Facciamo tutti come Michele

Michele è il nome di un uomo, padre ed ex marito della provincia di Campobasso. Uno dei siti di informazione locale più consultati da quelle parti è “Primonumero”. Proprio su quel sito Michele legge un articolo allarmante e allarmistico incentrato sul Codice Rosso: più di 200 segnalazioni di violenza contro le donne sono arrivate alla Procura di Campobasso nel periodo precedente all’entrata in vigore della legge voluta da Giulia Buongiorno. Segue il solito narrato, variazioni sul tema: donna = sempre vittima, uomo = sempre carnefice. Michele, dopo la lettura dell’articolo non ci sta. E fa qualcosa che tutti dovremmo prendere l’abitudine a fare: chiede una rettifica alla redazione.

Che stranamente la pubblica, anche se a modo suo. Ma di quella modalità parlerò tra poco. Interessa soprattutto sottolineare come Michele metta nero su bianco, partendo dalla propria vicenda personale, tutte le storture del sistema. Proprio quelle che ai media non piace tanto sbandierare e pompare. Mette il dito nella piaga, Michele, e ci rovista dentro con grande precisione e competenza. Probabilmente ha speso del tempo per scrivere la sua lettera alla redazione, ha vinto la pigrizia e lo scoramento (“tanto non serve a niente”) e ha fatto una cosa che andrebbe fatta sempre e in massa. Bravo Michele.


Michele, dopo la lettura dell’articolo non ci sta.


Anche perché con la sua lettera ha costretto “Primonumero” a uscire allo scoperto e ad argomentare il proprio approccio. Nel farlo, la redazione mostra tutta la propria malafede (o impreparazione, a seconda…). La violenza subita da Michele viene infatti definita “al contrario”. Un trucco espressivo per trasmettere l’idea che quella contro le donne sia la norma, quando è ben noto (e comprovato dai numeri) che così non è. Così come non è vero che “talvolta” (così dice la Redazione commentando le parole di Michele) anche gli uomini subiscano soprusi, maltrattamenti e violenza.

Le chiose della redazione alla lettera di Michele sono disseminate di distinguo e trucchetti del genere. Piccole concessioni usate per confermare un assunto ideologico da cui non si vuole fare marcia indietro. Non si vuole o non si può: hai visto mai che gli innumerevoli inserzionisti del sito se ne adontino… Un rifiuto insensato, anche davanti ai numeri. Già, i numeri. Lì si arriva al punto critico, dove il re di “Primonumero” si mostra tutto nudo.


Il re di “Primonumero” si mostra tutto nudo.


“I duecento casi di cui si parla”, commenta la redazione, “sono, purtroppo, casi processuali e non, certificati da fonti autorevoli. Sono, insomma, quelli che si chiamano dati ufficiali”. Il fatto è che Michele non si è sognato di mettere in dubbio l’ufficialità dei dati. Richiamarla nella replica pare dunque un modo per alzare un dito dietro cui nascondersi. In particolare per nascondere il buco nero nell’osservazione, là dove parla di “casi processuali”. Che di suo non vuol dire niente. E basta leggere l’articolo precedente per rendersene conto.

Esso infatti parlava di “segnalazioni e denunce”. Che, com’è noto, sono cosa molto diversa dalle condanne, e solo previo rinvio a giudizio diventano “casi processuali”. Chiunque può denunciare chiunque, nel nostro ordinamento. E le autorità hanno l’obbligo di esaminare e indagare su ogni denuncia (obbligo dell’azione penale). Quel dato da solo però non è indicatore di nulla, se non viene controbilanciato dal dato delle condanne. Michele esattamente questo ha fatto, con grande rigore, nella sua lettera, sostenendo che da anni la montagna di denunce contro gli uomini partorisce un microscopico topolino di condanne. E che questo qualcosa vorrà pur dire.


La montagna di denunce partorisce il topolino delle condanne.


La spiegazione più immediata, è noto a tutti, è che il gran numero di “segnalazioni e denunce” finite in archivio, transazione o assoluzione erano di natura falsa o strumentale. Come tali spessissimo presentate prima, durante o subito dopo fasi di separazione coniugale. Questa è la verità dei fatti e dei numeri, e non c’è supercazzola che la redazione di “Primonumero” possa fare per negarla. Tanto meno le dovrebbe essere consentito di infangare le innumerevoli esistenze rovinate, come quella di Michele, arrampicandosi sugli specchi e parlando di “eccezioni”. Cara redazione di Primonumero: eccezioni un par di palle, se mi si passa il francesismo.

Ancora un bravo grande a Michele, che ha messo spalle al muro un mezzo di comunicazione e le sue mistificazioni, colpose o dolose che siano. Facciamolo ancora, facciamolo tutti, senza pigrizia o sfiducia, con chiunque. Mi verrebbe da chiedere a tutti coloro che mi inviano le loro storie di inviarle in massa anche a “Primonumero”, per fargli capire quante sono quelle che loro chiamano “eccezioni”, ma lasciamo stare. Ripeto, perché più importante: si prenda esempio da Michele. Non facciamogliene più passare una. Ogni rettifica pubblicata sarà una picconata alla base del monumento di bugie che oggi avvelena le relazioni tra uomini e donne.



ACQUISTA IL LIBROACQUISTA L’E-BOOK

Anche su IBS, Amazon, Feltrinelli e Mondadori

grafica_ingranaggibanner

ACQUISTA IL LIBROACQUISTA L’E-BOOK

Anche su IBS, Amazon, Feltrinelli e Mondadori

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale di “Stalker sarai tu”:


 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: