STALKER SARAI TU

Lilli Gruber dà fuoco alle polveri. E io rispondo

Questo blog ha interrotto le pubblicazioni il 14/09/2020, dopo 4 anni di attività.

Le sue tematiche sono ora sviluppate da una nuova piattaforma:

LA FIONDA

https://www.lafionda.com

<

lilli gruberNon si fa in tempo a tornare dalle ferie che ci si ritrova una Lilli Gruber subito pronta ad aprire le ostilità. Ospitata dal Corriere della Sera nella rubrica pubblica “@7Corriere”, lancia un tema di discussione che suona così: “Le donne sono più adatte degli uomini alla leadership. E con maschi come Trump, Orban, Salvini, Johnson, Putin, Netanyahu, Erdogan, che stanno dimostrando tutta la loro incompetenza nella soluzione dei problemi della loro gente, le donne sono sempre più indispensabili per trovare vie d’uscita responsabili”. Una volta diffusa ‘sta roba, il Corriere invita i lettori a dare la propria opinione. Non potevo esimermi. Ecco ciò che ho scritto a Lilli Gruber.

Gentile Gruber, la sua riflessione denota un’abitudine piuttosto ampiamente (e insopportabilmente) diffusa, quella di celare convinzioni politiche di parte dietro un’ideologia supposta “presentabile”. Nello specifico, lei copre con una vulgata femminista un posizionamento che con il sesso dei leader non ha nulla a che fare. Perché questa operazione? Perché dà ottimi risultati. Con il femminismo messo in primo piano lei riesce (per lo meno pensa di riuscire) a far breccia un po’ ovunque. Chi metterebbe in dubbio concetti del genere, con tutto il ginocentrismo ficcato a forza da anni nell’opinione pubblica? Chi oserebbe, con il clima oppressivo che c’è, contestare un’affermazione che dà priorità alle donne? Nessuno vuole finire alla gogna, dunque nessuno si permetterà (lei pensa). Così il suo femminismo diventa il passe-par-tout per le zucche vuote di molti lettori o ascoltatori.

cavallo di troiaIl suo femminismo insomma fa la funzione di un cavallo di Troia. Dentro di esso si nasconde furbescamente un messaggio politico ben preciso, che è poi il suo personale. Chi lo definirebbe “di sinistra”, chi “radical-chic”, chi “post-marxista”, chi “mondialista” o “globalista”. Tolto l’orrido trasformismo italiano, si tratta di roba sempre meno apprezzata, vivaddio, e che dunque deve usare un veicolo popolareintoccabile per ficcarsi nella testa delle persone. Ecco a cosa serve il suo tono fiero da women empowerment. Il gioco però è talmente trito e ritrito, il camouflage così mal fatto, che la mossa propagandistica diventa quasi subito un boomerang. Mi permetta di spiegarle perché.


Il suo femminismo insomma fa la funzione di un cavallo di Troia.


Anzitutto perché il suo assunto non è dimostrato. Che le donne siano più adatte degli uomini alla leadership è una sua dichiarazione solenne che convincerà qualche zucca vuota, ma farà sghignazzare molte altre piene. Le quali si chiederanno: “e perché mai?”. Ciò che lei dice dopo, cara Gruber, non è una risposta. Elenca una serie di leader che lei vende come “incompetenti” dall’alto di un’autorevolezza che non ha. Non per altro: perché stride violentemente con la realtà. Gli USA di Trump non avevano un’economia così fiorente da decenni ed è la prima presidenza che non si imbarca in un conflitto armato. Orban e Salvini hanno la maggioranza del consenso popolare. Johnson si è appena insediato a Downing Street e non si capisce come avrebbe già mostrato la propria incompetenza. Netaniahu ed Erdogan, sebbene quest’ultimo effettivamente comprima molte libertà, sono un elemento di equilibrio in Medio Oriente. Putin… che dire… ci vuole una bella faccia tosta, me lo lasci dire, a definirlo “incompetente”: la sua Russia viaggia a mille nonostante le sanzioni. Anzi: proprio grazie alle sanzioni.

hillary clintonBugie, le sue, insomma. Se non bugie, per lo meno mistificazione settaria, cui si aggiunge anche una buona dose di ipocrisia. Oltre a citare maschi (nossignora, si dice “uomini” in antitesi a “donne”) lontani dal suo credo politico, infatti, omette di citare alcune femmine di potere che quanto a incompetenza oggettiva non hanno da invidiare niente a nessuno. Penso a Theresa May che, lei sì, alla prova dei fatti non ha saputo gestire la transizione “brexit”. Penso ad Aung San Suu Kyi che reprime i rohinga tanto quanto Erdogan reprime i curdi. Penso a Hillary Clinton che oltre ad aver promosso conflitti armati con innumerevoli vittime civili (e come lei in precedenza anche Condoleeza Rice), ha anche coperto un giro di pedofilia nel suo partito. E che dire del trittico sudamericano Kirchner-Roussef-Bachelet, che certo non ha brillato per trasparenza o competenza. E sono solo le prime a venirmi in mente, forse lei ne potrebbe suggerire altre, Gruber…

Insomma, la sua frase contiene una grande quantità di errori palesemente fatti in malafede. Ed è costruita in modo tale da essere semplicemente pericolosa. Nel suo nucleo si cela, grossolanamente nascosto, un indirizzo politico cui, a conti fatti, va attribuita la devastazione delle identità, della cultura e delle economie di mezzo mondo. Mi riferisco a quel “radicalismo” (inteso in senso americano) che ha imposto il politicamente corretto, il mondialismo e l’appiattimeno globale a partire dalle accademie e dalle scuole, così inquinando le nuove generazioni, ossia il futuro. Parlo di quel radicalismo che, ormai è chiaro a tutti, avanza e si impone accusando gli altri delle perversioni e delle malefatte che sono invece sue proprie. E quegli altri sono, badi bene, la “gente” cui lei accenna nella sua frase. Persone che hanno votato Trump, Orban, Salvini, Netaniahu non perché sbagliate o intellettualmente inferiori (anche se lei sicuramente le ritiene tali), ma perché vogliono preservare un equilibrio e rinnovarlo attraverso strade diverse dall’annullamento globale e dalla liquefazione totale pianificati da chi la pensa come lei.


Mistificazione settaria, cui si aggiunge anche una buona dose di ipocrisia.


Lei poi cerca di camuffare questa schifezza, chiamiamola col suo nome, con un vestito presentabile, appunto l’afflato femminista spinto, o suprematista come oggi lo chiamano in Spagna. Ovvero con quell’ideologia fanatica che ormai non promuove più (se mai l’ha promossa) la parità di diritti e doveri tra uomini e donne, ma che cerca primazie secondo il postulato indiscutibile per cui la donna è il Bene (e sempre vittima) mentre l’uomo è il Male (e sempre carnefice). Un postulato smentito dai dati e dai fatti, nonostante i pompaggi propagandistici messi in atto dai media, lei compresa. Il femminismo di oggi, lungi dal volere equità o parità, vuole la distruzione dell’uomo e di tutto ciò che indirettamente esso rappresenta, a partire dalla famiglia. Un obiettivo perseguito barbaramente, ossia in ordine sparso e feroce, del tutto incurante delle innumerevoli contraddizioni che lo minano alla base. Uno su tutti, a mero titolo d’esempio: aborto sì, perché sul corpo della donna decide la donna, però prostituzione no perché in quel caso la donna non è più libera di decidere sul proprio corpo.

In conclusione, gentile Gruber, frasi come la sua sono pericolose, perché dette da un pulpito che ancora viene percepito come “autorevole”, sia esso la testata giornalistica famosa o la televisione. Messaggi come il suo, quand’anche lei si appigliasse alla scusa dell’iperbole, sono secchiate di veleno gettate nei pozzi della normale convivenza e relazionalità tra uomini e donne. Le valgono il plauso delle sue simili, certo, e il carezzevole consenso delle élite radicali mondiali, ma è e resta un inquinamento delle falde più profonde della convivenza comunitaria. Quello che lei dice è solo apparentemente una sciocchezza. E’ un’operazione con cui lei raccoglie stima personale vendendo una droga ideologica per di più tagliata malissimo. Le zucche vuote, che sono purtroppo molte, ne sono già dipendenti e le dedicheranno una standing ovation. Ma badi che i disintossicati sono sempre di più e il trucchetto lo vedono bene. Così come l’aspetto peggiore della sua frase e della sua attività di comunicazione pubblica: lei sa perfettamente che ciò che dice è sbagliato e dannoso. Lei è troppo astuta e intelligente per non saperlo. Eppure lo dice lo stesso. Ritiene di poterlo fare: in quanto donna, lei pensa, nessuno la verrà a contestare nel merito. Sbaglia, gentile Gruber. Il vento è cambiato. E’ e sarà sempre più chiaro che la differenza non la fanno l’assenza o presenza di prostata o utero nel fondo pancia, ma la qualità complessiva delle persone. Lei, con la sua frase, ne è un esempio evidente.


ACQUISTA IL LIBROACQUISTA L’E-BOOK

Anche su IBS, Amazon, Feltrinelli e Mondadori

grafica_ingranaggibanner

ACQUISTA IL LIBROACQUISTA L’E-BOOK

Anche su IBS, Amazon, Feltrinelli e Mondadori

Per essere sempre aggiornato sui nuovi articoli, iscriviti alla newsletter di “Stalker sarai tu”:

Loading

 

11 thoughts on “Lilli Gruber dà fuoco alle polveri. E io rispondo

  1. @Daniele, Eric

    È diverso. L’hanno detto anche a me, ancora pochi giorni fa su Twitter. È diverso perché se lo fanno loro è giusto. Se lo fanno loro è giusto perché si illudono di vendicare una certa trisavola a cui presumono sia stato fatto qualcosa (che poi è quello che insegnano a scuola ai bambini) così è giusto insultare il pronipote maschio che però non ha fatto nulla. La morale delle complessate, ad essere buoni. Può essere peggio di così? Può essere più immorale di così? Certo che sì! Infatti se la donna è vittima, è colpa del miso-patriarco-maschilismo. Ma anche se la donna è carnefice, è colpa del miso-patriarco-maschilismo. Se la donna è carnefice imita un comportamento maschile (posto malvagio per natura) che di suo non avrebbe. Come il femminista Gramellini scrisse per giustificare quella dell’acido contro l’ex, ricordate? Insomma, il Male non può mai essere femmina. Se le donne governassero il mondo, infatti, sarebbe tutto meglio dice la Gruber. È questo il senso subdolo e meschino di queste povere mentecatte. Il femminismo è senza dubbio la più schifosa e miserabile ideologia di merda che sia mai stata inventata da un essere umano. Peggio del fascismo, peggio del nazismo, perché hanno corrotto l’idea di Bene: fanno leva sul bene finto per fare il male vero. È la cosa più perversa e malvagia che può essere concepita. Se lo ricordino le donne conniventi a questa mafia di genere: che tutto finisce, poi so’ cazzi. Preparatevi una strategia di uscita.

    1. Concordo.
      Questo pezzo poi è verissimo:

      “Peggio del fascismo, peggio del nazismo, perché hanno corrotto l’idea di Bene: fanno leva sul bene finto per fare il male vero. È la cosa più perversa e malvagia che può essere concepita.”

      E’ proprio così, non solo hanno eliminato qualsiasi distinzione tra bene e male ma ne hanno invertito i significati: sono l’incarnazione di una parte della filosofia di Nietschze, al confronto il nazismo era un’ideologia chiara e lineare.

      Il discorso che fa la Gruber non è affatto diverso dallo sterminare gli “inferiori”: per cominciare propone di escluderli dalla politica, e quindi di riflesso anche dal diritto di voto. Questo ha fatto.
      La risposta a una cosa simile non deve essere né la minimizzazione (che spesso è insincera e scaramantica, e cela paure che non si vogliono ammettere) né la rabbia: deve essere la volontà RAZIONALE e glaciale di combattere questi mostri con tutti i mezzi e ovunque.
      Io ci sono, nei limiti e nelle mie modalità, e, come ho detto di recente ad una propagandista che ho provveduto a far eliminare dal canale di diffusione che occupava: “il manuale femminista non funziona con me: non sento né vergogna, né pietà, né paura”.
      Sono i tre sentimenti che non dobbiamo avere. In ordine di importanza, infatti i più minimizzano le cose dette dalla Gruber e cose simili, per vergogna di non apparire abbastanza uomini se mostrano paura. Invece FINGERE paura potrebbe essere una tattica che funziona, purché lo si faccia apposta, freddamente.

  2. Bene: un sesso è superiore all’altro nella leadership. Nel comandare, nel governare, nel dirigere il mondo.
    Applicato alle classi è un dogma nicciano.
    Applicato alle razze sarebbe – ed è – razzismo nazista.
    Applicato ai sessi cos’è?

    1. Io non mi capacito di come persone anche intelligenti non se ne rendano conto. A volte mi diverto a riportare frasi o discorsi come quelli della Gruber, o di qualsiasi altro femminista, sostituendo a “donne” la parola “italiani” e a “uomini” (o più spesso “maschi”) la parola “immigrati”, e spacciando il tutto come farina di Salvini: stupore, indignazione, orrore, mani nei capelli, maledizioni agli analfabeti funzionali. Quando poi rivelo la verità, la cosa sconvolgente è che praticamente non fanno una piega: non pretendo che aprano gli occhi all’istante, anzi mi aspetterei che sul momento si incazzassero, invece si limitano, quasi sempre, a dire “ma è diverso”. Boh, sarà questa la “diversità” per la quale si scandano tanto.

      1. Infatti è proprio quello che mi fa incavolare: posso anche capire che uno lì per lì non se ne accorga e non faccia lo scambio di parole mentalmente.
        Quello che non capisco e che mi fa incavolare è che se gli fai lo scambio di parole in faccia, poi quello con la faccia di ebete ti fa “bbbeeehh, ma è diverso!” col beh tipo belato di pecora.
        Allora che non si scandalizzino mai, almeno: come se ne fregano di una cosa, se ne freghino anche dell’altra, almeno siano coerenti.

    2. Femminismo.

      E’ per quello che mi incavolo quando continuo a sentir dire che il femminismo sarebbe “per la parità degli esiti”.

      E’ come dire che il nazismo è “per la parità degli esiti tra ariani ed ebrei”.

      Come cavolo si fa a dire che quelle che dicono che le donne sono superiori agli uomini sono “per la parità degli esiti”???

      Se fosse così, tanto varrebbe non essere anti-femministi. sono solo tizie un po’ bislacche che vogliono la “parità degli esiti”, è solo socialismo in rosa, che sarà mai?
      Ma NON è così.

  3. Ottima idea quella di candidare Giorgia Meloni a capo del governo…. In questi giorni di parla di una possibile donna a capo del. Governo…meglio Meloni che Boldrini o qualche altra appartenente alla santa sorellanza…la Gruber in questo caso diventerà bordeau… Ricordate come tolse l’audio alla Meloni poco tempo fa… Sarebbe la giusta pena del contrappasso per lilli.. ????

  4. Ho smesso di essere di sinistra qualche anno fa, proprio per questa ripugnante campagna misandrica di cui la Gruber (con tutti gli altri) è una rappresentante. Non solo per questo, a dire il vero, ma soprattutto per questo. Infatti negli ultimi anni, alle varie elezioni, o annullavo la scheda o votavo per un partitino-ino-ino, di quelli che sicuramente non superano le soglie minime, in modo da abbassare (per quella quota infinitesima cui il voto del singolo contribuisce) la percentuale di tutti gli altri. Perché, pur avendo smesso di essere di sinistra, non sono certo diventato di destra, men che meno della destra di Salvini, pure questa agli antipodi della mia sensibilità. Ma dopo quest’ultima perla gruberiana, la tentazione di votare la Meloni (FdI) mi sale fortissima… praticamente non la penso come lei in quasi nulla, ma visto che la signora (si fa per dire) Gruber insiste tanto con le donne, mandiamo la meloni al governo: Lilli sarà contenta, no?

  5. Le donne in genere non so, ma quelle come la Gruber che si gonfiano le labbra come canotti probabilmente lo fanno per suggerire l’idea che sono brave a fare i pompini, per cui si svalutano da sole e i loro argomenti non valgono nulla.
    Varrebbe anche per un uomo poltico che si facesse impiantare pettorali e bicipiti artificiali, ma nessuno di quelli che cita Gruber lo ha fatto: evidentemente puntano su vere capacità politiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: