controparte.

    E’ come per la “mancanza di potere istituzionale” che adesso è diventata “mancanza di potere istituzionale in base al loro genere”: significa che se hai 2 segretarie su 3 dei sindacati (era così sino a pochi mesi fa) le donne restano oppresse in quanto “li hanno in base ai loro meriti e non in base al loro genere”. Traduzione: solo quando le donne avranno il potere “solo in quanto donne” saranno pari agli uomini, secondo la controparte.

      1. Lo dicono chiaramente, sono gli uomini che fanno finta di non sentire per non scontrarsi, e poi quando arrivano le carte da firmare non hanno il coraggio di non firmarle.

        Io ho avuto esattamente zero problemi quando ho iniziato a vivere da solo e quando avevo i bambini con me: far loro la cena lo facevo già prima, solo che su 7 cene io ne preparavo 1 o 2 e lei 5 o 6: è una differenza quantitativa ma non di capacità: tra l’altro pare cucini meglio io: secondo i ragazzi da me si viaggia sempre su qualità medio-alta, dalla mamma c’è un 5% dei pasti, per le occasioni speciali, di qualità (e costo) elevatissimi, ma il resto del tempo è cibo spazzatura o precotto fatto svogliatamente.

  2. ecco un articolo che è in buona parte condivisibile anche da un avversario come me. Sei astuto, te lo riconosco

    1. “Astuto” in questo caso è immensamente offensivo. E’ esattamente quello che penso, praticamente da sempre. Non c’è alcuna astuzia nell’esprimerlo, al massimo la volontà di contribuire a farla finita con le guerre ideologiche e gli interessi sulla pelle dei bambini.

  3. Forse sono io che non sono stato abbastanza acuto da cogliere il tuo intento.
    Può succedere.
    Andando avanti a leggere, mi accorgo che forse mi sfugge il senso anche di questa frase:

    “Solo in un quadro del genere, dove uomini-padri e donne-madri sono parificati fin dall’inizio dell’evento genitoriale, prenderebbero senso gli incentivi alle studentesse che si iscrivono a facoltà universitarie scientifiche o all’imprenditorialità femminile o all’assunzione di personale femminile…”

    Davvero?

    1. No, il problema era nella mia espressione, ho corretto.
      Quanto al brano che citi, a tutti gli effetti è vero che le donne occupate sono meno degli uomini occupati. Se ci fosse piena parificazione nella genitorialità, fin da quando questa ha luogo, gli incentivi all’occupazione femminile, nel quadro generale che ho prospettato, potrebbero aver senso, anche se a termine (come dovrebbero essere tutti gli incentivi): le donne che oggi “sacrificano” le proprie potenzialità professionali avrebbero gli strumenti per evitare di farlo ancora. Per lo meno quelle facilitazioni non sarebbero più i privilegi che sono adesso, dove il padre (in costanza di relazione) sta poco coi figli perché deve sgobbare ed è pure svantaggiato nel costruirsi una professionalità.
      Anzi, favorire l’occupazione femminile, dopo aver garantito la parità genitoriale da subito, contribuirebbe a mettere le donne alla prova. Si vedrebbe allora se sono più interessate a privilegi di principio o a incentivi da utilizzare in modo concreto.

      1. Ragionamenti complessi.
        Le possibili implicazioni di ogni scelta sono – per le mie limitate capacità – del tutto imprevedibili.
        Per alleggerire, mi metto a fantasticare su un’ipotesi di “quote rosa” nel mio settore lavorativo.
        Si tratta di produzione industriale e di turni a ciclo continuo.
        Tutti uomini, da sempre (le poche donne sono impiegate in ufficio).
        Non descriverò gli esiti (prevalentemente nefasti) del mio fantasticare.
        Mi limito a far notare che per ogni donna assunta ci sarebbe un uomo assunto in meno (e forse destinato a rimanere disoccupato, con scarsissime prospettive di sposarsi per farsi mantenere da una donna, come viceversa può benissimo capitare).
        A meno di immaginare un mondo dove l’ipergamia femminile scompaia come per incanto, non mi sembra una prospettiva particolarmente auspicabile.
        Oppure vogliamo incentivare le donne solo verso attività imprenditoriali, manageriali, STEM, ecc. ecc., lasciando agli uomini i “lavoracci”?
        Vabbé, non farci caso.
        Pensieri in libertà…

        1. Fai riferimento a un problema che esiste e che, per non trasformare l’articolo in un saggio, non ho trattato, ovvero il mondo del lavoro. Quello, a tutti gli effetti, è il terzo incomodo del quadro concorde che ho ipotizzato. Con un’implicazione ulteriore: il lavoro è poco. In quel poco che c’è, gli uomini sarebbero in grado di fare i lavori tipicamente femminili, ma non viceversa. Un uomo in ufficio fa il suo e lo fa bene. Una donna in cantiere o in fabbrica… non saprei, ma dubito.
          Come hai scritto tu, sono ragionamenti complessi, che andrebbero sviluppati anche a partire da previsioni ragionevoli sull’evoluzione del mondo produttivo e dei servizi nel futuro. A monte, una domanda cruciale: si deve dare priorità alla famiglia, inducendo il mercato ad adattarsi a quel fondamento, o si rende il mercato il fondamento di tutto, incluse le relazioni umane? E tra questi due estremi, ci sono posizionamenti mediani accettabili da molti se non da tutti?
          Affronterei volentieri questi argomenti, su cui ho idee abbastanza precise, se non esulassero dalla policy di questo blog…

          1. va detto che durante le due guerre mondiali le donne nelle fabbriche e nei cantieri ci sono dovute andare per forza di cose e non mi pare che la produzione abbia subito un crollo

            1. Non nei cantieri, giusto in (qualche) fabbrica. E come conducenti di tram, autobus, ecc. Ma l’esempio delle guerre mondiali non fa testo: allora la scelta era tra morire come un cane in trincea e andare in fabbrica o a guidare un tram, e guarda caso agli uomini era riservata l’opzione peggiore. Finite le guerre le donne hanno lottato solo per i lavori di ufficio, si son ben guardate dal chiedere di (ri)entrare in fabbrica. Ipocrisia portami via.

            2. Infatti se le obblighi ci vanno.
              Ma chi le obbliga? Tu? Le femministe? Oppure vorresti che lo facciamo noi?

      2. No, mai.
        Perché gli incentivi all’occupazione femminile vanno anche a donne che non hanno, non vogliono e non possono avere figli – in questi casi, CHE SONO ALMENO UNO SU TRE – è come rubare.
        L’unico incentivo che avrebbe senso è quello legato al rientro al lavoro dopo la maternità.

  4. Solo una considerazione su un aspetto (apparentemente?) marginale.
    Nel testo trovo scritta diverse volte la parola “carriera”.
    La maggior parte delle persone non fa carriera nella vita, fa semplicemente un lavoro.
    Il fissarsi sul concetto di carriera è tipico delle rivendicazioni femministe.
    Stiamo sempre a rincorrere e adeguarci a un linguaggio, che non è altro che l’espressione di un’ideologia. Il che, a mio modesto parere, rivela che quell’ideologia ci ha – almeno parzialmente – condizionato. E il peggio è che spesso ne siamo inconsapevoli.
    Ripeto: la maggior parte delle persone non fa carriera (e molti nemmeno ci pensano), svolge semplicemente un’attività lavorativa che consenta di vivere.
    Buona parte di questo articolo non sembra curarsi di loro, così come molte rivendicazioni femministe sembrano occuparsi (anzi, direi che si occupano) di ottenere favori e privilegi per la parte già più “fortunata” del mondo femminile.

    1. E’ un voluto scimmiottamento del loro linguaggio. Evidentemente non ho reso la cosa in modo abbastanza chiaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: