Davide Stasi come Marco Travaglio?

Con un po’ di ritardo, mi arriva la segnalazione della replica che Marco Travaglio diede a Lucia Annibali rispetto alla sua insensata risposta al suo tweet politico. Giusto per ricordare, si tratta di questo:

Il giorno dopo su Twitter, ripreso dall’Huffington Post, viene diffusa la replica del giornalista del Fatto Quotidiano:

travaglio annibali

Ehi ma… aspetta un attimo… non sono forse gli stessi concetti espressi nel mio post su Facebook, quello che ha fatto il giro d’Italia valendomi la nomea di “mostro del web”?

Sì sì, sono proprio gli stessi. Il tono è diverso, ma nemmeno troppo. Anche il giornalista del Fatto Quotidiano, come me, fa ironia citando la “acidità di stomaco”. Io sono stato più brillante perché ho citato anche l’acido acetilsalicilico, però! In ogni caso Travaglio esprime in sostanza gli stessi concetti miei. Tratta Lucia Annibali da pari, senza concederle particolari vantaggi a causa della sua drammatica vicenda personale. E non si scusa, giustamente. Annibali è un personaggio con responsabilità pubbliche, dunque è giusto che si sottoponga alla critica altrui senza farsi scudo dei propri sentimenti o della propria vicenda. Aver vissuto un dramma non consente di fare le maestrine dalla penna rossa cercando di censurare chi dice cose che non piacciono. In modo “semiserio” io e Travaglio abbiamo espresso la stessa cosa.

Ora, delle due l’una. O tutti i media, i politici e gli opinionisti che hanno spalato merda su di me in questi giorni scrivono delle scuse pubbliche facendole girare con la stessa forza, oppure mi attendo un’uguale shitstorm ex post nei confronti di Marco Travaglio. E non mi si venga a dire che lui può e io no. E’ indubbio che lui sia un grande giornalista e io un emerito signor nessuno, ma le opinioni restano opinioni, così come la libertà per tutti di esprimerle, che a parlare sia un grande e famoso professionista o un semplice blogger. Anzi se un big come Travaglio si esprime in quel senso senza suscitare nessuna shitstorm, a maggior ragione un libero cittadino può esprimere una valutazione similare senza necessità di criminalizzarlo con ferocia.

Insomma, due sole parole per chi ha dato l’innesco a tutto quanto: 1) fate schifo; 2) avete perso (miseramente).

P.S.: nel caso Marco Travaglio legga questo articolo, naturalmente mi guardo bene dal paragonarmi a lui sotto ogni aspetto, specie quello professionale. Non si offenda e non si irriti se avvicino il mio nome al suo. Lo faccio solo limitatamente a questa vicenda che coinvolge il mio post su Facebook e il suo Tweet, che sono oggettivamente e straordinariamente concordi.


ACQUISTA IL LIBROACQUISTA L’E-BOOK

Anche su IBS, Amazon, Feltrinelli e Mondadori

grafica_ingranaggibanner

ACQUISTA IL LIBROACQUISTA L’E-BOOK

Anche su IBS, Amazon, Feltrinelli e Mondadori

Per essere sempre aggiornato sui nuovi articoli, iscriviti alla newsletter di “Stalker sarai tu”:


 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: