Radio Londra: l’informazione ai tempi del coronavirus

Questo blog ha interrotto le pubblicazioni il 14/09/2020, dopo 4 anni di attività.

Le sue tematiche sono ora sviluppate da una nuova piattaforma:

LA FIONDA

https://www.lafionda.com

di Davide Stasi – Ho provato a buttare lì un’idea sui social: dato che siamo tutti costretti a casa dall’emergenza coronavirus, e dato che TV e social alla fine saturano e annoiano, perché non provare a tirar su una specie di trasmissione video-radiofonica da mandare sul web, per trattare i temi cari a questo blog? La risposta è stata amplissima ed entusiastica, oltre le aspettative. Ecco allora che nasce “Radio Londra”, una diretta YouTube-Facebook che ho definito “programma di informazione e confronto su uomini, donne e relazioni di genere”.

Sarà una trasmissione serale e in diretta, con inizio alle ore 21.00 e della durata di un’ora e mezza. Non avrà un giorno fisso, molto dipenderà dall’audience e dal tempo necessario per prepararne i contenuti. Le tematiche saranno tutte quelle usuali di questo blog e proverò ogni volta ad avere ospiti ed esperti per sviscerare le questioni e approfondire il più possibile. Chi si connetterà potrà partecipare tramite una chat e agli interventi del pubblico saranno dedicati 10/15 minuti finali. Ogni trasmissione verrà registrata, in modo che possa essere fruibile anche da chi per qualunque motivo non potesse connettersi per la diretta.


Resterà l’emergenza totalitaria del femminismo.


Due parole sul nome: Radio Londra, per chi non lo sapesse, fu una trasmissione con cui la BBC comunicò con tutta Europa durante la seconda guerra mondiale, con programmi specificamente indirizzati ai paesi sotto il pugno del totalitarismo. Da un certo momento in poi divenne anche veicolo di messaggi in codice per la resistenza contro i nazifascisti. Famoso è l’intro delle sue trasmissioni, con la sequenza al tamburo dell’incipit della Quinta Sinfonia di Beethoven (che in alfabeto morse indica la V di vittoria) e l’annuncio “Parla Londra. Trasmettiamo alcuni messaggi speciali”. La sigla della trasmissione riprenderà proprio quell’intro.

La nostra “Radio Londra” avrà una funzione simile. La sua ispirazione è dichiaratamente antifemminista e antigender. Le sue trasmissioni serviranno a mandare messaggi di speranza e vittoria, ma soprattutto a costruire una piattaforma d’idee da cui magari ripartire perché, terminata la crisi coronavirus, resterà ancora l’emergenza totalitaria del femminismo che avvelena la vita delle comunità. Un totalitarismo da abbattere per ricominciare tutti su binari solidali che, chissà, l’epidemia attuale potrebbe aiutare a rafforzare. Il primo appuntamento è dunque a mercoledì 18 marzo, dove si parlerà di separazioni e affidi insieme a ospiti importanti come Marcello Adriano Mazzola, Fabio Nestola e Francesco Toesca. Le puntate verranno via via archiviate su questa pagina. Richiameremo l’appuntamento dovunque possibile, e annunceremo sempre in anticipo gli appuntamenti successivi. Al passaparola provvedete voi.


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: