STALKER SARAI TU

“Presa diretta”: davvero vi stupite?

Questo blog ha interrotto le pubblicazioni il 14/09/2020, dopo 4 anni di attività.

Le sue tematiche sono ora sviluppate da una nuova piattaforma:

LA FIONDA

https://www.lafionda.com

<

varie_presadiretta2L’altra sera ho ricevuto una mezza montagna di messaggi: “stai vedendo Presa diretta?“, “ma senti cosa stanno dicendo?”, “fai qualcosa, è vergognoso!”, e così via. Il programma doveva trattare di separazioni, affidi e del DDL 735. E l’ha fatto come solo un programma di Rai Tre e una trasmissione che mai ha nascosto le proprie inclinazioni politiche, poteva farlo. Quand’anche il DDL 735 fosse stata la proposta di legge più avanzata e meglio concepita della storia repubblicana (cosa che comunque purtroppo non è), il tema sarebbe stato trattato esattamente nello stesso modo. Avevo visto il trailer della trasmissione, avevo già capito l’andazzo e per questo mi sono guardato bene dal sintonizzarmi sul programma di Riccardo Iacona. Ma non è solo il posizionamento ideologico pregiudiziale dell’emittente e della trasmissione a rendermi poco stupefatto della trattazione che è stata fatta del tema separazioni e affidi. In realtà c’è qualcosa di più. Qualcosa che ho già espresso non moltissimo tempo fa rispetto al percorso a cui li DDL 735 è destinato. Da Roma mi giungono diversi input, qualcuno mi dà come certa la sua approvazione, fatte le modifiche del caso, altri mi confermano che non vedrà mai la luce. Tra le due posizioni, quella più convincente, con più argomenti e fatti a supporto, è proprio quest’ultima. Il M5S non vuole il DDL 735, dunque non passerà. Questo lo dico da mesi. Non è un caso che, ottenuta certezza che non vedrà la luce, le vagine armate si sono zittite. Il Senatore Pillon, dal canto suo, ha cominciato a intervenire su altri temi, a non basare la propria attività politica solo su quella proposta. Un atto prudente e intelligente. Il tutto mentre Salvini “apriva” alle vagine armate col Codice Rosso e i soldi per le vittime di “femminicidio”. Il resto va come deve andare, come addirittura era stato pianificato. La puntata di “Presa diretta” di ieri è stata girata tempo fa, ad accordo raggiunto. Ed è solo una tappa, forse una delle ultime, del percorso di soppressione della proposta di legge n.735. Con un po’ di cinismo la definirei un mero vilipendio di cadavere. Dunque, cari amici e care amiche, che c’è da stupirsi? Si cerchi di essere realisti e non ci si innamori di un’idea. Il DDL 735, come ho sempre sostenuto, non è la soluzione. Ci si avvicina, questo sì, ma non è la soluzione. Bando alle appartenenze politiche e ai miraggi, dunque. Se qualcosa nasce storto, non lo si può più raddrizzare. Lasciamo che accantonino il DDL e che il M5S segni questo punto a proprio favore. La riforma rimane comunque un impegno del contratto di governo e ci sarà dunque l’occasione per ricominciare daccapo facendo nascere qualcosa di dritto, anzi diritto. Ottime idee in campo ce ne sono già. Strumenti per imporle pure. Basta volerlo. Voi lo volete? Io sì. E alle prossime europee voterò il partito che si impegna a realizzare qui in Italia ciò che è scritto nel Patto per l’Equità e la Giustizia, oppure non voterò affatto. Finché sono solo io, non cambia nulla. E se fossimo milioni? Smettete di lamentarvi e scrivere interminabili lettere di protesta perché cannoneggiano il DDL 735, dunque. Tanto non le leggono. Tanto tutto era già  ampiamente previsto. Rimboccatevi le maniche per avere pronta un’alternativa più forte, piuttosto. Riboccatevele per imporla a chi di dovere.

Questo articolo è il frutto del lavoro volontario e gratuito dell’autore. Se vuoi aiutarlo contribuendo al mantenimento del blog e alla diffusione dei suoi contenuti, fai una donazione tramite bonifico o PayPal. Grazie!


IBAN: IT12D0617501410000001392680


Per essere sempre aggiornato sui nuovi articoli, iscriviti alla newsletter di “Stalker sarai tu”:

Loading

footer_sst

5 thoughts on ““Presa diretta”: davvero vi stupite?

  1. Come ho già detto più volte, il più grande pregio del DDL Pillon è il dibattito pubblico – ora in tanti hanno visto due cose:

    Primo: che il contratto di matrimonio significa DIRITTI per la donna e DOVERI per l’uomo.

    Secondo: che la situazione squilibrata attuale NON è frutto del caso e NON è un errore. E’ voluta e difesa con le unghie e con i denti.

    Chi ha obbiettività e coraggio a sufficienza, può facilmente trarne le conclusioni.
    E’ brutto trarre le conclusioni, è come avere un lutto, è come se ti fosse improvvisamente morta una persona cara, anche se non è morto nessuno.
    A differenza di un lutto vero, però, passata la brevissima fase di sofferenza iniziale, non ti verrò in seguito più nessuna nostalgia né dolore per la perdita, anzi…ne riderai pensando “quanto ero stupido!”…

        1. Sentenza n. 9178/2018 della Cassazione:

          “la coabitazione deve essere intesa come semplice indizio o elemento presuntivo della esistenza di una convivenza di fatto, da considerare unitariamente agli altri elementi allegati e provati e non come elemento essenziale di essa, la cui eventuale mancanza, di per sé, possa legittimamente portare ad escludere l’esistenza di una convivenza.”

      1. Al momento il mio carnet di relazioni serie con donne, ovverosia un contratto di matrimonio e una coabitazione consta di professoressa di liceo italiana e HR manager svedese. Incrementarlo non è in cima alla lista delle mie priorità.
        Che è una “culattina”? La piccola culatta di un cannone?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: