STALKER SARAI TU

Rete delle donne: su per le barricate, giù dalle barricate (e ora chiedete scusa)

Questo blog ha interrotto le pubblicazioni il 14/09/2020, dopo 4 anni di attività.

Le sue tematiche sono ora sviluppate da una nuova piattaforma:

LA FIONDA

https://www.lafionda.com

<

varie_antiviolenzaLunedì 7 gennaio. Le agenzie di stampa diramano una notizia: a Grosseto una ragazza di 25 anni è scampata a un tentativo di stupro da parte di due giovani africani. I Carabinieri indagano e la notizia si diffonde subito. Ovvio: coniuga due temi caldi, violenza sulle donne e immigrazione.  Giovedì 10 gennaio. Le agenzie di stampa diramano la presa di posizione della “rete delle donne” di Grosseto. In un comunicato congiunto, i centri antiviolenza e le associazioni  “Centro Donna”, “Centro antiviolenza Olympia De Gouges”, “Non una di meno” e “Raccontincontri – La libreria delle Ragazze” affermano: “Prima di tutto la vogliamo accogliere in un abbraccio simbolico. Ci piacerebbe poterlo fare direttamente, farle sentire la nostra vicinanza e la forza che le donne nel loro cammino storico hanno e stanno costruendo insieme“.

La rete delle donne grossetana però non si limita a un abbraccio virtuale per la vittima. Dal fattaccio trae conclusioni certe e molto gravi. “Episodi come questo ed altri“, dice la loro nota, “ci fanno risentire sulla pelle quel destino di “preda”, persino di tenzoni amorose, di oggetto di puro possesso che il patriarcato ha preteso di imporci e da cui ci siamo liberate. La violenza maschile sulle donne, nelle strade e tanto meno nelle case, non si argina con le sole forze dell’ordine“. E’ un chiaro richiamo alla necessità che il ruolo delle associazioni di donne e dei centri antiviolenza, ossia di loro stesse, sia maggiormente valorizzato a fronte di una violenza maschile dilagante nel nostro paese. Ma non finisce qui.

#donna_manifestanteEvidentemente“, continua la nota, virando sulla politica, “è più facile prendere voti sbandierando il vessillo della sicurezza che governare mantenendo le promesse. E stendiamo un velo pietoso sulle proposte di ronde dei vari gruppi fascistoidi che nella violenza hanno la loro matrice originaria“. Insomma le associazioni non nascondono la loro vena antigovernativa e di sinistra. In chiusura di nota c’è la rivendicazione: “ciò detto, non possiamo limitarci a redigere il bollettino periodico dei femminicidi e delle violenze sulle donne. Come associazioni di donne e centri antiviolenza da anni profondiamo il nostro impegno per contrastare la cultura del patriarcato e continueremo a farlo. Nessun altro soggetto, istituzionale o no, passerà dalle parole ai fatti?“.

Questo articolo è il frutto del lavoro volontario e gratuito dell’autore. Se vuoi aiutarlo contribuendo al mantenimento del blog e alla diffusione dei suoi contenuti, fai una donazione tramite bonifico o PayPal. Grazie!


IBAN: IT12D0617501410000001392680

Toni forti, toni sentiti. La vicenda della 25enne ha mosso le corde più profonde delle attiviste antiviolenza di Grosseto. La partecipazione emotiva e militante è piena, le ispira a mostrarsi prima umane, poi politicamente avverse al corso attuale e  infine fieramente orgogliose della propria lotta contro quel fenomeno definito con convinzione “patriarcato”, quell’orrore contestuale che giustifica gli stupri, sminuisce i femminicidi, sottostima la violenza sulle donne, rendendo indispensabile la presenza di associazioni e centri antiviolenza come loro. Se non che: sabato 12 gennaio, la 25enne ammette di essersi inventata tutto. Non spiega il motivo davanti agli inquirenti e a tutto l’imponente apparato investigativo che si era mobilitato per pescare i due stupratori inesistenti. Di fatto, la giovane ha avanzato false accuse e finisce indagata per procurato allarme (reato da poco, non si capisce perché non simulazione di reato, ben più grave; pussy-pass anche in questo caso?).

persone_colonnaLe parole del Sindaco di Grosseto a quel punto sono di sollievo, ma anche didascaliche. Si dice infatti dispiaciuto “per coloro che hanno subito cavalcato la notizia per svariati motivi personali, senza alcuna certezza e con indagini ancora in corso, contribuendo a generare un clima di paura”. A chi si riferisce? Non certo ai molti che hanno colto l’occasione, specie sul web, per dare addosso agli immigrati. Antonfrancesco Vivarelli Colonna, sindaco di Grosseto, si regge su una maggioranza di centro-destra, Lega inclusa, quindi è difficile che spari sulla propria compagine. Tra i bersagli non ne resta che uno: quei centri antiviolenza che, congiuntamente e con irrefrenabile passione, hanno colto l’occasione per abbracciare la vittima e per trarre da quell’abbraccio una ghiotta occasione di autopromozione, attacco politico e demonizzazione dell’uomo in quanto uomo. Cioè a creare proprio quel clima di paura in cui prosperano da anni.

Non è un caso che, fatta sbollire la vicenda, pur dopo essersi tanto appassionate, le stesse associazioni tentino di smarcarsi: piano piano scendono dalle barricate, in punta di piedi, e diffondono comunicati che sono un inno alla supercazzola prematurata, dove fioccano ancora le solite parole d’ordine: violenza, patriarcato, razzismo, fascismo e chi più ne ha più ne metta. Tentano così la difficilissima operazione di dissociarsi da una falsa accusatrice, dopo averla abbracciata stretta, spinte probabilmente da affinità elettive che non potrebbero mai ammettere, pur sapendo quanto sono reali. Sulle false accuse i centri antiviolenza vivono e prosperano. Ogni minima iniziativa disincentivante delle false accuse genera una loro mobilitazione armata (vedasi cosa accaduto con il DDL 735), perché senza di esse e senza una paura diffusa manca loro l’ossigeno. Ecco dunque la corsa alla presa di distanze, dopo aver solidarizzato con il prototipo perfetto delle loro strategie, quello che genera il ben noto 95% di denunce archiviate o finite in assoluzione a carico degli uomini.

Questo articolo è il frutto del lavoro volontario e gratuito dell’autore. Se vuoi aiutarlo contribuendo al mantenimento del blog e alla diffusione dei suoi contenuti, fai una donazione tramite bonifico o PayPal. Grazie!


IBAN: IT12D0617501410000001392680

varie_indicareEbbene, amiche (si fa per dire) della rete delle donne di Grosseto, non vi è consentito di uscire dall’angolo con così tanta facilità e sfacciataggine. Mi scuso se uso una terminologia pugilistica, dunque patriarcale e oppressiva, ma è una figura retorica per rendermi comprensibile (e mi scuso ancora per il #mansplaining). Non è con le supercazzole che affermerete una buona fede che palesemente non c’è. Quello che ora noi esigiamo sono delle scuse. Mi permetto di parlare a nome della stragrande maggioranza di uomini e donne per bene, quelli che non cascano nella vostra propaganda, che non si riconoscono in alcun patriarcato, che non abusano, violentano o maltrattano nessuno, e anche a nome di quelle moltissime persone finite alla sbarra per accuse false o sovrastimate. Ma soprattutto parlo a nome delle vere vittime di violenza che spesso non trovano giustizia perché le loro denunce finiscono nel calderone delle innumerevoli denunce false. E badate che tutto questo non è frutto della fantasia di un blogger fanatico, visto che ne parla con grande chiarezza anche il Presidente dell’Unione Camere Penali Gian Domenico Caiazza e che proprio su questo tema si aprirà l’anno giudiziario dei penalisti italiani.

Insomma, care amiche (si fa per dire), noi vogliamo delle scuse. E le vogliamo ora. Sappiamo che sarà arduo per voi. Sarà come ammettere l’esistenza di qualcosa che nega alla radice la vostra esistenza, ma se avete l’etica e l’afflato ideale che dichiarate di avere, le vostre scuse a tutta l’opinione pubblica sono doverose. In mancanza di esse, si avrà la certificazione inoppugnabile della vostra malevolenza e malafede. Per chi volesse associarsi a questa mia richiesta di scuse con una semplice email contenente il link a questo articolo, qualcosa tipo “Ora chiedete scusa – https://bit.ly/2Scwevi“, questi sono i recapiti delle associazioni protagoniste di questa brutta storia di malanimo e malafede:


Per essere sempre aggiornato sui nuovi articoli, iscriviti alla newsletter di “Stalker sarai tu”:

Loading

footer_sst

10 thoughts on “Rete delle donne: su per le barricate, giù dalle barricate (e ora chiedete scusa)

  1. una riflessione però voglio farla: i centri antiviolenza femminile fanno parte della galassia sinistroide che spalleggia l’immigrazione clandestina… però ( E QUESTO SENZA CHE IO ABBIA VALUTATO SE I FATTI DI GROSSETO SIANO VERI O MENO ) appena un immigrato commette una violenza urlano sputando odio sugli uomini… e queste accuse su chi pesano?, sull’uomo medio italiano che si vede trattato come un violento !

  2. Visto a morsi e bocconi Presadiretta su Raiplay, non credo che quel tipo di messaggio vada assolutamente sottovalutato perché è subdolo, sembra dare spazio al contraddittorio, in realtà è sottilmente ma nettamente schierato. Se le cagate che in modo parziale fanno risultare risultano di poca presa per gente sgamata quale purtroppo siamo, potrebbe invece orientare in senso sbagliato il pensiero di chi certe cose non le ha vissute e le ha apprese solo per sentito dire. Non è un articolo di una Somma & C. qualsiasi, questi sono veramente pericolosi.

  3. Presa diretta ieri sera è arrivata quinta per spettatori sui sette programmi da prima serata dei 7 network principali (i tre Rai, i tre Mediaset e La 7). Probabilmente se la controprogrammazione del Secondo non fosse stata così scarsa (favori interni?) e se sulla 7 ci fosse stato un programma d’attualità politica anziché le repliche di Grey’s Anatomy sarebbe arrivata ultima.

      1. Metti un pugno di spettatori che se lo guarda su Raiplay (usato nel 90% dei casi per rivedersi telefilm, sceneggiati e varietà, al massimo Chi l’ha visto), cambia poco: Presa diretta è stato visto quasi esclusivamente da persone che già la pensano in quel modo, di danno ne ha fatto davvero poco.

        1. Ribadisco: siamo alle magre consolazioni? Alla volpe e l’uva? Io francamente non ci sto che anche solo UNA persona abbia sentito una versione dove gli uomini sono tutti violenti a prescindere, specie se padri. E’ proprio concettualmente scorretto, per principio. Appigliarsi allo share basso per ingoiare per l’ennesima volta no. Per lo meno no è da me. Io non mi accontento. Io presento denunce. Spero di non restare solo.

          1. Davide, anch’io odio la propaganda antimaschile portata avanti da Dandini & co., da Iacona e, in maniera più sottile, dalla Sciarelli su Chi l’ha visto. Però, visto che in questo caso Iacona è stato visto da appena quattro gatti (Presa diretta ha meno appeal rispetto a un tempo, chissà perché ^_^ ) e che con una controprogrammazione migliore sarebbero stati due, PERCHÉ FARGLI PUBBLICITÀ con una denuncia? Se la merita, vero, ma sarebbe troppo onore per lui.

  4. non chiederanno mai scusa….troppo livore e troppa faziosità nei loro atteggiamenti .

    a proposito: in relazione all’orrenda puntata di Presa Diretta del duo Iacona-giornalista femminista

    lascio indirizzo email per reazioni, proteste (nei limiti della liceità) ed eventuali richieste di
    rettifica, che ad esempio sta proponendo la associazione Flage .
    a proposito di alienazione: la presidente di Figli Liberi dalla alienazione genitoriale non
    vede la figlia da dicembre 2018. La ragazza è maggiorenne, il problema di Mariangela semplicemente
    non esiste per rai3, il signor Iacona e compagnia femminista.
    Nota bene: Mariangela ha a sua favore sentenza del tribunale cagliari che riconosce
    la pas e condanna l’ex partner.

    protestiamo uniti:

    presa.diretta@rai.it.

    1. Grazie downtown. Ti chiedo se puoi ripetere il commento sull’articolo che farò uscire all’ora di pranzo proprio su Presa diretta. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: