STALKER SARAI TU

Le scienze sociali al servizio dell’ideologia

Questo blog ha interrotto le pubblicazioni il 14/09/2020, dopo 4 anni di attività.

Le sue tematiche sono ora sviluppate da una nuova piattaforma:

LA FIONDA

https://www.lafionda.com

<

persone_yenorUn articolo apparso sul sito di sociologia “Public discourse” a firma Scott Yenor, professore di Scienze Politiche alla Boise State University dell’Idaho, svela una volta di più la natura malata e virale delle ricerche scientifiche che si producono nelle università occidentali, americane in particolare, e della battaglia feroce che sul campo del debunking scientifico si sta cercando di fare per frenare il dilagare di concetti inquinanti, asserviti a una visione specifica delle società e del mondo. Il punto di partenza è uno studio del 2014 elaborato dal professor Mark Hatzenbuehler, medico sociologo alla Columbia University, autore principale di una ricerca intitolata: “Lo stigma culturale e la causa globale della mortalità nelle popolazioni appartenenti a minoranze sessuali“, pubblicato nel giornale Social Science & Medicine. Lo studio sostiene che le minoranze sessuali, come gli omosessuali, hanno un’aspettativa di vita molto più bassa (circa di vent’anni) rispetto al resto della popolazione perché tali minoranze vivono in comunità con alti livelli di pregiudizio anti-gay.

Lo studio del professore della Columbia ha avuto una grande risonanza nei media e si è affermato a tal punto da venire utilizzato come prova durante una causa tra la Commissione per i Diritti Umani dello stato del Colorado e una società di panificazione, accusata di discriminare la minoranza LGBTQ. Sottoposta al procedimento scientifico del peer-review (quando altri studiosi esaminano e sottopongono a critica e verifica gli studi altrui), la teoria di Hatzenbuehler però poi si è sbriciolata miseramente. La rivista Social Science & Medicine ha dovuto pubblicare una correzione, per poi ritirare del tutto il contributo. Non poteva fare diversamente: i severi procedimenti di verifica avevano sentenziato che lo studio in questione era un crimine contro l’onestà accademica. Ed è il pullulare di elaborazioni del genere che sta facendo perdere sempre di più la fiducia degli americani (e non solo) nell’istruzione e nella ricerca universitaria.

Questo articolo è il frutto del lavoro volontario e gratuito dell’autore. Se vuoi aiutarlo contribuendo al mantenimento del blog e alla diffusione dei suoi contenuti, fai una donazione tramite bonifico o PayPal. Grazie!


IBAN: IT12D0617501410000001392680

varie_peereviewEppure studi di questo tipo dilagano, se ne producono a tonnellate, che sempre più riescono a passare indenni attraverso complessi peer-review. Questo accade perché anche i “pari” chiamati a criticare le elaborazioni altrui, quando si tratta di tematiche sensibili, quali appunto gli orientamenti sessuali o le questioni di genere, sentono la pressione di dover dimostrare prioritariamente di non essere loro stessi dalla “parte sbagliata”. La loro revisione tende a non puntare più prioritariamente alla verifica delle tesi e del metodo scientifico adottati dal collega, ma a dimostrare di non essere discriminatori, razzisti, sessisti eccetera. Per non sbagliare, anzi, quasi sempre assecondano l’infondatezza delle ricerche mostrandosi favorevoli a “vendicare” le minoranze oppresse, così pilotando le loro review su parametri molto più indulgenti. E’ una doppia violenza: verso il metodo del controllo incrociato, che è poi ciò che garantisce l’affermarsi delle ricerche migliori rispetto a quelle inaccettabili, e verso la sostanza delle ricerche stesse.

Sono questi deficit a determinare il diffondersi di idee di fatto inaccettabili, perché scientificamente deboli, quando non insostenibili, su tematiche di grande importanza quali la contraccezione, l’aborto, le relazioni di genere, le minoranze sessuali o razziali. Tutte tematiche che oggi vanno a comporre quel quadro di politicamente corretto che inquina il discorso e il confronto pubblico, da un lato, e che dall’altro dettano iniziative politiche smaccatamente discriminatorie verso chi non fa parte di specifiche minoranze definite forzosamente “deboli” da questo tipo di studi. Ciò che sorprende è la loro costante diffusione e il radicamento nella cultura dominante, sebbene un gran numero di essi sia soggetto a un altissimo tasso di ritiri post-pubblicazione. Ciò che rivela l’articolo di Scott Yenor è che in ambito accademico, negli USA e in occidente, si sta svolgendo una sorta di grande guerra tra mostruosità della ricerca e veri e propri “ghostbusters”, studiosi seri che tentano eroicamente di fermare la fiumana di concetti pseudo-scientifici piegati al politicamente corretto, cercando di catturarli, smentirli e archiviarli nel dimenticatoio.

Questo articolo è il frutto del lavoro volontario e gratuito dell’autore. Se vuoi aiutarlo contribuendo al mantenimento del blog e alla diffusione dei suoi contenuti, fai una donazione tramite bonifico o PayPal. Grazie!


IBAN: IT12D0617501410000001392680

grafica_soprusoLa testimonianza di Yenor è accorata, parla di un lavoro che richiede sforzi titanici, essenzialmente per due motivi. Gran parte degli studi farlocchi che si pongono alla base del distruttivo politicamente corretto fanno un uso spregiudicato dei dati, delle induzioni dai dati, diffondendo “stime delle stime”, che in quanto tali non hanno alcun valore scientifico. Sul piano metodologico sono talmente inconsistenti che dovrebbero venire ritirati già alla prima occhiata critica. Ma contro questa ipotesi tali ricerche si premuniscono a dovere, adottando un’esposizione che sollecita i sensi di colpa di chi viene chiamato a revisionarli, talvolta, e più spesso la paura. Le dimensioni della falsificazione accademica sono diventate totalitarie, dunque rilevare gravi difetti di metodo in una ricerca che sostenga, ad esempio, la discriminazione femminile nelle legislazioni pubbliche, espone lo studioso critico all’immediata accusa di sessismo (o in altri casi di razzismo, omofobia, fascismo, eccetera). Un’accusa che in talune circostanze, se pompata a dovere, può comportare la fine di intere carriere. E il nostro professore Alessandro Strumia lo sa bene.

Che poi queste ricerche siano alla base del nuovo stream delle proposte politiche delle varie sinistre di diversi paesi occidentali, aggrava ancora di più la situazione. Di fatto ci sono studi privi di fondamento, prodotti a valanga, difficilmente contenuti da onesti e coraggiosi peer-review, che vengono assunti come base scientifica per politiche discriminatorie. Ovvero che accettano il concetto di una sussistente discriminazione, che in realtà non c’è, per affermare una contro-discriminazione, eufemisticamente definita come “positiva”. Le “quote rosa” sono un esempio tipico di questo genere di decisioni, ma anche il doppio standard che favorisce le donne e criminalizza gli uomini nei media o nei tribunali ne è un portato diretto. Il contributo di Yenor svela una volta di più una realtà dura da accettare: il nemico della verità è grande e potentissimo, ha invaso i gangli principali delle società, annientando l’istituzione famiglia, quella che fornisce la prima formazione, e inquinando le falde dell’istruzione superiore. Non è un buon motivo per cedere e smettere di sbugiardare nel quotidiano le falsificazioni e le storture che ne derivano, ma è indubbio che un ritorno alla normalità debba passare da uno scatto d’orgoglio e di coraggio da parte degli studiosi seri, quei pochi che ancora sopravvivono nell’accademia totalitaria contemporanea del politicamente corretto e del socialmente distruttivo.


Per essere sempre aggiornato sui nuovi articoli, iscriviti alla newsletter di “Stalker sarai tu”:

Loading

footer_sst

9 thoughts on “Le scienze sociali al servizio dell’ideologia

  1. Segnalo il seguente articolo, il quale é apparentemente off-topic, ma in realtà é attinente al tema del post:
    http://www.occhidellaguerra.it/economisti-immigrazione-economia
    L’articolo afferma che, in base a recenti studi socio-economici, l’immigrazione lavorativa non sempre porta benefici. Anzi, é probabile che la diversità culturale ostacoli l’elaborazione di idee comuni in ambito economico.
    Queste conclusioni (che sono estremamente politicamente scorrette) possono essere applicate anche in altri ambiti. Per fare un esempio, pensiamo alla figura del Diversity Manager, introdotta nelle grandi aziende per incentivare l’assunzione di categorie discriminate o presunte tali (donne, LGBTQ, diversamente abili, stranieri, …). In accordo a questi ultimi studi socio-economici, il mito della diversità all’interno delle aziende inizia a vacillare. Questo é un altro colpo contro l’ideologia del “politicamente corretto”.

  2. Il sistema delle peer-review deve essere abolito perché ormai è diventato una barzelletta. L’anno scorso sono stati prodotti diversi “studi bufala” che sono poi stati sottoposti a peer-review, e alcuni di loro l’hanno superata e sono stati pubblicati su riviste scientifiche.

  3. Lo studio ha un difetto di base che è incredibile che nessuno abbia notato: mette le “minoranze sessuali” tutte insieme, che è come mettere i topi insieme agli elefanti e fare uno studio “sui mammiferi che camminano a 4 zampe”.
    Quando invece dentro alla sigla “LGBTQ” che questo idiota identifica come un unicum abbiamo:
    Q = gente che nasce con triplo cromosoma (XXY o XXX) o con organi sessuali misti – sfido che muoiono prima.
    T = gente che fa trattamenti ormonali per cambiare sesso, non è una condanna a morte come sopra ma è perlomeno come essere fumatori, e di quelli pesanti.
    LG = gente che nasce con un corpo normale, non assume ormoni, e si differenzia dallo standard solo nel comportamento sessuale.
    B = come sopra salvo che il 50% circa del tempo il comportamento sessuale manco si differenzia dallo standard. La maggioranza di B addirittura è a 1 o 2 sulla Kinsey scale, che significa rispettivamente “90-95% eterosessuale” e “70-80% eterosessuale”.

  4. ” . . . Lo studio sostiene che le minoranze sessuali, come gli omosessuali, hanno un’aspettativa di vita molto più bassa . . .”
    Questa è l’unico studio su cui non ci devono essere dubbi visto il forte stigma sociale nei confronti di gay , lesbiche e trangender.
    Sopratutto gay & transgender o meglio ftm/mtf prima di passare sotto i ferri . Un cavlario che inizia dalla pubertà tra bullismi continuo , bias sociali , violenza psicologia e aggressioni fisiche piu’ della metà dei gay e ftm/ftm si toglie la vita in età adolescenziale. Se non hanno coraggio di farla finita ci pensa la gente omofoba cosi’ accecata dall’odio a sopprimere la loro esistenza solo perche’ considerati contro natura , deviazione, aberrazione . . .

    1. Ci sono così pochi dubbi sulla sua infondatezza che è stato ritirato, per di più con onta. Vedi tu.

    2. Cara Alessia, per quanto sia vero che ci sia ancora discriminazione contro gay/lesbiche/etcetera (molto variabile a seconda del luogo) e difficilmente, come per tutte le discriminazioni, sarà impossibile eradicarla per intero, ricerche come quella citata dall’articolo non sono e non vogliono essere scientifiche. Vogliono solo dare una patina di legittimità e conferma ai propri bias attraverso la stimolazione e lo sfruttamento dei sentimenti di pancia generati dal tema trattato.
      La tua risposta è una buona dimostrazione di tali sentimenti.

      Non ritieni anche tu, inoltre, che fare uno di questi ‘studi’ su temi sensibili, usando poi quegli stessi temi come arma per ricattare chi debba controllarli e, possibilmente, smentirli sia una delle metodiche più vili e disoneste che si possano applicare in un ambito tanto importante ed influente come quello scientifico?

    3. 1) Se davvero la “discriminazione” bastasse per diminuire l’aspettativa di vita allora tutti gli afroamericani avrebbero dovuto morire durante la schiavitù e le leggi razziali, gli ebrei avrebbero dovuto essere estinti da secoli e anche i cattolici irlandesi.
      2) Oggi il concetto di discriminazione si è talmente allargato che basta solo non essere d’accordo con un gay perché il poveretto si senta discriminato.
      3) La bassa aspettativa di vita degli lgbtqecc si verifica anche nei civilissimi paesi nordici, dove ogni accenno di “omofobia” è stato eradicato da tempo.

    4. Lo studio è una castroneria perche mette insieme situazioni diversissime.
      Ai due estremi: gli intersessuali, persone con triplo cromosoma o addirittura organi misti sono fatalmente destinati a vivere meno a lungo, come ad esempio chi è affetto da Asperger, mentre all’estremo opposto dire che una donna bisessuale viva meno a lungo causa discriminazione è una barzelletta.
      Per quelli che stanno nel mezzo le considerazioni che fai sono in buona parte valide, specie nel caso dei e delle trans, ma uno studio simile che mette tutto insieme, casi diversissimi (vedi sopra), non aiuta, anzi, squalifica ogni risultato.
      Poi bisogna anche aggiungere che nel caso dei gay ci sono vari casi di gente che si ammala a causa della promiscuità e soprattutto del mondo infantile e imbecille di affrontarne i pericoli: dico PrEP e non dico altro…

      Tieni presente che chi scrive non è un conservatore, ma bisessuale e pure promiscuo. Ma uso precauzioni VERE e non mi sono mai beccato nemmeno un herpes. Se uno invece è un cretino che crede al “miracolo” della PrEP e magari vuole pure “combattere lo stigma contro chi è sieropositivo”, beh, chi è causa del suo mal…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: