STALKER SARAI TU

Il “patriarcato” non regge alla prova dei fatti

Questo blog ha interrotto le pubblicazioni il 14/09/2020, dopo 4 anni di attività.

Le sue tematiche sono ora sviluppate da una nuova piattaforma:

LA FIONDA

https://www.lafionda.com

<

patriarcatoLa teoria del “patriarcato” è il fondamento ideologico di tutto il femminismo mondiale odierno. Non è nemmeno un assioma, ma un vero e proprio dogma, attraverso il quale viene letto tutto il percorso storico dell’umanità e interpretato il presente. Semplificando: la teoria marxista sostiene che la storia sia stata una costante tensione tra chi, a prescindere dal sesso, deteneva il potere, anzitutto economico, e chi, sempre a prescindere dal sesso, da quel potere veniva sfruttato, impoverito e oppresso. La teoria femminista del patriarcato è uguale, ma sostituisce gli uomini ai detentori del potere e le donne agli sfruttati, impoveriti e oppressi.

Questa chiave di lettura ha anche alcuni padri e alcune madri “nobili” (ne cito solo due, tra i tanti: Olympe Des Gouges, fondatrice del femminismo storico all’epoca della Rivoluzione Francese, e Friedrich Engels, ideatore di uno spin-off del marxismo in chiave femminista in epoca ottocentesca). La volgarizzazione delle loro idee oggi va per la maggiore e impone il paradigma del “patriarcato” per dimostrare la secolare oppressione femminile e l’attuale diritto delle donne a ottenere un risarcimento, una contropartita, quando non una vendetta. Da questi assunti deriva l’attuale doppio standard antimaschile applicato nella cultura, nei tribunali, nelle politiche.


Non è nemmeno un assioma, ma un vero e proprio dogma.


Ma questi paradigmi di lettura della storia reggono alla prova dei fatti? La teoria marxista sì. Sebbene sia stata sfidata a più riprese (ad esempio dal filosofo-economista Vilfredo Pareto), rimane ancora oggi una chiave di lettura efficace e coerente, se applicata a ogni fase della storia umana, per come viene diversamente testimoniata. La teoria del patriarcato decisamente no: rispetto a Marx, lo spostamento del focus dal potere, specie economico, al sesso, non trova alcun riscontro.

Se si fa qualche ricerca, si trovano innumerevoli prove a favore della chiave di lettura marxista e altrettanto innumerevoli smentite all’idea femminista secondo cui in ogni epoca gli uomini hanno oppresso le donne, costruendo un mondo di privilegi maschili da cui queste venivano escluse, attraverso una sorta di reclusione in casa dove erano costrette a sfornare ed accudire figli, oltre che occuparsi delle faccende domestiche. Ne ho avuto conferma di recente, trovando una bellissima pagina di Facebook dove vengono raccolte le foto antiche di Genova, la mia città. Ne ho salvate alcune, tutte antecedenti al 1925, dunque in piena epoca “patriarcale”, e vorrei condividerle qui per ragionarci sopra.


La teoria marxista rimane una chiave di lettura efficace e coerente.


Nelle foto puramente “urbane”, ciò che si nota è una presenza pressoché paritaria di uomini e donne. Queste ultime non di rado da sole o in compagnia di altre donne. In linea di massima tutti sono vestiti in modo elegante (per l’epoca), segno di uno status economico agiato, ma non mancano anche donne e uomini in abiti più semplici e popolari. Non pare dunque molto sostenibile l’opinione della donna relegata in casa, mentre l’uomo se la spassa in giro, nuotando nei suoi privilegi come Paperone fa con i suoi dollari. Sembra piuttosto che, sulla scorta della lettura marxista, la linea di demarcazione sia appunto quella della ricchezza.

Le rappresentazioni non cambiano quando lo scenario non è più cittadino ma contadino. La presenza di un fotografo era un evento importante nelle zone interne (Val Polcevera, Fegino e altre) e davanti all’obiettivo ci si presentava tutti, famiglia al completo, donne incluse. Gli abiti non sono sfarzosi, naturalmente, ma la dignità, nel numero dei presenti, nella posizione seduta o in piedi, è decisamente paritaria.

Certo le foto viste finora sono tutte prese o in posa o in momenti disimpegnati. Resta il fatto che, dicono le sostenitrici del “patriarcato”, la donna veniva costretta in un ruolo inferiore, subordinato, oppresso, quando si trattava di essere produttivi. Dunque cosa faceva questa gente tra fine 800 e i primi del ‘900 quando si trattava di lavorare? Guardando la foto seguente, si vedono donne intente a lavare i panni ai “truogoli” (acquai) pubblici. Paiono in effetti costrette a un lavoro da serve davvero poco dignitoso. Ci fossero stati Instagram o Facebook ai tempi, l’immagine sarebbe sicuramente stata accompagnata dall’indignato hashtag #tuttedonne.

E mentre queste donne si spaccavano la schiena a lavare lenzuola, camicie, calzini del marito o dei figli, gli uomini che facevano? Forse se ne stavano in qualche osteria a bere, o a sollazzarsi con qualche altra donnina allegra disponibile nelle zone del porto, o a giocare a carte in qualche piazza assolata della città? Niente affatto, gli uomini lavoravano. E se restiamo nella fascia popolare di chi non indossava pizzi, merletti o cilindri e scarpe lustre, il lavoro degli uomini non era sicuramente migliore di quello domestico svolto dalle donne. Mentre queste ai lavatoi si occupavano di lenzuola e del resto, infatti, gli uomini stavano al porto a caricarsi sacchi sulla schiena, oppure, come questi in foto, a scavare a piccone e pala la strada sulla terribile erta del Monte Gazzo, nei pressi della città. Da quella strada sarebbero dovuti poi passare i pellegrini, molti dei quali donne. Genere di cui però, al momento di impugnare la vanga, non c’è ovviamente traccia (#tuttiuomini).

Dopo un lavoro del genere, questi uomini saranno tornati a casa e avranno trovato la moglie o la compagna stanca come loro. Avranno messo la paga del giorno sul tavolo, consegnandola a lei per l’amministrazione domestica, andando poi a dormire, con le ossa doloranti, sotto a lenzuola lavate e stirate da lei. Una donna che però non necessariamente era confinata ai lavori di casa e affini, come pretenderebbe la teoria del “patriarcato”. Ad esempio non è dato sapere se le signore di prima stessero lavando lenzuola proprie o altrui, ossia se non stessero svolgendo un’attività remunerata di lavandaie. In ogni caso è provato che normali attività lavorative extradomestiche fossero tutt’altro che interdette al mondo femminile. In quest’altra foto diverse donne svolgono i loro commerci nel mercato centrale più importante della città, dunque fanno il loro business fuori casa:

varie_mercatorientale

Nessuno impedisce loro di star lì a vendere i loro prodotti esattamente come altri commercianti uomini del mercato. I loro mariti non le confinano in casa ad allattare marmocchi, come vorrebbero convincerci le femministe, né a fare lavori faticosi e “umili” come le lavandaie. Con buona probabilità lui è nei campi a raccogliere prodotti della terra, mentre lei è lì a venderli al mercato. Vista in modo economicista, insomma, queste modalità di relazione costituivano una cooperativa efficiente, dove ognuno svolgeva il proprio (faticoso) ruolo orientato alla sopravvivenza o a una vita dignitosa. Vista sotto il profilo sociologico, si trattava di una famiglia popolare. Certo le famiglie ricche se la passavano meglio: l’uomo andava in ufficio o nel proprio scagno a curare il proprio business, mentre le donne di casa andavano a zonzo per tè con amiche della stessa schiatta, lasciando alle sguattere e agli sguatteri la cura della casa (come testimoniato in modo mostruosamente comico dalla nota commedia “I maneggi per maritare una figliola“, eternata dall’attore genovese, famosissimo a quei tempi, Gilberto Govi e da sua moglie Rina). Ecco insomma che, di nuovo, spunta molto più credibile il barbone bianco di Marx che non le forzature delle sostenitrici del “patriarcato”.

Un’idea che crolla miseramente davanti a quella che è forse la foto più significativa tra quelle che ho trovato. Chi l’ha postata la data ai primi del ‘900 (gli abiti lo confermano) e la intitola giustamente “manenti e padroni”. I “manenti”, per chi non lo sapesse, sono  lavoratori agricoli tenuti alla corresponsione di una parte del prodotto e di determinati servizi personali a favore appunto dei “padroni”. Questi ultimi sono solo uomini e i contadini solo donne? Proprio no. Anzi:

Siamo di nuovo nell’entroterra genovese, dove quattro matrone, con tanto di ombrello, borsetta e cappellino a fiori, si fanno ritrarre orgogliosamente insieme a tre “manenti”, due donne e un anziano, integrati per l’occasione da un futuro contadino servitore maschio. Erano lì per una scampagnata, per prendere delle uova fresche dai loro dipendenti, o per riscuotere la parte spettante alle “padrone”? Chissà. Di fatto il peso più grande che portano è appunto un ombrello, mentre a destra la loro subordinata, donna, si carica sulla schiena una gerla ricolma di roba. Point, set e game per Marx, si potrebbe dire. Sconfitta totale della teoria del patriarcato, in altre parole.


Sconfitta totale della teoria del patriarcato, in altre parole.


Ciò che traspare da queste foto antiche di una città italiana è sicuramente rilevabile da altre foto relative ad altre zone di qualunque area italiana, europea o occidentale. Le testimonianze concrete dell’insussistenza teorica e pratica di chi sostiene l’idea del “patriarcato” oppressivo sono sparse in quantità alluvionali in documenti letterari, artistici, fotografici e amministrativi che, se letti con la corretta contestualizzazione storiografica, confermano di volta in volta la chiave di lettura marxista, relegando il paradigma del “patriarcato” là dove dovrebbe essere: nella “rumenta” (spazzatura, in genovese).

Ha importanza concreta ciò che si è detto finora? Io credo di sì. Perché è sulla totale falsificazione del passato operata dalle sostenitrici e dai sostenitori della “teoria del patriarcato” che si basa il doppio standard attuale, che spinge con sempre maggiore determinazione oltre ogni limite accettabile i privilegi concessi al mondo femminile, opprimendo, schiacciando, criminalizzando e penalizzando il versante maschile. Non c’è nulla di cui gli uomini siano debitori alle donne, in termini storici. Nulla che debba essere risarcito. C’è solo da recuperare, declinato in termini odierni, quella capacità cooperativa che ha sempre garantito una vita dignitosa, e talvolta anche il benessere, a intere famiglie e a un’intera comunità.


ACQUISTA IL LIBROACQUISTA L’E-BOOK

Anche su IBS, Amazon, Feltrinelli e Mondadori

grafica_ingranaggibanner

ACQUISTA IL LIBROACQUISTA L’E-BOOK

Anche su IBS, Amazon, Feltrinelli e Mondadori

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale di “Stalker sarai tu”:

Loading

 

11 thoughts on “Il “patriarcato” non regge alla prova dei fatti

  1. Non sono d’accordo per nulla sui doppi standard originati dalla visione marxista dei rapporti di genere. Semmai tale visione ha preso piede decenni fa così fortemente proprio perchè tali doppi standard (che alla fine sono perfettamente logici se visti nella sistematizzazione delle differenze biologiche tra uomo e donna) erano già presenti.

    La differenza veramente BASILARE, e origine di tutte le altre, tra uomo e donna è data dal differenziale di valore sessuale intrinseco dei due. La donna “ignuda” vale mille, l’uomo ignudo (ossia spogliato di tutti i suoi averi esterni) vale essenzialmente meno di zero. Questo ovviamente è vero nel piano strettamente sessuale/biologico/riproduttivo per mere questioni matematiche sulla diversa capacità riproduttiva e dunque il diverso desiderio sessuale.

    Commetti dunque lo stesso errore delle femministe nel considerare le differenze sociali come originate non da declinazioni civili di leggi naturali ma come una sorta di devianza causata da una sovrastruttura ideologica. Che poi, è pure all’origine del fenomeno Incel esploso tra i giovanissimi e tra i 20-30 enni nell’ultimo decennio. Se non capiamo questa differenza di base stiamo veramente freschi a sperare di fare un qualsivoglia passo in avanti

    1. Non credo che le due chiavi di lettura siano alternative, credo si integrino una nell’altra. Quella marxista mi convince molto, non tanto in quanto tale ma perché di fatto si applica con successo a tutta la storia umana. La lettura delle differenze biologiche è anche convincente, ma sottordinata a quella marxista, entro cui può essere applicata in moltissimi casi (ma non in tutti). Per dire: il possesso o meno della ricchezza spesso prevale sulle declinazioni civili di leggi naturali. E’ un fatto, non ideologia.

      1. Semplicemente la reale differenza tra individui è quella sessuale. La differenza economica fa parte della differenza sessuale poichè per un uomo il possesso economico garantisce status e possibilità maggiori di accoppiamento.

        Il femminismo ha attecchito grazie alla nostra naturale tendenza nel voler proteggere le donne proprio perchè portatrici di un valore sessual intrinseco mediamente molto maggiore di quello maschile

  2. peraltro le nazifemministe dicono che le donne hanno ottenuto il diritto di voto solo nel 1945, come se gli uomini ce lo avessero sempre avuto. da noi il suffragio universale maschile risale al 1911 mentre prima erano ben pochi a poter votare. inoltre dovevi aver adempito agli obblighi militari, obblighi che le donne non hanno mai avuto. tra mio bisnonno che ha combattuto nella guerra del 15-18 e ha potuto votare fin dal 1911 e mia bisnonna che ha dovuto aspettare fino al 45 ma non ha mai dovuto andare in guerra, direi che è stata lei la piu fortunata dei due.
    la nozione di privilegio maschile è una fallacia logica denominata fallacia del vertice o apex fallacy. anziché prendere in considerazione tutta la popolazione maschile, guardano solo la condizione di quelli piu in alto nella piramide sociale e la estendono inopinatamente a tutti gli altri.

    1. Esattamente. La differenza di attesa tra voto passivo-attivo maschile e femminile è di un decennio, togliendo le finte votazioni di regime, dove per altro le donne votavano in massa (e con entusiasmo) per Mussolini e il PNF.
      Non c’è argomento più fallace di questo del diritto di voto tra i loro argomenti.

    2. Gli uomini hanno ottenuto il diritto di voto solo nel 2004, quando l’obbligo del servizio militare è stato sospeso (attenzione: sospeso, non abolito).
      Prima non era un diritto propriamente detto, in quanto bisognava ottemperare al servizio militare per ottenerlo: non era quindi un diritto pieno.

    3. Va sempre ricordato che tra il suffragio maschile del ’12 e quello universale del ’45, vi furono una guerra mondiale e una dittatura ventennale, dove (per definizione) non poteva votare nessuno.

  3. Si sa che femminismo è quasi esclusivamente menzogna e quindi non bisogna dargli peso.

    Levata una piccola percentuale di benestanti, come ci ricorda il tempo prima della rivoluzione francese dove borghesia e clero rappresentavano il 3%, per tutti gli altri la vita era dura, più per gli uomini che per le donne.
    Le donne lavoravano in casa, lavori stancanti ma in un ambiente circoscritto e sicuro, gli uomini che dovevano tirar fuori il mangiare per la famiglia dalla terra e in tanti altri lavori massacranti, la loro condizione era più difficile e pericolosa, senza contare il dovere verso la difesa della patria.

    Ora è facile per queste pollastre moderne, dove l’energia del petrolio e tecnologia ha permesso loro di non sapere che cosa sia la fatica fisica, di sparlare di argomenti conditi di falsità di oggi e di ieri.

  4. Bravissimo, colpito in pieno.
    Il bello è che la reazione delle sedicenti femministe marxiste a questo genere di osservazioni è…assolutamente antimarxista, ovvero di solito stanno ben zitte in attesa che passi la buriana (mica sono sceme) ma alle volte rispondono che ricchezza e povertà non sono la base della diseguaglianza sociale, e che si può essere “principalmente privilegiati” anche se si è poveri e “principalmente oppresse” anche se si è ricche. E il bello è che tantissimi zerbini “di sinistra” o addirittura sedicenti “marxisti” di fronte a simili affermazioni non mangiano la foglia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: