STALKER SARAI TU

Patricidio di Monterotondo: la realtà parallela di David Sassoli

Questo blog ha interrotto le pubblicazioni il 14/09/2020, dopo 4 anni di attività.

Le sue tematiche sono ora sviluppate da una nuova piattaforma:

LA FIONDA

https://www.lafionda.com

<

facebook_sassolidi Fabio Nestola – Su Facebook appare questo post. A scriverlo è David Sassoli, giornalista e politico di lungo corso, ora ricandidato al Parlamento Europeo, che da parecchi anni viene mantenuto dai cittadini italiani. La sua è una difesa ad oltranza della patricida di Monterotondo Deborah Sciacquatori. A leggerlo bene sembra un post scritto dalla mamma dell’assassina più che da un politico o da un giornalista.

Deborah sferra un pugno che però sembra esserle  scappato per caso nella concitazione del momento, colpa della confusione generale invece che della volontà di nuocere. Ma poi subito soccorre il padre, si dispera, lo mette persino su una sedia, pensa un po’. L’icona di figlia perfetta, premurosa ed affettuosa, pure “studentessa modello” sente il dovere di aggiungere il paladino Sassoli, bontà sua. Come se andare bene a scuola legittimasse l’omicidio. Lui è fatto così, quando pensa ad una vittima non guarda al morto ma a chi lo ha steso con cazzotti e coltellate.

persone_sciacquatoriPerò del coltello non c’è traccia, David Sassoli si è distratto e non dice nulla delle coltellate alla nuca (quindi alle spalle di una persona che scappa o quantomeno si gira per proteggersi da altre botte). Sarebbe  morto per il pugno e/o la caduta conseguente, la coltellata è un particolare irrilevante che non merita di essere citato, che vuoi che sia. Anche la morte conseguente alle percosse la dice lunga sulla effettiva pericolosità del morto: l’ex pugile aggressivo e violento in tutta evidenza non si reggeva in piedi, prova ne sia che è stato ammazzato di botte da una ragazza di 19 anni.


Sassoli è fatto così, quando pensa ad una vittima non guarda al morto ma a chi lo ha steso con cazzotti e coltellate.


Comunque è stato ammazzato, comunque la ragazza aveva un coltello nella borsa, comunque l’ha accoltellato e lo ha preso a pugni. Che fosse ubriaco fradicio non cancella l’omicidio, anzi, rende la vittima molto meno pericolosa di come la si vuole descrivere. Sollevazioni popolari quando di una donna stuprata si dice “ma come era vestita?”, “ma cosa ci faceva di notte da sola?”, “ma perché è salita in macchina con due sconosciuti?”. Giustissimo, non si deve questionare sul comportamento di una vittima con l’effetto di affievolire in qualche modo la colpa dei criminali. Solo però quando la vittima è una donna.  Quando invece è un uomo si può, anzi, si deve.

persone_sassoliE Sassoli è questo che fa. Ha metaforicamente indossato la toga e in tre minuti ha fatto primo grado, appello e cassazione: Deborah è la vittima. Sassoli dixit, punto. Ma troppe cose non quadrano nell’accorata difesa del povero David: sa spiegare perché ai suoi occhi diventa legittima la giustizia fai-da-te invece del  ricorso alla giustizia tramite carta bollata? Sostituirsi alla magistratura è possibile? Perché la continua e terribile violenza della vittima non è stata denunciata dalle donne di casa? I media continuano a citare che  (comunicato ufficiale della Procura di Tivoli): “Per delineare la personalità dello Sciacquatori è necessario rappresentare che lo stesso era stato denunciato dalla compagna convivente per maltrattamenti nel maggio 2014. Successivamente i due avevano ripreso la convivenza e non risultano denunce per violenza ai danni della donna (da parte di questa, dei familiari o dei vicini) né richieste di intervento ai Carabinieri”.

Quindi la convivente aveva rimesso la querela del 2014 e poi più nulla per 5 anni, oggi invece descritti come un concentrato di violenze inenarrabili. E così si sdogana l’omicidio per legittima difesa dal padre-padrone. Allora sa spiegare Sassoli a cosa servono i fondi per finanziare le case rifugio, la rete dei centri antiviolenza, il 1522, il codice rosa, il codice rosso e tutte le corsie preferenziali propagandate come “finalmente qualche misura a tutela delle donne”? Se rieletto, dopo questa ruffianata al circuito rosa, proponga al Parlamento Europeo una misura risolutiva: qualsiasi bambina, al momento della nascita, insieme al bonus bebè riceve dallo Stato un’arma e la licenza di usarla. Tanto, si sa, prima o poi diverrà vittima.


Sostieni e diffondi la sottoscrizione solidale per i 118
contro i manifesti sessisti della Regione Lazio.
logo_buonacausa


Per essere sempre aggiornato sui nuovi articoli, iscriviti alla newsletter di “Stalker sarai tu”:

Loading

 

25 thoughts on “Patricidio di Monterotondo: la realtà parallela di David Sassoli

  1. avevo lasciato il link delle foto per il signor NED, Paolo, eccetera
    così si eccita. Dopo tanta astinenza.

    comunque sono tutte in rete e tratte dal profilo fb della eroica signorina.

    Speriamo che NED conosca qualche palestrata, che gli/le faccia assaggiare un uppercut
    diventerà di colpo da zerbino ad attivista per i diritti maschili.

    🙂

    anonimo.

    1. Ma guarda come me le canta chiare, io che sono un misero zerbino senza spina dorsale schiavo delle femmine non posso che essere impaurito da questo uomo così virile e coraggios..ah no, non si firma neanche quindi tanto coraggioso non è

  2. qui si vedono le foto della PALESTRATA
    che praticava la boxe fin da bambina, col padre (a 6 anni…)

    Link rimosso [non regaliamo click a vanvera, grazie]

  3. Della coltellata alla nuca non trovo da nessuna parte. Gli articoli che ho letto parlano di un coltello ma sembra non l’abbia addirittura usato. Ah, l’informazione italiana.

    Comunque lei non è nemmeno ai domiciliari. E’ proprio libera. Vedremo se ci sarà un processo.

  4. il crimine commesso da una donna fa meno impressione nella coscienza sociale: se poi è carina, palestrata, dolce e studentessa di filosofia, barista nel bar di paese, con un destino segnato da un padre violento, allora ci sono tutti i presupposti per il melodramma. Tra la piccola fiammiferaia e la Carmen tabaccaia.
    Credo che non ci sia nulla da fare: comunque preparatevi, tra poco la Deborah eroina nazionale, parricida libera,
    verrà invitata da Barbara d’Urso in tv per una intervista strappalacrime. Forse a Quarto Grado .
    immancabile una comparsata ad amore criminale.

    Tanto Sciacquatori cosa può eccepire?
    E’ morto. un tso, una dipendenza da alcol, un servizio sociale che fa acqua da tutte le parti.
    peccato solo che non sia stato denunciato da nessuno, basta leggere il verbale di quello che ha detto
    la Deborah fisicata al PM di Tivoli, un maschio premuroso, sensibile e umanamente colpito dal dramma di
    questa povera e dolce ragazza …
    in fondo, deve riparare Il Danno Primigenio dell’uomo violento. Paga lui per tutti mettendoci la faccia
    e rimettendo in libertà anche se forse, chissà, le dichiarazioni della ex compagna sono un tantino
    gonfiate, la ragazza può dire quel che vuole essendo indagata, la nonna era cieca e i vicini non
    vedevano e non sentivano (però riacquistano la favella a disastro compiuto).

    1. attenzione, che questa è la spinta per codice rosso, se ci va bene… temo anche peggio ( del tipo legittima difesa salvo prova contraria )

      1. con la esagitata M. Bongiorno al comando delle “operazioni”, c’è realmente da attendersi ogni sorta di obbrobio giuridico.
        il punto è che l’episodio Monterotondo farà scuola e di ragazze che fanno arti marziali ormai è piena l’Italia.

        Un tempo queste povere ragazze si frapponevano tra madre e padre, addirittura pacificavano, facevano da “mediatrici” in
        certi durissimi contesti separativi. oggi sta passando il principio, grazie alle solite esagitate femministe, che è giusto farsi giustizia da se uccidendo il proprio padre. E’ il declino

    2. “la Deborah fisicata…”

      diffondere le sue foto è stato un errore se non altro perchè ha dato la stura a commenti di questo tipo

      1. Non è stato affatto un errore perché sanno benissimo che una ragazza carina potrebbe strangolare con le sue mani un neonato in diretta nazionale e verrebbe compresa e giustificata. Si chiama effetto alone.

      2. sai Ned che sei ottuso ?
        guarda che le foto sono pubbliche su FACEBOOK e se non conosci la policy del noto social
        vattela a studiare. tutto ciò che è in condivisione pubblica diventa pubblicabile.
        ogni giorno vengono pubblicate tante foto tratte da facebook in occasioni di sinistri o atti criminali.
        chissà chi è Deborah per giustificare la censura.
        se poi reputi che nel 2019 non si possa dire che una donna ha delle belle spalle, avendo fatto palestra, allora
        c’è qualche problemino

        1. “ha detto
          la Deborah fisicata al PM di Tivoli, un maschio premuroso, sensibile e umanamente colpito dal dramma di
          questa povera e dolce ragazza …”

          mi spieghi che necessità c’è di specificare che era “fisicata” in questo contesto? Si specifica che era “fisicata” forse per per insinuare che il PM “maschio premuroso” e probabilmente eterosessuale si è fatto abbindolare dal bel fisico della ragazza? E’ questa la bassa insinuazione che si vuole fare? Perchè non trovo altra spiegazione.

          “e di ragazze che fanno arti marziali ormai è piena l’Italia.
          Un tempo queste povere ragazze si frapponevano tra madre e padre, addirittura pacificavano, facevano da “mediatrici” in
          certi durissimi contesti separativi”

          già, bei tempi quando le arti marziali erano fatte solo da rudi e veri maschi, vero? Invece oggi maledizione anche le donne fanno arti marziali, non sono più esserini deboli che chiunque può picchiare senza rischio di prenderle dalla ragazza stessa, non hanno più bisogno che arrivi un maschio buono a picchiare i maschi cattivi! adesso li picchiano direttamene da sole, e allora noi maschi buoni a cosa serviamo?. Una volta invece le raggazze inermi si frapponevano fra padre e madre, prendevano botte dall’uno o dall’altra senza reagire, e tutto andava bene..giusto anonimo che manco ha il coraggio firmare le stupidaggini che scrive?

          1. “Fisicata” nel mio gergo significa “muscolosa”, non tanto figa da abbindolare il magistrato. C’è da augurarsi che sia molto molto molto fisicata. Altrimenti non si giustificherebbe l’omicidio con un solo pugno (19 anni contro 40, donna contro uomo). E meno di non ammettere che ci fosse di mezzo un coltello. Nevvero?

            1. se come sembra ha usato un coltello, specificare che era fisicata diventa ancora più inutile (a meno che nonsi voglia dire che i coltelli in mano agli esili sono meno letali e potrebbe essere, io non lo so) come è irrilevante il fatto che facesse arti marziali

              1. I coltelli in mano agli esili sono meno letali: la mia ex convivente mi diede una coltellata, ho ancora il segno dopo 21 anni ma passai la notte in hotel, non in ospedale.
                A parti invertite lei sarebbe morta.

          2. “mi spieghi che necessità c’è di specificare che era “fisicata” in questo contesto? Si specifica che era “fisicata” forse per per insinuare che il PM “maschio premuroso” e probabilmente eterosessuale si è fatto abbindolare dal bel fisico della ragazza?”

            Chiaro che si, 90% di probabilità che il vecchio si sia fatto impressionare dalle lacrime e dalla relativa avvenenza.

            Il PM è un deficiente disinformato che va in giro affermando che viene uccisa una donna ogni 3 giorni dal compagno, quando in realtà 365/34 fa una cifra molto diversa.
            E’ ovvio che un disinformato pressappochista come quello si faccia influenzare anche dall’aspetto di una ragazza giovane, se uno ha un atteggiamento così superficiale non è che rinsavisce quando sente odore di fica, anzi…di fronte alla stampa

            Eh, si: ho proprio scritto che il PM è un deficiente, da “deficiere”.
            Che mi porti in tribunale e poi facciamo i conti se le cifre giuste sono le mie o quelle del deficiente disinformato.

            1. ripeto, speriamo che non sia stato tutto organizzato… una separazione non conveniva, altrimenti lo si doveva mantenere, magari beveva e russava la notte, cosa di meglio che dargli una coltellata e toglierlo di mezzo e se magari è una bella ragazza a dare la coltellata ( certo che faccia da cazzo, ti accoltello e poi ti dico papa’ non mi lasciare ) ci si fa anche un po’ di soldi con qualche passaggio televisivo

              1. tu caro anonimo (e anche altri qui) non hai fatto alcuna indagine, non hai ascoltato nè la ragazza nè i vicini, non sei inquirente nè magistrato, non ti sei occupato minimamente del caso, ti basi sulle ricostruzioni dei media come me ma fai ipotesi basate su non so cosa, fai basse insinuazioni su futuri passaggi televisivi, insulti gratutiti (“Faccia da cazzo”) e sei sicuro di aver capito tutto meglio del procuratore di Tivoli che avrebbe la mente obnubilata dal femminismo e dal bell’aspetto della ragazza come ha detto ericlauder. Caro anonimo, ma con questo acume avresti dovuto fare giurispridenza, dovevi fare il giudice anche per fare da argine al pericoloso femminismo che avrebbe (secondo questo blog) preso possesso di quasi tutta la magistratura. Caro anonimo, perchè non hai messo il tuo acume a servizio della giustizia entrando in magistratura e salvandoci così dal femminismo?

                1. Quando uno dice che viene uccisa dal compagno una donna ogni tre giorni è disinformato; una donna ogni tre giorni sarebbero 121-122 donne uccise dal compagno nel 2018, fosse una ogni 5 giorni sarebbero 73 nel 2018.
                  Invece nel 2018, “femminicidi propriamente detti”, cioè uccisi dal compagno, sono 34: fonte Polizia di Stato. Una ogni 10,7 giorni
                  Come mai un PM ignora i dati della Polizia di Stato? E spara cifre 4 volte mezzo più grandi dei dati forniti dalla Polizia di Stato?
                  Il PM non sa niente di niente, è evidente.

                2. Errata corrige: 3 volte e mezzo, ho schiacciato 4 per errore. “Una ogni 3 giorni” è oltre 3,5 volte la realtà che è “una ogni 10,7 giorni”.
                  Sarebbe come se, avendo un 25% di crimini commessi da stranieri, un PM che sta giudicando l’omicidio di uno straniero andasse in TV e dicesse che gli stranieri commettono l’88% di tutti i reati: uno che spara simili BALLE ovviamente assolverebbe chiunque ammazzasse uno straniero, salvo casi così clamorosi che non possa evitare.

          3. Quindi io che sono “fisicato” posso picchiare le ragazze cattive senza l’iauto delle ragazze rudesse vere femmine ? Ah, e ti firmo anche la mia “stupidaggine” così acquista più autorevolezza con un nome

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: